Il punto su...

“È necessario che io parli norvegese?”

Negli anni recenti, la contea di Rogaland, in Norvegia, è diventata sempre più popolare quale destinazione di lavoro. Una delle domande più frequenti poste all’helpdesk di Rogaland EURES è: “È necessario il norvegese per lavorare in Norvegia?”

Sasha-Monique Elvik è una consulente EURES per la contea di Rogaland presso il servizio pubblico di collocamento in Norvegia (noto come NAV). Il capoluogo della regione, Stavanger, è una delle quattro più grandi città della Norvegia ed è nota per il suo ambiente internazionale dovuto alla prospera industria del petrolio e del gas.
 
 “È necessario che io parli norvegese?” La sua risposta è un risonante sì. A meno che non siate dipendenti di una società in cui si parla inglese (soprattutto aziende collegate al petrolio e la gas) il norvegese è obbligatorio. “E anche se non ne avete bisogno nel vostro lavoro, ne avrete bisogno nel vostro tempo libero per fare amicizia, crearvi una rete e perfino per svolgere attività quotidiane,come fare shopping,” afferma Sasha-Monique. “Siamo una città diversa, ma la conoscenza del norvegese non solo vi aiuterà a prosperare nella vostra nuova casa, ma vi aprirà anche le porte.”
 
“Numerosi dipendenti esteri vengono assunti attraverso agenzie di collocamento private e non sanno necessariamente il norvegese o l’inglese. Ciò significa che essi scoprono solo dopo che il loro primo contratto è scaduto quanto sfibrante possa essere il dover trovare un lavoro da soli (senza parlare queste lingue)”, prosegue Sasha nella sua spiegazione. Attualmente, ciò può portare alla disoccupazione a lungo termine più del 35% delle persone in cerca di lavoro registrate presso gli uffici del NAV di Rogaland che provengono dall’esterno della Norvegia. Senza la lingua e/o delle competenze specialistiche, molti ora si trovano in una posizione difficile e devono decidere se rimpatriare oppure imparare la lingua mentre svaniscono le loro economie.
 
Il suo consiglio:se vi viene offerto un posto di lavoro in Norvegia tramite un’agenzia privata, prima di accettare un contratto, verificate sul sito web del NAV* per vedere se il vostro tipo di occupazione viene richiesto spesso. Chiedete alla società che vi ha assunto se vi assisterà nella ricerca di un lavoro una volta scaduto il vostro contratto.
 
Il fatto di prendere delle lezioni di norvegese sarà a vostre spese e questo dovrà essere pianificato di conseguenza. Se avete un coniuge o un partner e non siete sicuri se saranno in grado di trovare un’occupazione, chiedete a un consulente EURES com’è il mercato. In Norvegia,, generalmente ambedue gli adulti devono lavorare per fare fronte alle spese di vitto e di alloggio.
 
“Cercate di imparare il norvegese prima di partire,” spiega Sasha. “Nella vostra regione potrebbe esservi una scuola oppure potete partecipare a dei corsi online. Fate delle ricerche online oppure contattate l’ambasciata norvegese più vicina per ricevere informazioni in merito. Inoltre, se vi sono degli student disposti allo scambio nella vostra università locale, potreste chiedere loro se sono disposti a uno scambio linguistico.”
 
Per saperne di più:
 
 
 
 
Qualsiasi altra domanda concernente il fatto di lavorare in un altro paese Europeo? Contattate un consulente EURES in tale paese

 

Ultima modifica al testo: 04/2014


clausola di limitazione di responsabilità
Gli articoli pubblicati nella sezione "Il punto su…" sono intesi a fornire agli utenti del portale EURES informazioni sulle attuali tematiche e tendenze nonché a stimolare il dibattito e la discussione. Il loro contenuto non rispecchia necessariamente le opinioni della Commissione europea.