Articoli


Cose da fare e non fare quando si avvia un’impresa - mettiti in gioco

Avviare un’impresa richiede una mentalità competitiva ed è molto simile al guidare una squadra sportiva di successo. Allora prepariamoci ad aprire le danze!
Picture

Andreas Fruth è il co-fondatore e amministratore delegato del Global Savings Group, operante in circa 25 paesi. Nel 2012, insieme a Gerhard Trautmann e Adrian Renner, Andreas ha fondato la CupoNation, la piattaforma di sconti online leader del gruppo. Lo abbiamo raggiunto di recente per ottenere alcuni suggerimenti su cosa fare quando si avvia la propria attività.

 

Abbi il coraggio di unirti al gioco

Sei seduto nello spogliatoio, pronto a giocare la tua prima partita di calcio, pallavolo o hockey da professionista. È arrivato il momento per cui hai lavorato per anni, il risultato di ore infinite di ripetizioni e allenamenti. Credi in te stesso, ma questo non significa che le tue gambe non sembrino molli come spaghetti. Quando entri su quel campo, che si tratti di un campo da calcio, tennis o altro, non troverai un posto dove nasconderti.

 

Al momento di avviare un’attività, la sensazione potrebbe essere simile a questa.  Sebbene tu abbia una grande idea e capacità anche migliori, non ti sentirai mai completamente pronto per lanciare il progetto. E se stai aspettando «il momento perfetto» per farlo, potresti dover aspettare per sempre. Abbi il coraggio di partecipare alla partita!

 

Non ignorare i feedback

Hai già un paio di buone partite alle spalle? La tua tecnica ha fatto venire il mal di testa a un giocatore più esperto?  È fantastico! Allora perché il tuo allenatore ti dà del filo da torcere durante gli allenamenti?

 

Perché sei ancora come un «lavoro in corso». Nel momento in cui la penserai diversamente, potrai benissimo ritirarti. Se non riesci a gestire feedback costruttivi, non potrai raggiungere il tuo pieno potenziale.

 

Lo stesso vale per gli affari.  Devi ascoltare le persone con esperienza.  Quando ti danno consigli, riconosci il fatto che loro «sono già stati lì o hanno già fatto quella cosa».  È facile mettersi sulla difensiva, ma ascoltarli potrebbe essere la chiave per portare la tua attività al livello successivo.

 

Trova i giocatori giusti

Lo vedi ogni giorno: dirigenti di calcio che riescono a malapena a dire qualcosa durante le interviste. «Perché avete perso l’incontro?  Perché la squadra non rende?» Spesso parleranno di tattiche e della loro tabella di marcia per il successo, ma cosa succede se le tattiche non sono il problema?  Cosa succede se il motivo del fallimento è una combinazione di tabella di marcia e di persone che viaggiano con te?

 

Un allenatore ha bisogno dei giocatori giusti per le posizioni giuste - e lo stesso vale anche per le imprese.  Senza di questo, la tua tabella di marcia potrà essere la migliore al mondo e comunque fallire.  Ciò non significa che dovresti cercare l’eccellenza in ogni posizione. A volte è altrettanto importante cercare il potenziale. Lo sviluppo delle persone costituisce un fattore importante per la creazione di un’azienda.

 

Guarda oltre i confini

A volte è necessario andare all’estero per trovare il giocatore giusto per una posizione specifica.  Quel giocatore che riunisca in sé tutte le caratteristiche necessarie.

 

L’assunzione di lavoratori provenienti da un altro paese porta molti vantaggi simili. Tutti noi abbiamo risorse diverse da portare sul campo di gioco a seconda della nostra provenienza e se vuoi ottenere successo in un paese diverso dal tuo è opportuno investire in lavoratori che ne conoscono la cultura.

 

Non dimenticare di motivare

Alcuni allenatori possono avere abilità da giocatore di scacchi quando si tratta di sviluppare una tabella di marcia per il successo, ma non riescono a motivare la loro squadra. Spendono milioni per i giocatori giusti, per poi vedere tutto andare a pezzi davanti ai loro occhi.

 

Se non sei un motivatore, abbi la sicurezza per ammetterlo.  E assumi qualcuno che lo sia. I lavoratori dipendenti devono credere nella tua azienda quanto te e non si può pensare che una persona non correttamente motivata possa svolgere la sua attività in modo efficace.

 

Conosci i tuoi concorrenti

Perché le piccole squadre di dilettanti a volte riescono a battere i professionisti? Noncuranza e mancanza di preparazione.

 

Se non conosci il tuo avversario, non hai idea di cosa serva per vincere l’incontro. È importante rispettare i tuoi avversari. Che cosa stanno facendo bene?  Che cosa stanno facendo male? Come puoi trarne vantaggio? Conoscere i punti di forza e le carenze dei tuoi concorrenti può essere un fattore importante alla base del tuo successo o fallimento.

 

Non credere che vincerai sempre

Tutti perdono di tanto in tanto.  Incolpare le persone intorno a te, sia giocatori che arbitri, non ti porta da nessuna parte.

 

Impara dalla sconfitta!  Non conoscere solo i tuoi concorrenti ... conosci la tua azienda.  Lascia che gli errori siano una motivazione per la crescita.  Vincere non è facile e non dovrebbe esserlo. Imparare da una sconfitta ti rende più forte la prossima volta. Non si tratta di vincere ogni partita. Si tratta di arrivare al primo posto nel tempo.  Ma andiamo con ordine: per prima cosa mettiti in gioco!

 

 

Link correlati

 

Global Savings Group

 

CupoNation

 

 

Per saperne di più

 

Giornate europee del lavoro

 

Drop’pin@EURES

 

Trova un consulente EURES

 

Condizioni di vita e di lavoro nei paesi EURES

 

Banca dati delle offerte di impiego EURES

 

Servizi EURES per i datori di lavoro

 

Calendario degli eventi EURES

 

Prossimi eventi online

 

EURES su Facebook

 

EURES su Twitter

 

EURES su LinkedIn

 

EURES su Google+

 

Clausola di esclusione della responsabilità: si prega di notare che né EURES né la Commissione europea si assumono responsabilità per il contenuto dei siti web di terze parti sopra citati.

 

27/06/2017

<< Torna all'elenco degli articoli
 
clausola di limitazione di responsabilità

Gli articoli pubblicati nella sezione "Il punto su…" sono intesi a fornire agli utenti del portale EURES informazioni sulle attuali tematiche e tendenze nonché a stimolare il dibattito e la discussione. Il loro contenuto non rispecchia necessariamente le opinioni della Commissione europea.