chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Electronic Platform for Adult Learning in Europe

 
 

Newsroom

I CPIA verso l’Europa con Epale e Erasmus+: materiali e sintesi del seminario

22/11/2017
Language: IT

ll seminario organizzato a Roma dal 9 all’11 novembre dall’Indire Unità EPALE Italia in collaborazione con l’Agenzia Erasmus+ ha visto la partecipazione di oltre 120 docenti e dirigenti provenienti, per la maggior parte, dai Centri provinciali per l’istruzione degli adulti (CPIA) e dagli istituti ospitanti percorsi d’istruzione di secondo livello IDA (istruzione degli adulti) di tutta Italia.

/epale/en/file/375478069451ddf868d22zjpg-637547806945_1ddf868d22_z.jpg

La partecipazione del settore formale dell’istruzione degli adulti al Programma Erasmus + dal 2015 al 2017 è stata molto bassa (pochi i progetti presentati e pochi i progetti approvati sia per l’Azione chiave 1 che per l’Azione chiave 2), la riforma in corso (da CTP a CPIA) ha richiesto un notevole impegno organizzativo per i nuovi Centri provinciali, con le conseguenti difficoltà nella creazione di un team per la progettazione europea, difficoltà nell'eventuale programmazione di attività di valorizzazione e disseminazione dei risultati progettuali, difficoltà nella gestione amministrativa del budget per coloro che hanno avuto progetti finanziati.

Tuttavia la partecipazione ad un progetto europeo può aiutare i CPIA ad attuare anche quanto previsto dalla riforma, sviluppando la collaborazione tra i vari Centri e l’interazione con gli istituti professionali per i percorsi di secondo grado, può favorire la stipula di accordi di rete con il territorio e la diffusione e messa a sistema delle buone pratiche.

«Un recente studio di impatto condotto dall'Agenzia», nota Lorenza Venturi, Capo Unità Epale Italia e responsabile dell'Unità Studio e Analisi di Erasmus+, «dimostra che la partecipazione a progetti europei migliora anche le capacità organizzative dell'istituto, oltre che rafforzare la preparazione dello staff docente e non. Epale intende raccogliere questa indicazione offrendo la sua piattaforma a supporto dell'informazione e disseminazione di pratiche» (guarda la video intervista a Lorenza Venturi).

Il seminario di Roma è stata un’importante occasione per riflettere sulle esigenze dei docenti e dei dirigenti che lavorano con gli adulti al fine di predisporre azioni mirate a portare la progettazione europea nei CPIA a una fase di sistema.

I partecipanti, oltre a ricevere informazioni accurate sulla Call Erasmus+ 2018 Invito a presentare proposte nell’ambito dell’educazione degli adulti e sulle opportunità di EPALE, hanno potuto condividere conoscenze e sviluppare sinergie. Tra i testimoni di esperienze in corso, Christina Russa Tsirintani del CPIA 3 di Roma, Patrizia Capobianco del CPIA di Taranto e Maria Grazia Bevilacqua del CPIA 3 di Torino hanno raccontato le sfide, le opportunità e le criticità direttamente vissute nelle fasi di progettazione e implementazione dei progetti europei avviati nelle loro istituzioni. 

 

/epale/en/file/img8564jpgimg_8564.jpg

tavolo relatori

Presente, nella giornata di venerdì 10, Emilio Porcaro, Dirigente del CPIA Metropolitano di Bologna, per illustrare finalità e iniziative della rete Ridap, nata per sostenere i CPIA e le Istituzioni scolastiche che erogano percorsi di istruzione per adulti, la dottoressa Enrica Tais, Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, che ha esposto dettagliatamente le linee strategiche della riforma e gli esiti e gli sviluppi del Piano PAIDEIA, e Claudio Vitali, INAPP, Coordinatore nazionale dell’Agenda europea per l'apprendimento in età adulta, per una panoramica sulle indicazioni e le priorità politiche europee nella New Skills Agenda for Europe. 

 

Sono stati però i lavori di gruppo la vera anima di questo seminario. I partecipanti, divisi in gruppi coordinati dai colleghi dell’Agenzia Erasmus+ coadiuvati da esperti valutatori dei programmi europei, hanno potuto lavorare sulle priorità orizzontali e specifiche 2018 per i partenariati e le mobilità del settore educazione degli adulti, e sui singoli criteri di eleggibilità e qualità che concorrono alla valutazione di un progetto.

/epale/en/file/img8868jpgimg_8868.jpg

gruppo di lavoro

E’ infatti necessario che un partenariato strategico persegua almeno una priorità orizzontale o almeno una priorità tematica settoriale. Tra le priorità orizzontali 2018 ci sono: l'inclusione sociale, l'educazione aperta e pratiche innovative nell’era digitale, la formazione e selezione degli educatori, l'attenzione al patrimonio culturale europeo. 

Invece le priorità specifiche EDA per il 2018 sono: migliorare le competenze di base di soggetti poco qualificati, convalidare delle competenze dell’apprendimento informale e non formale, migliorare e estendere le competenze degli educatori (in particolare nell’alfabetizzazione, nell’alfabetizzazione numerica e nelle competenze digitali, sviluppare pratiche per valutare l’efficacia delle politiche dell’apprendimento degli adulti o per monitorare i progressi di apprendimento dei discenti adulti.

Per sapere tutto della nuova Call Erasmus+ 2018 è utile leggere l'articolo "Pubblicata la nuova Call 2018" su erasmusplus.it, con i link utili al bando e alla guida.

 

A conclusione, nella giornata di sabato, sono stati riportati i risultati del questionario sulle difficoltà e le opportunità della partecipazione dei CPIA a Erasmus+, infine i partecipanti sono stati invitati a fare fiorire l’albero di EPALE con le loro proposte e le loro idee. EPALE ha infatti bisogno della partecipazione attiva del settore formale per poter rappresentare al meglio l’educazione degli adulti in Italia.

 

/epale/en/file/gruppoepalecpiajpg-0gruppoepalecpia.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

Materiali del seminario:     

  1. /epale/en/file/erasmuspluspericpiappt-0Erasmus+: le opportunità per il settore degli adulti.ppt

     Laura Nava, Capo Unità Ufficio Mobilità e Partenariati strategici Agenzia Erasmus+
  2. /epale/en/file/epalecpiaimpattopptValutazione di medio termine del Programma Erasmus+ e del precedente Lifelong Learning Programme. Principali risultati nell'educazione degli adulti.ppt

     Lorenza Venturi, Capo Unità EPALE Italia e Unità Studi e analisi Agenzia Erasmus+
  3. /epale/en/file/relazioneporcaroepaleroma10novembre2017pdfLa rete Ridap a supporto della creazione di reti anche in propspettiva europea.pdf

     Emilio Porcaro, Dirigente Scolastico, CPIA Metropolitano di Bologna
  4. /epale/en/file/interventotaisppsSviluppi delle attività per l'implementazione delle misure di sistema relative al Piano PAIDEA come opportunità di aggiornamento e crescita. ppt

     Enrica Tais, Uff. VI - Istruzione adulti e apprendimento permanente, DGOSV
  5. /epale/en/file/slidesvitalipptxPanoramica sulle indicazioni e le priorità politiche europee nella New Skills Agenda for Europe.pptx

    Claudio Vitali, INAPP, Coordinatore nazionale Agenda europea per l'apprendimento in età adulta
  6. /epale/en/file/presentazionedanielaaggpptLa piattaforma EPALE come strumento operativo delle politiche e a supporto della partecipazione ai progetti europei.ppt

     Daniela Ermini, Martina Blasi Unità EPALE Italia
  7. /epale/en/file/ceccherellicpiapptEPALE, una community in cammino.ppt

     Alessandra Ceccherelli, Unità EPALE Italia
  8. /epale/en/file/orsinika1-ka2cpiaroma2018pptErasmus+call 2018. Finanziamento.ppt

    Valeria Orsini, Ufficio Finaziario Partenariati strategici, Agenzia Erasmus+

Gruppi di lavoro: materiali di supporto Erasmus+ EDA

  1. /epale/en/file/prioritaorizzontaliespecificheeda2018pdfpriorita_orizzontali_e_specifiche_eda_2018.pdf

    [Estratto dal bando Erasmus+ 2018]
  2. /epale/en/file/criteridielegibilitaka1eka2erasmuspluspdfcriteri_di_elegibilita_ka1_e_ka2_erasmusplus.pdf

    [Scheda sintetica - gruppi di lavoro EDA]
  3. /epale/en/file/criteridivalutazioneka1eka2erasmuspluspdfcriteri_di_valutazione_ka1_e_ka2_erasmusplus.pdf

    [Scheda sintetica - gruppi di lavoro EDA]

Albero di Epale

 

GUARDA TUTTI I VIDEO (playlist YouTube)

Galleria fotografica FlickR

Album Facebook

 

Altri link utili:

- Progetto Talking (Transactional Analysis Learning for Keeling over the INtercultural Gap) - partenariato strategico coordinato da Cpia 3 Roma

- Scheda progetto PICS (Photography Increases Creative-thinking Skills) - partenariato strategico coordinato da Cpia 1 Taranto

 

Video servizio sul seminario:

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on LinkedIn
Refresh comments

Displaying 1 - 2 of 2
  • Filomena Montella's picture

    RELAZIONE presentata alla mia DS sulla partecipazione al Seminario “I CPIA verso l’Europa con EPALE e Erasmus+" ROMA 09-11 novembre 2017

    Il seminario è stato organizzato dall’'Unità Italiana Epale  in collaborazione con l'Agenzia nazionale Erasmus+, indirizzato al ai Centri provinciali per l'istruzione degli adulti (CPIA), per favorirne l'apertura alla dimensione europea.

    Da molti anni collaboro con la piattaforma europea di EPALE e la partecipazione è stata per me un’occasione di crescita, per implementare la mia attività di ricerca nell’àmbito delle misure di sistema di PAIDEIA, ed un’occasione di rappresentanza dell’IISS “E. Majorana” di Bari ai lavori del seminario.

    Il programma del seminario è stato molto ricco, come si evince dalla scaletta allegata alla seguente relazione.

    Tuttavia, il punto focale del seminario è stato l’illustrazione delle modalità operative a supporto della partecipazione ai progetti europei nell’àmbito di Erasmus +.

    Lo staff dell’Agenzia Erasmus+, dell’Indire, di Epale ed esperti esterni, come la Dirigente Enrica Tais, dell’Ufficio VI – Istruzione adulti e apprendimento permanente della DGOSV del MIUR, il dott. Emilio Porcaro, DS CPIA Metropolitano di Bologna, coordinatore della rete Ridap (Rete Italiana Istruzione degli Adulti per l’Apprendimento Permanente), il dott. Claudio Vitali, Coordinatore nazionale Agenda europea per l’apprendimento in età adulta dell’INAPP (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche), la prof.ssa V. Gallina dell’Università La sapienza di Roma, esperta di apprendimento dell’età adulta, hanno mostrato le opportunità per il settore dell’istruzione degli adulti in Erasmus+ (Azione chiave 1 Mobilità, Azione chiave 2 Partenariati), illustrando l’impatto magistrale del programma Erasmus+  sugli individui e sulle organizzazioni. Esempi concreti sono stati dimostrati da alcuni dirigenti di Cpia italiani che hanno portato avanti con successo i progetti europei di Erasmus+ Azione chiave 1 e 2.

    Sono state illustrate, inoltre, le potenzialità della piattaforma Epale, valido e concreto supporto operativo per la partecipazione ai progetti europei.

    La partecipazione al seminario è stata molto proficua e determinante per la possibile presentazione da parte del nostro Istituto di progetti di Erasmus+  nell’àmbito dell’apprendimento in età adulta.

    La presenza dei progettisti e dei valutatori dell’Agenzia Erasmus+ ha fornito, infatti, un contributo reale alla realizzazione dei progetti KA1 e KA2, affinché gli stessi siano effettivamente approvati (gli esperti hanno organizzato gruppi di lavoro per fornire tutte le indicazioni precise e opportune, come i criteri di eleggibilità e i criteri di valutazione, per la stesura dei progetti KA1 e KA2 al fine della validazione da parte di Erasmus+).

    Il seminario, infine, mi ha dato la possibilità di intrecciare rapporti professionali utili per il mio impegno concreto nei percorsi di apprendimento degli adulti e di presentare anche alcune criticità del segmento del secondo livello di tale settore d’istruzione (conseguimento titolo Esame di stato per gli adulti, il problema dell’organico nei corsi serali, la questione dell’alternanza scuola lavoro nei percorsi di istruzione di secondo livello, la realizzazione di patti formativi per la valutazione di competenze formali, informali e non formali, l’inclusione e la gestione di alunni BES adulti).

    Sperando di aver dimostrato quanto sia stata utile la mia partecipazione al seminario (e ringraziandola ancora per avermi concesso questa opportunità), resto a sua completa disposizione per chiarimenti e suggerimenti.

    Buon lavoro

  • Filomena Montella's picture
    Ho partecipato con entusiasmo a questo seminario e ho avuto modo di confrontarmi con colleghi e professionisti che operano nel mondo dell'apprendimento degli adulti.
    Il seminario mi ha dato la possibilità di riportare nel mio istituto le modalità di progettazione per progetti europei KA1 e KA2 nel settore degli adulti. Inoltre, ho conosciuto professori universitari con i quali condividere le modalità di insegnamento agli adulti.
    Infine, mi ha permesso di interagire "dal vivo" con i professionisti che lavorano su EPALE.
    Un'occasione davvero formativa. AD MAIORA