Pesca

Guinea-Bissau

Guinea-Bissau

Guinea-Bissau

Accordo di partenariato nel settore della pesca

L'attuale accordo di partenariato nel settore della pesca concluso tra l'UE e la Guinea-Bissau risale al 16 giugno 2007 e viene rinnovato tacitamente per periodi di 4 anni.

Consente ai pescherecci europei, soprattutto di Spagna, Portogallo, Italia, Grecia e Francia, di pescare nelle acque della Guinea-Bissau. L'accordo riguarda diverse specie, tra cui tonni, cefalopodi, gamberetti e specie demersali. L’accordo fa parte della rete di accordi sulla pesca del tonno conclusi con i paesi dell’Africa occidentale ed è uno dei 3 accordi multispecie della regione (gli altri sono stati stipulati con il Marocco e la Mauritania).

Principali aspetti dell'accordo

Durata dell'accordo: 4 anni rinnovabili (16.6.2007 - 15.6.2011) 16.6.2011 - 15.6.2015)
Durata del protocollo: 3 anni (24.11.2014—23.11.2017)
Natura dell'accordo: accordo multispecie
Contributo finanziario: 9.200.000 euro l'anno, compresi 3.000.000 euro l'anno a sostegno del settore della pesca
Canone a carico degli armatori: Con lenze e canne: 25 euro per tonnellata di catture
Pescherecci a sciabica e con palangari: 35 euro per tonnellata pescata con un minimo di 3.150 euro per peschereccio
Pesci e cefalopodi: 256 euro/TSL/anno (maggiorazione per licenze semestrali o trimestrali)
Gamberetti: 344 euro/TSL/anno (maggiorazione per licenze semestrali o trimestrali)
Anticipi (non rimborsabili): Con lenze e canne: 550 euro l'anno (catture di riferimento: 22 tonnellate)
Pescherecci a sciabica e con palangari: 3.500 euro l'anno (catture di riferimento: 100 tonnellate)
Tonnellaggio di riferimento: No
PROTOCOLLO ATTUALE - possibilità di pesca
ES FR IT GR POR TOTALE
Gamberetti 2,500 TSL  -  - 140
TSL
1,060 TSL 3,700 TSL
Pesci e cefalopodi  2.900 TSL  - 375 TSL 225 TSL  - 3,500 TSL
Pescherecci a sciabica e con palangari 14 12  -  - 2 28 pescherecci
Con lenze e canne 9 3  -  -  - 12 pescherecci

Cronistoria

L’attuale protocollo con la Guinea-Bissau è stato negoziato e siglato tra le parti nel febbraio 2012. A causa del colpo di Stato militare avvenuto nella Guinea-Bissau il 12 aprile 2012, l’adozione del protocollo è stata sospesa dal Consiglio. In seguito al ripristino dell’ordine costituzionale nel paese, il 16 ottobre 2014 il Consiglio ha adottato la decisione relativa alla firma e all’applicazione provvisoria del protocollo.

Quadro giuridico vigente