EURES nelle regioni transfrontaliere


EURES ha un ruolo particolarmente importante da svolgere nelle regioni transfrontaliere, aree con un numero notevole di pendolari transfrontalieri. Ci sono oltre 1.000.000 persone che vivono in un paese e lavorano in un altro e devono affrontare pratiche nazionali e sistemi giuridici diversi. Esse possono incontrare quotidianamente ostacoli amministrativi, giuridici o fiscali.

I consiglieri EURES di queste zone forniscono consulenza e orientamento in particolare sui diritti e sui doveri dei lavoratori che vivono in un paese e lavorano in un altro.

Attualmente esistono 11 partenariati transfrontalieri EURES, distribuiti geograficamente in tutta Europa e situati in 18 paesi. I partenariati EURES intendono rispondere alle esigenze di informazione e di coordinamento legate alla mobilità dei lavoratori nelle regioni di frontiera. Ne fanno parte i servizi pubblici per l'impiego e la formazione professionale, organizzazioni di datori di lavoro e sindacali, enti locali, istituzioni che si occupano di problemi del lavoro e della formazione professionale nelle regioni di frontiera. I partenariati transfrontalieri EURES sono un utile punto di contatto fra le amministrazioni dell'impiego, sia regionali che nazionali, e le parti sociali, svolgendo un ruolo importante di sorveglianza dei bacini occupazionali transfrontalieri che costituiscono un elemento essenziale nello sviluppo in un vero mercato del lavoro europeo.