Sangue, tessuti e organi

Organi

Anche se il trapianto di organi è un trattamento medico sempre più usato, il fattore principale che ne limita l’applicazione è la carenza di organi disponibili.

I reni sono gli organi trapiantati più di frequente e vanno in aiuto a pazienti con malattie renali in fase terminale. Altri organi che vengono trapiantati di frequente sono il fegato, i polmoni e il cuore, ma anche l’intestino tenue e il pancreas. Vengono inoltre continuamente sviluppati nuovi tipi di trapianti.

Dopo il decesso possono essere donati tutti gli organi, mentre i donatori viventi possono donare un rene o una parte del fegato.

/health/file/31893_it2017_infographic_obtc.jpg

Legislazione

Il quadro giuridico che definisce le norme per il trapianto di organi è fissato dalla direttiva 2010/53/UE, nota anche come direttiva sulla donazione degli organi.

La direttiva stabilisce le norme di qualità e sicurezza per gli organi. Racchiude tutte le fasi del processo di un trapianto, dalla donazione, al reperimento, al controllo, alla gestione fino alla distribuzione.

Per contribuire all’attuazione di questo atto di base, la Commissione ha proposto e adottato, in stretta collaborazione con le autorità dei paesi dell’UE, la direttiva 2012/25/UE della Commissione riguardante le procedure di informazione per lo scambio di organi umani destinati al trapianto tra gli Stati membri.

La proposta della Commissione per la direttiva sulla donazione degli organi era accompagnata da una valutazione d’impattoLa risoluzione 2007/2210, le conclusioni del Consiglio n. 15332/07 SAN sulla donazione e il trapianto di organi, la comunicazione della Commissione COM(2007) 275 e la consultazione sulla donazione e il trapianto di organi sono alla base della legislazione vigente.

Orientamenti

La Commissione europea collabora da vicino con enti specializzati, quali il Consiglio d’Europa (CdE) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), nell’elaborazione di orientamenti pratici volti ad aiutare i centri di trapianto e gli organismi di reperimento ad attuare questo quadro legislativo vincolante.

Coordinamento e attuazione

Le autorità nazionali competenti sono responsabili dell’attuazione delle disposizioni contenute nella legislazione dell’UE. La Commissione europea si riunisce regolarmente con loro per agevolare la comunicazione, scambiare migliori pratiche e raggiungere un’intesa comune sull’attuazione delle direttive.

Sulla base di sondaggi periodici a cura delle autorità competenti, la Commissione europea elabora relazioni sullo stato di attuazione della legislazione.

Occasionalmente le autorità nazionali competenti dell'UE adottano una dichiarazione su un argomento di interesse comune:

Piano d’azione

Il piano d’azione europeo per la donazione e il trapianto di organi (2009-2015): rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri ha aiutato i paesi dell'UE a far fronte alla carenza di organi, migliorando il sistema dei trapianti, la qualità e la sicurezza degli espianti. Il piano d’azione ha stabilito una direzione comune per far sì che i paesi europei potessero migliorare le attività di trapianto a livello nazionale ed è servito da base per molte azioni finanziate dall’UE. Durante il suo periodo di attuazione (2009-2015), i paesi dell’UE hanno effettuato 4 600 trapianti in più all’anno.

Azioni finanziate dall’UE

Nel campo delle sostanze di origine umana, la Commissione europea fornisce finanziamenti tramite il terzo programma dell’UE per la salute (2014-2020) e i programmi precedenti, prevalentemente per progetti o azioni comuni con le autorità nazionali. Il Parlamento europeo ha inoltre proposto di finanziare alcuni progetti pilota in questo ambito.

Gli interventi puntano a sostenere il mandato dell’UE sulla sicurezza e la qualità, ma possono anche promuovere altre priorità strategiche, come il miglioramento della disponibilità di sostanze di origine umana o l’efficienza dei sistemi sanitari che promuovono la donazione e la distribuzione. Alcuni esempi recenti:

  • azione comune FOEDUS - Incentivare lo scambio degli organi donati negli Stati membri dell'UE
  • EDITH - un progetto incentrato sulle diverse pratiche di donazione e trapianto degli organi
  • EUDONORGAN - formazione e sensibilizzazione per accrescere la donazione di organi nell'UE e nei paesi vicini.
  • COORENOR - un progetto che coordina un’iniziativa europea tra le organizzazioni nazionali per il trapianto di organi
  • ODEQUS - Indicatori del sistema di qualità europeo e metodologia della donazione di organi
  • azione comune ACCORD - verso un coordinamento globale della donazione di organi in tutta l'UE
  • azione comune MODE - scambi reciproci nel campo della donazione e del trapianto di organi: migliorare e sviluppare i programmi di donazione e trapianto di organi da donatori deceduti
  • EFRETOS - quadro europeo per la valutazione dei trapianti di organi
  • DOPKI - migliorare la conoscenza e la pratica della donazione di organi
  • ALLIANCE-O - gruppo europeo per la collaborazione tra i programmi nazionali di ricerca sulla donazione e il trapianto di organi
  • ETPOD - programma europeo di formazione sulla donazione degli organi
  • ELIPSY - assistenza psicologica a livello europeo per i donatori viventi
  • EULOD - donazione di organi da donatori viventi in Europa.