chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Plataforma eletrónica para a educação de adultos na Europa

 
 

Recurso

Indagine di impatto dei programmi europei Grundtvig e Erasmus+ per il settore dell’educazione degli adulti

Idioma: IT

Publicado por Alessandra Cecc...

L'Agenzia Erasmus+ Indire ha realizzato uno studio di impatto per valutare come agisce la  progettazione europea all’interno delle istituzioni che si occupano di educazione degli adulti, partendo dalle esperienze fatte con le attività del programma LLP (Lifelong Learning Programme) fino alle azioni chiave di Erasmus+.
Il presente report contiene i risultati del survey, lanciato a dicembre  2016, ci  offrono l’opportunità di avere un quadro generale di quanto sia accaduto nel settore dell’educazione degli adulti negli ultimi 13 anni, da Grundtvig  a  Erasmus+,  sia a livello istituzionale che individuale attraverso le  esperienze di formazione all’estero e le cooperazione con istituzioni straniere.
Come  metodologia  di  indagine è stato utilizzato un questionario on line, rivolto ai diretti beneficiari dei fondi destinati a Grundtvig (LLP) e alle azioni chiave 1 (KA1) e chiave  2 (KA2) del programma Erasmus+.

In questa attività di ricerca,  l'Agenzia si è avvalsa anche degli strumenti e della visibilità offerta dalla community Epale (vedi la News di promozione del Questionario).

/epale/pt/file/logoerasmusindire-500pxjpglogo_erasmus_indire-500px.jpg

Scarica il Report completo con i risultati dell’indagine

Autor(es) do recurso: 
Angela Miniati, Agenzia Erasmus+ Indire
Data de publicação:
Quarta-feira, 8 de novembro de, 2017
Língua do documento
Tipo de recurso: 
Estudos e relatórios
País:
Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
Refresh comments Enable auto refresh

Apresentando 1 - 1 de 1
  • Retrato de Filomena Montella

    L'indagine porta a riflettere sulle potenzialità di crescita e umana dei progetti europei per i nostri studenti. Allora un augurio: AD MAIORA SEMPER