Pesca

Lo storione siberiano

Lo storione siberiano

Lo storione siberiano

L’allevamento dello storione siberiano, una specie classificata vulnerabile nella lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura, è stato messo a punto negli anni ‘70 nell’ex URSS. Nello stesso periodo i primi individui sono stati introdotti in Francia, nell’ambito di un programma di cooperazione scientifica. Lo storione siberiano è stato scelto perché il suo ciclo di riproduzione è uno dei più brevi della famiglia (7 8 anni invece di 15 anni) e perché può essere allevato unicamente in acqua dolce, a differenza degli altri storioni, che emigrano fra mare e fiumi. Lo storione siberiano è ormai allevato in altri paesi dell’Europa (Belgio, Italia, Germania). Le aziende si moltiplicano con l’intento di produrre caviale, prodotto di lusso molto remunerativo.

Lo storione siberiano © ScandFish

Nome latinoAcipenser Baerii
Produzione (UE-27) – Carne: 201 t (2007) – Caviale: 12 t (2007).
Valore (UE-27) – Carne: 0,9 milioni € (2007).
Principali paesi produttori UE – Francia (primo produttore europeo di caviale), Polonia, Germania.
Principali paesi produttori mondiali – Russia, Cina.
Scheda

Riproduzione

La riproduzione dello storione siberiano è complicata dal fatto che le femmine non ovulano ogni anno, e non lo fanno in maniera sincrona.

Il numero di femmine in età che consente l’ovulazione può variare fra il 35 e il 63 % dello stock. Ma, grazie al controllo della temperatura dell’acqua, è possibile ottenere uova su un periodo relativamente lungo, fra dicembre e maggio. Le uova sono raccolte praticando massaggi addominali ogni due ore o una piccola incisione nella parete addominale del pesce. Lo sperma dei maschi è raccolto grazie a una pipetta introdotta nell’apparato genitale. Le uova fecondate devono subire un trattamento particolare al fine di impedire di agglomerarsi durante l’incubazione: sono collocate in una soluzione argillosa, o talvolta nel latte. Dopo essere state lavate, le uova sono sistemate in incubatrici in acqua a 13 14°C.

Allevamento di avannotti

Al termine di 6 giorni, le larve normali possono essere selezionate. Gli avannotti ricevono il loro primo nutrimento quando hanno raggiunto 9 o 11 giorni.

Ingrasso

Gli storioni siberiani possono essere allevati in canali, vasche circolari, stagni o gabbie.

Pesci carnivori, sono nutriti con granulati la cui composizione è simile a quella dei granulati utilizzati per le trote (farine e olio di pesci ed estratti vegetali). La durata media dell’allevamento degli storioni allevati per la carne è di 14 mesi per ottenere un pesce di 700 g. Al momento della raccolta, gli storioni sono raggruppati in reti o , nel caso degli esemplari più grossi, catturati a mano.

Caviale

La selezione delle femmine costituisce la tappa più importante nella produzione di caviale.

La gestione ai fini dell’ottenimento del caviale è onerosa perché le femmine non possono riprodursi prima dell’età di 7 anni. Sono allevate per tutti questi anni in vasche contenenti acqua dolce corrente. In passato, le femmine erano abbattute e svuotate delle loro uova. Ma in questi ultimi anni, alcuni acquacoltori hanno messo a punto tecniche di taglio cesareo che permettono di estrarre diverse volte il caviale senza uccidere il pesce e nel contempo di ridurre i costi di produzione migliorando la redditività delle femmine. Si sono potuti praticare fino a 5 cesarei sulla stessa femmina.

Consumo

La carne dello storione siberiano è priva di spine, caratteristica molto apprezzata dal consumatore.

Lo storione può essere venduto vivo intero, a filetti o affumicato, ma resta un prodotto scarsamente conosciuto dal consumatore europeo. Il recente divieto di esportare caviale selvaggio, al fine di proteggere gli storioni minacciati di estinzione a causa degli sbarramenti, dell’eccesso di pesca e dell’inquinamento, ha favorito l’allevamento dello storione siberiano nell’Europa occidentale.