chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Electronic Platform for Adult Learning in Europe

 
 

Blog

EPALE LongReads: The importance of cultural heritage for lifelong learning (interview with Friederike Fankhänel)

17/01/2018
by Rumen HALACHEV
Language: EN
Document available also in: FI PL HR FR HU ET

/epale/en/file/art-nouveauArt Nouveau

Art Nouveau

 

Friederike Fankhänel is an art and design museum educator from the Hamburg Museum of Arts and Crafts (Museum für Kunst und Gewerbe Hamburg – MKG). With approximately 500,000 objects from 4,000 years of human history, MKG is one of the most influential museums for arts and crafts in Europe. Opened in 1877, MKG tells the remarkable story of human creativity. The top-class collections range from ancient to contemporary art and include the European, Islamic and East Asian cultural regions. Friederike shared her thoughts about the role of cultural heritage in lifelong learning, and talked about how people from all age groups could benefit from MKG’s activities.

 

Could you tell us about your role at MKG?

With a background in visual communications and experience as a freelance designer and art educator, I work in the department of Art and Design Education at MKG. We develop guided tours, workshops, hands-on stations, different outreach projects and digital content for the museum’s collections and special exhibitions. We want to help our visitors to create a personal relationship with their cultural heritage and to inspire them to use it for their own reflection, research and creative work. The museum's work is available in an online archive called Studio MKG.

/epale/en/file/studio-mkgStudio MKG

Studio MKG

In Studio MKG, users can follow the educational activities at the Museum für Kunst und Gewerbe

 

What role do you think cultural heritage can play in lifelong learning?

Of course, there is the level of information of art history that can foster one’s formal education. At the same time, a deeper understanding of cultural history as an open system, as a story of thousands of years of exchange and transformation can help us to understand the world we live in now and how to face its problems in a broader way.

If we talk about museums, the nonlinear medium of an exhibition is very flexible for different learning environments: it allows you to move around in your own pace, to make your own road exploring the content, to contemplate by yourself or to discuss or draw in a group.

Cultural heritage can also inspire across multiple fields: why not use an art exhibition to practice your foreign language skills or make cakes featuring rococo or art deco patterns. The chance to directly reuse public domain images in educational, creative and commercial contexts is still underestimated but will lead to exciting projects with both educational and social impact.

 

What activities does the museum organise with its lifelong learning resources on site?

We offer a printed tour guide in simple language to our Art Nouveau collection. Visitors can navigate through the exhibition with the help of illustrated patterns that they easily recognize in each room. The booklet also focuses on the artists and the motives behind their famous designs, and a set of ceramic tiles with glazes and glazing techniques corresponding to our Art Nouveau artefacts allow a hands-on, tactile approach to our collection.

/epale/en/file/art-nouveau-mkgArt Nouveau MKG

Art Nouveau MKG

Ornaments of Art Nouveau interiors, with a guiding booklet in simple language. Typically glazed tiles help to engage visitors with the vast collection of Art Nouveau ceramics. Images: Interior view © MKG, the others CC BY-SA-4.0

 

One of the museum’s highlights is our ‘World religions. Buddhism, Judaism, Christianity, Islam’ tour. Our collection with both ritual and profane artefacts documents differences of and mutual inspiration between four world religions. Participants discuss terms such as ‘paradise’ or the meaning of water in the different religious beliefs with an art and culture historian from our team.

At MKG, we also invite visitors to train their skills in calligraphy, manga drawing, jewellery design and stop-motion animation workshops. I consider hands-on experiences a very important, intuitive and self-empowering approach to build strong connections to cultural heritage and in the same way a chance to keep knowledge and techniques alive.

 

And how about online?

Our museum was founded in 1877 as a collection of design models for local students and artisans. We still share this vision today with the difference that we aim to inspire all our visitors, regardless of their profession, age or abilities and even our virtual visitors – people all over the world who might never come to the physical museum but use our offers in the digital world.

Following this concept, we create online projects that are more than a tool to prepare for or reflect on our exhibitions: whether it’s Stilbrise, a fashion blog in which we portray our visitors and their fashion statements, Propaganda1418, a documentation of propaganda in WW1 with collected material from the local community of Hamburg, or our newest and biggest project – Bewegte Jahre.

In Bewegte Jahre (‘Exiting years’), we are immersed in the travel diary of Christian Heller, a fictional young journalist from Hamburg, and follow his travels to cultural centres like Vienna, Paris and Glasgow between 1897-1916. We read about Heller’s meetings with important artists and designers of the Art Nouveau movement and their visions for a new society. We also discover the era’s impact on Hamburg and the story of the remarkable Art Nouveau collection in the MKG. Thanks to Europeana, our own digital collection Sammlung Online and other institutions from the Galleries, Libraries, Archives, and Museums (GLAM) sector, we are able to bring the era to life online through original images, videos and quotes – with many of them in the public domain. The journal also includes an audio version, detailed image description for screen-readers and other accessibility features as well as curated links and the possibility to share our digitised objects directly on Pinterest.

/epale/en/file/bewegte-jahreBewegte Jahre

Bewegte Jahre

Bewegte Jahre presents the Art Nouveau movement and its artists in the form of a fictional diary.

 

How have you worked with Europeana Collections and what potential do you see there for lifelong learning?

First of all, Europeana and its online presentations were a huge inspiration for us to develop an editorial format such as Bewegte Jahre using digitised data. In the process of picture editing, Europeana served us as a gateway to Europe’s broad landscape of GLAM institutions with digitised collections – about a third of our documents are available via Europeana.

The launch of our journal in April last year was also a perfect match with Europeana’s Art Nouveau season and exhibition. Many of MKG’s digitised artworks are featured in Art Nouveau - a Universal Style and fortunately, I was given the chance to introduce Bewegte Jahre in a guest post as well.

For the future, I wish more museums would share their online collections and contribute to Europeana to make it easier for educators and inspiration-seekers to access cultural heritage, even if they are not archive professionals. In this context, I want to stress the importance of creative commons licensing as well. Every document that we could access easily and royalty-free saved us a lot of time and money and so it will for other users in future projects. To stay relevant in times of self-initiated, digital learning and small budgets for education, accessibility and visibility of digitised content will become more and more important to all cultural institutions. Europeana is a great platform for both.

 

What have you got planned for 2018 with regards to lifelong learning?

Besides our work on various special exhibitions, in 2018 we plan to bring together our digital collection Sammlung Online and our creative, hands-on offers. We want to publish craft tutorials based on our public domain images and present them in an onsite workshop event. We hope this will start a dialogue with crafters and MKG-lovers worldwide and that our visitors (or users) suggest their own ideas, too.

/epale/en/file/mkg-sammlung-onlineMKG Sammlung Online

MKG Sammlung Online

Handmade postcards created with Public Domain images from MKG Sammlung Online. Image: CC BY-SA-4.0

 

We made great experiences with long-term school projects in which students did things like write their own fiction about the museum or learn how to design and stitch following our fashion collection. MKG’s ambition is to use these experiences and create a structure in which we can invite visitors of any age, whether they are individuals, groups or families, to short and long-term research projects, creative classes and studios in or outside the museum.

 

Friederike Fankhänel’s website

Read EPALE’s article Europeana: Culture gems for lifelong learning

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on LinkedIn
Refresh comments

Displaying 1 - 1 of 1
  • Filomena Montella's picture

    Cosa serve la letteratura per gli adulti?

    Il mio discorso parte dalla pagina introduttiva delle Lezioni americane di Italo Calvino: «La mia fiducia nella letteratura consiste nel sapere che ci sono cose che solo la letteratura può dare con i suoi mezzi specifici»[1]. Qualche anno prima lo stesso Calvino aveva scritto: «I classici sono libri che esercitano un’influenza particolare sia quando s’impongono come indimenticabili, sia quando si nascondono nelle pieghe della memoria mimetizzandosi da inconscio collettivo o individuale. [...] I classici sono quei libri che ci arrivano portando su di sé la traccia delle letture che hanno preceduto la nostra e dietro di sé la traccia che hanno lasciato nella cultura o nelle culture che hanno attraversato (o più semplicemente nel linguaggio e nel costume). [...] D’un classico ogni rilettura è una lettura di scoperta come la prima. [...] I classici servono a capire chi siamo e dove siamo arrivati e perciò gli italiani sono indispensabili proprio per confrontarli agli stranieri, e gli stranieri sono indispensabili per confrontarli agli italiani»[2].

    Concetti facili per chi come me è sempre stata pronta a leggere i classici. Tuttavia, come far capire ciò ad un studente adulto che ha lasciato la scuola da molto tempo e che non ha mai avuto modo di confrontarsi con un classico? Come rispondere alle domande di questi studenti adulti che, a volte anche tristi e delusi dalla vita, ti dicono che non hanno tempo di leggere niente, che quando leggono si annoiano e che sono diffidenti sul valore della letteratura?

    Mi armo di tanto coraggio e imposto la mia didattica consapevole che insegnare la letteratura italiana sui classici significa aprirsi nei confronti di quella che Erich Auerbach, nel 1952, definì la Weltliteratur[3]; in questo modo, “butto” letteralmente i miei alunni sui testi letterari, al fine di prepararli non sul piano scolastico, ma per stuzzicarli, visto che hanno già alle spalle un’esperienza personale di formazione umana e professionale, sul piano civile, anzitutto etico e di conseguenza politico. Quindi, attraverso lo studio della letteratura e dell'arte, invito  i miei alunni ad approfondire quello che ancora Auerbach definì «lo studio della realtà del mondo»[4].

    Considerate queste premesse, presento la letteratura e i suoi testi, facendo emergere la percezione critica dell'alterità del nostro passato, della sua irriducibile differenza, per conservare la memoria storica di una communitas, di un bene comune che è insieme lingua, tradizione culturale, universo letterario e artistico. «Scommettere sui classici», scrive Luca Serianni, «significa pensare che abbiano ancora qualcosa da dirci; e che ce lo dicano, finché è ancora possibile comprenderla, nella lingua in cui sono stati scritti, ossia con la loro voce»[5].

    Ai miei alunni insegno che la letteratura va colta nella sua natura più profonda, come «funzione esistenziale», come «ricerca di conoscenza» (sono ancora le Lezioni americane)[6].

    Tuttavia, fin dal primo giorno di scuola, sono onesta con questi alunni che hanno abbandonato da tempo i banchi di scuola.

    Spiego loro, come afferma il prof. Corrado Bologna, che la letteratura, certo, non riesce mai a rispondere a quell’esigenza radicale che Carlo Emilio Gadda definiva come urgenza di «mettere in ordine il mondo»[7]. Non metterà mai veramente “in ordine” il mondo, non riuscirà mai a realizzare un paese migliore. Confesso loro con le parole del prof. Bologna che «la letteratura si offre, invece, quale perfetto dispositivo di accoglienza, entro un sistema coerente di significato, dell'infinita molteplicità di dettagli irrilevanti che si disseminano nella “liquida” vita quotidiana. Essa riesce a dare parola al bisogno di ordine nella visione della realtà proprio portando alla luce la grande disarmonia che vi domina, offrendo una voce consistente, coerente, all’incoerenza e al caos della vita, mostrando come cose infinitamente diverse possono convivere ed entrare in contatto senza mai rinunciare alla propria specificità, nella complessità del sistema»[8].

    In questa prospettiva, insegnare ad amare la letteratura comporta necessariamente che ci sono cose che non si “imparano”, che ci sono “competenze” rispetto alle quali saremo sempre “incompetenti”, perché non si “acquistano”, non si “comprano”, ma si gustano, si vedono, si ascoltano, si fiutano, si assaporano.  Come ancora afferma Bologna: «la letteratura fa sì che due più due dia cinque, un passo più a nord del confine della realtà che impone il quattro; essa esercita ad attraversare confini, offrendo al lettore la forza per riportare nello spazio dell'identità, individuale o collettiva, il progetto utopico ma non irrealizzabile di un futuro diverso»[9].

    Spiego, inoltre, che insegnare letteratura non può voler dire addestrare principalmente a leggere la lingua dei classici per imparare a riprodurla. Insegnare letteratura, ragionando sui testi dei grandi classici, significa “far venir fuori” (è questa l’idea dell’educare) dagli allievi, e ancor più dagli allievi adulti, un'avvertita capacità di elaborazione intorno ai procedimenti logico-argomentativi del pensiero umano nella sua forma più alta e limpida. «Significa esercitare a sentire nella pagina del grande classico la perturbante originalità di un punto di vista che guarda alle radici dell'esistenza, a riconoscervi la forza innovativa che il classico conserva e può ancora trasmettere grazie alla “radicalità”, appunto, della sua visione del mondo rivoluzionaria. Significa plasmare una consapevolezza della necessità, ma al contempo della parzialità, di ogni “competenza” tecnica, creando invece uno spirito critico, cioè una distanza interiore capace di riscattare la profondità dello sguardo, del punto di vista ermeneutico, nel senso più completo del termine. Significa far maturare nei discenti la capacità di commisurare l'infinita, imprendibile varietà delle cose e delle esperienze con l'irriducibilità dei limiti umani, far cogliere la fatica, il travaglio della lingua dei classici mentre “cerca la parola” per dire l'umanità come progetto di futuro e nel contempo come limite irriducibile. Questa fatica, questo esercizio di complessità, imprime uno slancio antigravitazionale verso una visione del mondo diversa, molteplice, innovativa, scandita nel senso della storia e del recupero delle radici di una civiltà con la leggerezza con cui Calvino apre le Lezioni americane»[10].

    Nella prospettiva fin qui tratteggiata, quindi, il primo problema da affrontare è come far appassionare al testo gli alunni adulti.

    L’unico mezzo possibile è unicamente passare attraverso il godimento profondo del piacere del testo, dell'avventura conoscitiva ed esistenziale dell'incontro con l'universo perturbante dei grandi classici, e solo così sono riuscita pienamente a far amare la letteratura.

    Al di là di qualsiasi basilare acquisizione di competenze linguistiche e tecnico-esegetiche è sempre necessario far sentire con profondità e autenticità agli alunni adulti, per i quali il testo è lontanissimo dalla loro realtà quotidiane, la carica etica di memoria, di energia, di piacere, di stupore, che fa della letteratura un elemento fondamentale per la vita stessa dell’individuo.

    Per concludere, insegnare letteratura italiana non è solo insegnare “la lingua”, né solo “la letteratura”, ma mostrare e far amare l'intera “civiltà italiana”, tutta la civiltà che dal nostro Medio Evo è ancora tangibile nelle piazze dei nostri comuni, nei nostri modi d'essere e di agire, di vivere, di pensare.

    Ai miei alunni insegno con forza che la nostra civiltà, attraverso la nostra lingua, attraverso la nostra letteratura, deve continuare ad essere orizzonte e bussola, consolazione e riscatto dell'umano, di fronte a chi «cerca di ridurci a bestie», se non portandoci alla morte fisica, di certo soffocando lo spirito di comunità, la democrazia, la condivisione dei progetti e dei sogni, cioè del futuro. E se «noi bestie non dobbiamo diventare», «per vivere è importante sforzarci di salvare almeno lo scheletro, l'impalcatura, la forma della civiltà»[11].

     



    [1] I. Calvino, Lezioni americane. Sei proposte per il prossimo millennio, Milano, Garzanti, 1988, p. 1; poi in Id., Saggi 1945-1985, a cura di M. Berenghi, 2 tomi, Milano, Mondadori, 1995, p. 629.

    [2]  Id., Perché leggere i classici (1981), in Id., Perché leggere i classici, Milano, Mondadori, 1991, pp. 11-19 (alle pp. 13- 14, 15 e 19), poi in Id., Saggi 1945-1985 cit., pp. 1816-1824 (alle pp. 1818-1819, 1824).

    [3] Cfr. E. Auerbach, Philologie der Weltliteratur (1952), in Id., Gesammelte Aufsätze zur romanischen Philologie, Francke, Bern 1967, pp. 301-310; trad. it. Philologie der Weltliteratur - Filologia della letteratura mondiale, Book editore, Castel Maggiore (Bologna) 2006 (con il testo tedesco a fronte).

    [4] E. Auerbach, Philologie der Weltliteratur. Filologia della letteratura mondiale cit., p. 37 (la formula originale è: «Erforschung der Weltwirklichkeit»).

    [5] L. Serianni, L'ora di italiano. Scuola e materie umanistiche, Laterza, Roma-Bari 2010, p. 106.

    [6] I. Calvino, Lezioni americane, cit., p. 28; in Saggi 1945-1985, cit., p. 653 (da qui anche la frase virgolettata che segue).

    [7] C. E. Gadda, Meditazione milanese, a cura di G. C. Roscioni, Torino, Einaudi, 1974, p. 172, I stesura, cap. XIII, La categoria, rr. 157-158; poi in Id., Scritti vari e postumi, a cura di A. Silvestri, C. Vela, D. Isella, P. Italia, G. Pinotti (“Opere di Carlo Emilio Gadda” ed. diretta da D. Isella), V*, Milano, Garzanti 1993, p. 735.

    [8] Corrado Bologna, La letteratura come visione del mondo (Napoli, 25-27 ottobre, Convegno sul tema: Insegnare Lingua e Letteratura italiana nei nuovi Licei e Istituti superiori).

    [9]  IDEM

    [10] IDEM

    [11] P. Levi, Se questo è un uomo (1958), in Id., Opere complete, a cura di M. Belpoliti, con Introduzione di D. Del Giudice, 2 voll., Torino, Einaudi, 1997, I, p. 35.