Skip to main content

FSE+ in partenariato

Stiamo traducendo questa pagina in tutte le lingue ufficiali dell'UE

Gli Stati membri utilizzeranno l'FSE+ per affrontare la crisi socioeconomica causata dalla pandemia di COVID-19. Il Fondo sosterrà la ripresa verde, digitale e resiliente dell'UE dalla crisi stimolando gli investimenti in posti di lavoro, competenze e servizi.

La maggior parte del bilancio dell'FSE+ (98,5 miliardi di euro su un totale di oltre 99 miliardi di euro) è concepita e attuata in partenariato tra la Commissione europea, le autorità nazionali e regionali, le parti sociali e le parti interessate seguendo l'approccio della "gestione concorrente".

Il Fondo sociale europeo Plus è strettamente allineato alle raccomandazioni e alle analisi per paese fornite nell'ambito del semestre europeo, il quadro per il coordinamento delle politiche economiche e sociali in tutta l'Unione europea. L'FSE+ finanzia l'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali, elemento chiave del semestre europeo, attraverso azioni nei settori dell'occupazione, dell'istruzione, delle competenze e dell'inclusione sociale.

Concentrazioni tematiche

Nell'ambito delle concentrazioni tematiche, l'UE è in grado di soddisfare esigenze specifiche a livello dell'UE. Le risorse in regime di gestione concorrente possono quindi essere concentrate in questi settori.

  • Le disuguaglianze sociali e la povertà continuano a destare grande preoccupazione. Gli Stati membri dovrebbero destinare almeno il 25% delle proprie risorse dell'FSE+ alla promozione dell'inclusione sociale. Inoltre, il Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD) è stato integrato nell'FSE+ per fornire prodotti alimentari e assistenza materiale di base. Tutti gli Stati membri sono tenuti a destinare almeno il 3% delle proprie risorse dell'FSE+ a tale scopo.
  • La disoccupazione giovanile è rimasta costantemente elevata dopo la crisi economica del 2008, con un ulteriore peggioramento durante la pandemia di COVID-19. Tutti gli Stati membri devono destinare un importo adeguato delle proprie risorse dell'FSE+ in regime di gestione concorrente ad azioni mirate e riforme strutturali a sostegno dell'occupazione giovanile. Gli Stati membri in cui la percentuale di giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni disoccupati e al di fuori di ogni ciclo di istruzione o formazione (NEET) supera il tasso medio dell'UE per gli anni 2017-2019 dovrebbero destinare ai giovani almeno il 12,5% delle loro risorse dell'FSE+.
  • I livelli di povertà infantile rimangono a livelli inaccettabili e hanno fatto registrare un ulteriore aumento a seguito della pandemia di COVID-19. L'FSE+ impone agli Stati membri maggiormente colpiti dalla povertà infantile di destinare almeno il 5% delle proprie risorse FSE+ all'attuazione di misure volte a ridurla. Tutti gli altri Stati membri devono assegnare un importo adeguato a tal fine.
  • La capacità delle parti sociali e della società civile è fondamentale per il successo dell'attuazione dell'FSE+ e delle politiche sostenute dal Fondo. Tutti gli Stati membri dovrebbero destinare un importo adeguato allo sviluppo di capacità delle parti sociali e della società civile. Gli Stati membri per cui è stata formulata una raccomandazione specifica per paese nell'ambito del semestre europeo in questo settore dovrebbero destinare a tale obiettivo almeno lo 0,25% delle loro risorse dell'FSE+ in regime di gestione concorrente.

Gli Stati membri utilizzeranno l'FSE+ per affrontare la crisi socioeconomica causata dalla pandemia di COVID-19. Il Fondo sosterrà la ripresa verde, digitale e resiliente dell'UE dalla crisi stimolando gli investimenti in posti di lavoro, competenze e servizi.