• Eventi

Articoli


<< Torna all'elenco degli articoli

In che modo il tuo luogo di nascita si ripercuote sul tuo posto di lavoro?

Non possiamo scegliere dove nascere o da quali paesi provengono i nostri genitori. È quindi interessante valutare in che modo questi due fattori potrebbero influenzare le nostre carriere future. L’ultimo documento di sintesi di Eurofound affronta proprio questo problema.
Picture
 

Lo studio analizza in che modo il fatto di avere origini straniere (cioè provenire da un altro paese) possa avere un impatto sulle prospettive di lavoro delle persone, concentrandosi in particolare due tipi di lavoratori stranieri:

 

  • migranti di prima generazione (persone nate fuori dal paese in cui vivono, da genitori anch’essi non nati in quel paese);

  • migranti di seconda generazione (persone nate nel paese in cui vivono, ma i cui genitori non vi sono nati).

 

 

I principali risultati dello studio si basano sui dati dell’Indagine europea sulle condizioni di lavoro del 2015 e comprendono:

 

  • il tuo luogo di nascita, o quello dei tuoi genitori, può influenzare molti aspetti della tua vita lavorativa. Tra questi figurano le tue prospettive di lavoro, i tipi di lavoro che otterrai e le tue condizioni di lavoro;

  • i migranti di prima generazione stanno ottenendo risultati positivi in termini di occupazione. Tra questi migranti si registrano tassi di occupazione più elevati rispetto alla popolazione locale in quasi la metà degli Stati membri dell’UE (anche se è importante osservare che la ragione principale per cui la maggior parte di loro si trasferisce in un altro paese è per lavoro);

  • essere migranti dell’UE di seconda generazione è molto positivo quando si cerca un impiego: registrano il tasso di occupazione più elevato nell’UE nel suo complesso! Anche tra i migranti dell’UE di seconda generazione si registra un’integrazione positiva nel mercato del lavoro;

  • i migranti di prima generazione hanno maggiori probabilità di svolgere professioni «non qualificate» (ad es. facchino, custode, addetto alle consegne, addetto alle pulizie);

  • i migranti di seconda generazione hanno maggiori probabilità di occupare posti di lavoro altamente qualificati e remunerativi;

  • i migranti a volte faticano a trovare un lavoro che corrisponda al loro livello di istruzione. Le barriere linguistiche e il mancato riconoscimento delle competenze e delle qualifiche conseguite in un altro paese sono visti come le cause principali di questo problema, una sfida che strumenti come il Quadro europeo delle qualifiche stanno aiutando a superare.

  • I migranti sono più inclini rispetto ai lavoratori locali a riferire di aver subito discriminazioni e disuguaglianze di genere. Questo rappresenta un aspetto che iniziative come il pilastro europeo dei diritti sociali stanno cercando di migliorare.

 

La Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound) è un’agenzia dell’UE, che mette a disposizione le conoscenze necessarie a contribuire allo sviluppo di migliori politiche sociali, occupazionali e relative al lavoro.

 

Link correlati:

Policy brief:How your birthplace affects your workplace (Documento di sintesi: «In che modo il tuo luogo di nascita si ripercuote sul tuo posto di lavoro»)

 

Per saperne di più:

Giornate europee del lavoro

Drop’pin@EURES

Trova consulenti EURES

Vita e lavoro nei paesi EURES

Banca dati delle offerte di impiego EURES

Servizi EURES per i datori di lavoro

Calendario degli eventi EURES

Prossimi eventi online

EURES su Facebook

EURES su Twitter

EURES su LinkedIn

 

Clausola di esclusione della responsabilità: si prega di notare che né EURES né la Commissione europea si assumono responsabilità per il contenuto dei siti web di terze parti sopra citati.

27/01/2020

<< Torna all'elenco degli articoli
 
clausola di limitazione di responsabilità

Gli articoli pubblicati nella sezione "Il punto su…" sono intesi a fornire agli utenti del portale EURES informazioni sulle attuali tematiche e tendenze nonché a stimolare il dibattito e la discussione. Il loro contenuto non rispecchia necessariamente le opinioni della Commissione europea.