Articoli


Giovane infermiera spagnola insegue il suo sogno in Germania

La diciannovenne spagnola Nerea Gomis Sanchez ha raccolto una sfida che le sta dando grandi soddisfazioni: oggi lavora nel settore dell’assistenza a Kassel, nella Germania centrale.
Picture

Trasferirsi all’estero è stata una decisione importante per Nerea e per la sua famiglia, ma la giovane spagnola ha potuto contare in ogni momento sul sostegno fornito dal progetto Il tuo primo lavoro EURES (YfEj).

«Mio padre è un artigiano ma da tempo è disoccupato», spiega Nerea. «Mia madre ha lavorato in un hotel fino a due anni fa, poi ha perso il lavoro e da allora è disoccupata: i soldi che entrano in casa sono davvero pochi».

Dopo la scuola secondaria, Nerea si è formata come operatrice specializzata nell’assistenza a persone non autosufficienti. Pur sapendo che le opportunità professionali offerte da questa qualifica non erano particolarmente buone, le piaceva il lavoro e lo trovava gratificante.

«Ho fatto domanda in case di ricovero per persone anziane e istituti per persone con disabilità ma non riuscivo a ottenere neanche un colloquio», racconta Nerea. «La maggior parte dei diplomati della mia scuola lavora nell’assistenza privata o domiciliare, ma lì si guadagna davvero poco e non volevo essere la terza persona disoccupata della mia famiglia».

Nerea ha saputo dell’esistenza del programma YfEj attraverso la scuola. L’istituto di lingue più vicino che collaborava con il datore di lavoro tedesco, il fornitore di servizi sociali Arbeiterwohlfahrt (AWO), era ad Alicante, che dista 170 km da Valencia, città di Nerea. Mettendo a frutto qualche consiglio pratico e grazie al sostegno finanziario fornito da EURES, Nerea ha ottenuto un posto nel progetto.

«La mia famiglia ha appoggiato la mia decisione, ma non è stato facile», racconta Nerea. «Durante il corso di tedesco ad Alicante ho dovuto prendere in affitto una camera e ho avuto bisogno di un po’ di denaro per vivere. I miei genitori mi hanno dato quello che mi serviva. Adesso, non voglio più dipendere da loro. Questa è la mia motivazione principale. Il progetto con l’AWO è proprio quello che ci voleva per me. Voglio crescere professionalmente, e lì lo posso fare. E se posso lavorare e guadagnare abbastanza per mantenermi, ancora meglio».

Nerea oggi si gode la sua nuova vita e le sfide che sta affrontando. «Mi piace lavorare all’AWO e mi interessa imparare una nuova lingua e conoscere una nuova cultura. Ma la cosa più importante è che sono indipendente e mi mantengo da sola».

 

Link correlati:

Il tuo primo lavoro EURES

Arbeiterwohlfahrt (AWO)

 

Per saperne di più:

Giornate europee del lavoro

Drop’pin@EURES

Trova un consulente EURES

Vita e lavoro nei paesi EURES

Banca dati delle offerte di impiego EURES

Servizi EURES per i datori di lavoro

Calendario degli eventi EURES

Prossimi eventi online

EURES su Facebook

EURES su Twitter

EURES su LinkedIn

 

Clausola di esclusione della responsabilità: si prega di notare che né EURES né la Commissione europea si assumono responsabilità per il contenuto dei siti web di terze parti sopra citati.

09/07/2018

<< Torna all'elenco degli articoli
 
clausola di limitazione di responsabilità

Gli articoli pubblicati nella sezione "Il punto su…" sono intesi a fornire agli utenti del portale EURES informazioni sulle attuali tematiche e tendenze nonché a stimolare il dibattito e la discussione. Il loro contenuto non rispecchia necessariamente le opinioni della Commissione europea.