Dettagli della notifica

Decreto ministeriale recante: "Regolamento di disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto per determinate tipologie di combustibili solidi secondari (CSS) ai sensi dell'articolo 184-ter, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni."

Numero di notifica: 2012/480/I (Italia )
Data di ricezione: 10/08/2012
Termine dello status quo: 12/11/2012 ( 11/02/2013)

Commenti rilasciati da parte di: Commissione,Germania,Svezia
Emissione di un parere circostanziato da parte di: Austria,Belgio,Commissione
bg cs da de el en es et fi fr hu it lt lv mt nl pl pt ro sk sl sv
it
bg cs da de el en es et fi fr hu it lt lv mt nl pl pt ro sk sl sv


Messaggio 001

Comunicazione della Commissione - SG(2012) D/52159
Direttiva 98/34/CE
Notificación - Oznámení - Notifikation - Notifizierung - Teavitamine - Γνωστοποίηση - Notification - Notification - Notifica - Pieteikums - Pranešimas - Bejelentés - Notifika - Kennisgeving - Zawiadomienie - Notificacão - Hlásenie-Obvestilo - Ilmoitus - Anmälan - Нотификация : 2012/0480/I - Notificare.

No abre el plazo - Nezahajuje odklady - Fristerne indledes ikke - Kein Fristbeginn - Viivituste perioodi ei avata - Καμμία έναρξη προθεσμίας - Does not open the delays - N'ouvre pas de délais - Non fa decorrere la mora - Neietekmē atlikšanu - Atidėjimai nepradedami - Nem nyitja meg a késéseket - Ma’ jiftaħx il-perijodi ta’ dawmien - Geen termijnbegin - Nie otwiera opóźnień - Nao inicia o prazo - Neotvorí oneskorenia - Ne uvaja zamud - Määräaika ei ala tästä - Inleder ingen frist - Не се предвижда период на прекъсване - Nu deschide perioadele de stagnare - Nu deschide perioadele de stagnare.

(MSG: 201202159.IT)

1. md.structInfoLine_missing
MSG 001 IND 2012 0480 I IT 10-08-2012 I NOTIF


2. md.memState_missing
I


3. md.depResp_missing
MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DIPARTIMENTO PER L’IMPRESA E L’INTERNAZIONALIZZAZIONE – DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA - DIVISIONE XVIII – NORMATIVA TECNICA – 00187 ROMA Via Sallustiana, 53
tel. 0039 06/4705.5430 -.5340 – fax: 0039 06/48.21.702
e-mail: ucn98.34.italia@sviluppoeconomico.gov.it


3. md.origDepart_missing
MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - UFFICIO LEGISLATIVO - ROMA


4. md.notifNum_missing
2012/0480/I - S00E


5. Titolo
Decreto ministeriale recante: "Regolamento di disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto per determinate tipologie di combustibili solidi secondari (CSS) ai sensi dell'articolo 184-ter, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni."


6. md.prodConc_missing
Combustibili solidi secondari prodotti da rifiuti


7. md.notifAnotherCommAct_missing
- direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno
- requisiti che riservano l'accesso a fornitori particolari
- Possesso di autorizzazione per il trasporto ed obbligo di utilizzare contenitori riservati al prodotto.
- Il provvedimento è notificato anche ai sensi dell'articolo 33 del Regolamento (CE) n.1013/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2006, relativo alle spedizioni di rifiuti e ai sensi dell'articolo 40 della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa ai rifiuti.


8. md.mainContent_missing
Il progetto è costituito da 17 articoli suddivisi in 5 Titoli e 4 allegati.
Il Titolo I contiene le disposizioni generali concernenti l'oggetto, l'ambito di applicazione, le definizioni utilizzate nel provvedimento e le condizioni per la cessazione della qualifica di rifiuto.
Il Titolo II disciplina la produzione del CSS-Combustibile, che può avvenire esclusivamente in impianti autorizzati, specifica i rifiuti utilizzabili per la produzione, i processi e tecniche di produzione consentiti, prescrive le verifiche da effettuare su ciascun sottolotto di combustibile ai fini dell'emissione della relativa dichiarazione di conformità e impone al produttore di adottare un sistema di gestione per la qualità.
Il Titolo III tratta il deposito e movimentazione del CSS-Combustibile presso il produttore, il trasporto e il deposito e movimentazione presso l'utilizzatore.
Il Titolo IV detta le condizioni di utilizzo del CSS-Combustibile.
Il Titolo V individua i contenuti delle comunicazioni che produttori ed utilizzatori devono trasmettere ogni anno all'Autorità competente, istituisce il Comitato di vigilanza e controllo, detta disposizioni transitore, contiene una clausola di mutuo riconoscimento.
Gli allegati individuano:
1.- Tipologie di CSS-Combustibile; 2.- Rifiuti pericolosi il cui utilizzo non è ammesso per la produzione del CSS-Combustibile; 3.- Processi e tecniche di produzione del CSS-Combustibile; 4.- Formato e contenuti della dichiarazione di conformità.


9. md.briefGrounds_missing
Lo schema di regolamento si colloca nel complesso di interventi di politica ambientale, energetica e industriale di cui l’Italia necessita al fine di assolvere gli impegni europei e internazionali in materia ambientale ed energetica.
In tale ambito l'adozione del regolamento notificato concorre a promuovere l’utilizzo di combustibili alternativi, con particolare riguardo a quelli prodotti da rifiuti e tra questi ai Combustibili Solidi Secondari (CSS), come meglio definiti all’articolo 183, comma 1, lett. cc), del codice ambientale, la cui valorizzazione in determinati comparti industriali (cementifici, centrali termoelettriche) consente di trasformare un problema in una risorsa per un settore produttivo e per la collettività.
Alcune tipologie di Combustibili Solidi Secondari (CSS), infatti, presentano qualità merceologiche tali da giustificare, sotto profili normativi, il loro inquadramento come un autentico prodotto combustibile.
In termini energetici, l’utilizzo dei rifiuti per la produzione di combustibile solido secondario (CSS) contribuisce inoltre alla riduzione del consumo di risorse naturali, all’utilizzo sostenibile della biomassa “vergine” evitando distorsioni di mercato dei prodotti alimentari (cereali, mais ecc.) e di alcune importanti produzioni industriali nazionali (carta, mobili, ecc.) nonché a ridurre la dipendenza da combustibili importati e a sostenere il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla direttiva 2009/28/CE.
Per perseguire queste finalità il regolamento notificato prevede uno speciale regime giuridico che si ispira ai due principi di "elevato livello di tutela ambientae" e "semplificazione amministrativa".


10. md.basicTexts_missing
Riferimenti dei testi di base: Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 - articoli: 179, 183 e 184-ter


11. md.invEmergProc_missing
No


12. md.energGrounds_missing
-


13. Riservatezza
No


14. md.fiscMeas_missing
No


15. md.impactAssessm_missing
-


16. Aspetti OTC e SPS
Aspetti OTC

NO - Il progetto non ha un impatto rilevante sul commercio internazionale.

Aspetti SPS

No - Il progetto non è una misura sanitaria o fitosanitaria



Catherine Day
Segretario generale
Commissione europea

Punto di contatto Direttiva 98/34
Fax: (32-2) 296 76 60
email: dir83-189-central@ec.europa.eu

Contributi parti interessate

Tramite il sito web TRIS tu e la tua organizzazione potrete facilmente condividere le vostre opinioni su qualsivoglia notifica.


Dal momento che il periodo sospensivo è terminato, attualmente non si accettano ulteriori contributi tramite il sito web.


Non sono stati trovati contributi per la presente notifica