• Eventi

Articoli


<< Torna all'elenco degli articoli

Un modo semplice per ottenere il riconoscimento delle proprie qualifiche all’estero

Che cosa hanno in comune le seguenti professioni: farmacista, fisioterapista, guida alpina, agente immobiliare e infermiere responsabile dell’assistenza generale?
Picture

Sono tutte professioni le cui qualifiche possono essere facilmente verificate all’estero attraverso la tessera professionale europea (European professional card, EPC).

Nel presente articolo vengono descritte le caratteristiche di base dell’EPC, ma informazioni più dettagliate sono reperibili online attraverso il portale La tua Europa. I centri di assistenza nazionali possono fornire maggiori informazioni sulle norme di un determinato paese oppure è possibile contattare Europe Direct per qualsiasi ulteriore domanda sull’UE.

L’EPC non è una tessera vera e propria, bensì una procedura elettronica che puoi utilizzare per ottenere rapidamente e facilmente il riconoscimento delle tue qualifiche professionali in un altro paese dell’UE. Puoi inoltre seguire l’andamento della tua domanda di riconoscimento online e riutilizzare i documenti già caricati per presentare nuove domande in altri paesi.

In futuro, la procedura EPC potrebbe essere estesa ad altre professioni diverse da quelle menzionate in precedenza. Per il momento, ai fini del riconoscimento delle loro qualifiche, i professionisti di altri settori devono ricorrere alle procedure standard per accedere a una professione regolamentata in un altro paese.

La procedura è aperta a coloro che vogliono esercitare la loro professione in un altro paese dell’UE su base temporanea e occasionale, o a coloro che vogliono stabilirsi in un altro paese dell’Unione ed esercitarvi la loro professione in modo permanente.

L’EPC è la prova elettronica del fatto che hai superato i controlli amministrativi e ottenuto il riconoscimento delle tue qualifiche professionali nel paese in cui intendi lavorare, o che soddisfi le condizioni necessarie per prestare temporaneamente i tuoi servizi in tale paese.

Quando una domanda di riconoscimento è approvata dalle autorità competenti del paese ospitante, puoi generare un certificato EPC in formato PDF, comprendente un numero di riferimento che il tuo potenziale datore di lavoro potrà utilizzare per verificare la validità della tessera.

Se intendi trasferirti in un paese straniero a lungo termine, è possibile che tu debba iscriverti, facoltativamente od obbligatoriamente, a un ordine professionale, come la Royal Pharmaceutical Society o la Chartered Society of Physiotherapy nel Regno Unito, oppure sottoporti a controlli supplementari, compresi quelli relativi alle competenze linguistiche, prima di poter iniziare a esercitare la professione. Puoi verificare i requisiti contattando le autorità nazionali competenti.

L’EPC è valida a tempo indeterminato se ti stai trasferendo in un paese a lungo termine, ma se stai fornendo servizi temporaneamente sarà valida per 18 mesi. Per le professioni che hanno un impatto sulla salute o sicurezza pubblica, la tessera è valida solo per 12 mesi.

Il sistema è spiegato in un video animato realizzato dalla Commissione europea e disponibile al seguente indirizzo.

 

Link correlati:

La tessera professionale europea (EPC) – video animato

La tessera professionale europea (EPC) – La tua Europa

Centri di assistenza nazionali

Riconoscimento delle qualifiche professionali

Ordini professionali e requisiti linguistici

 

Per saperne di più:

Trova un consulente EURES

Condizioni di vita e lavoro nei paesi EURES

Banca dati delle offerte di impiego EURES

Servizi EURES per i datori di lavoro

Calendario degli eventi EURES

Prossimi eventi online

EURES su Facebook

EURES su Twitter

EURES su LinkedIn

 

Clausola di esclusione della responsabilità: si prega di notare che né EURES né la Commissione europea si assumono responsabilità per il contenuto dei siti web di terze parti sopra citati.

20/02/2018

<< Torna all'elenco degli articoli
 
clausola di limitazione di responsabilità

Gli articoli pubblicati nella sezione "Il punto su…" sono intesi a fornire agli utenti del portale EURES informazioni sulle attuali tematiche e tendenze nonché a stimolare il dibattito e la discussione. Il loro contenuto non rispecchia necessariamente le opinioni della Commissione europea.