chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Risorsa

La logica del sistema di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale e la sua ricaduta sull'apprendimento dell'italiano

Inviato da Alessandra Cecc...

ABSTRACT
Nei primi paragrafi di questo articolo si illustrano i risultati della Ricerca Azione condotta da febbraio a giugno 2016 con un gruppo di apprendenti L2 del CPIA di Varese. In veste di docenti-ricercatori
abbiamo cercato di avvicinarci allo studio di caso incentrato sull’analisi delle dinamiche e dell’interazione tra gli studenti appartenenti ad una singola classe.
Negli ultimi paragrafi invece si approfondiscono altri risvolti sia tecnici che etici sollevati da una ricerca di questo tipo e in questo specifico contesto: i soggetti coinvolti si trovano in una condizione di particolare fragilità, essendo in una sorta di limbo giuridico in attesa dell’audizione in Commissione Territoriale.
La peculiarità del contesto richiama anche il fatto che tutti gli studenti coinvolti nella ricerca si trovano all’interno di un progetto di accoglienza che ne determina una convivenza coatta. Nella conclusione si propone un piano che sintetizza una riflessione critica circa il ruolo dell’attività didattica nel programma di accoglienza e il modo in cui essa viene percepita dagli studenti
 
 
Bollettino Itals
Anno 15, numero 68, Aprile 2017
Supplemento riv. EL.LE
ISSN: 2280-6792
 
Autore/i della risorsa: 
Tatiana Galli
ISBN: 
ISSN: 2280-6792
Data di pubblicazione:
Lunedì, 12 Febbraio, 2018
Lingua del documento
Tipo di risorsa: 
Caso di studio
Paese:
Aggiorna commenti

Commenti 1 - 1 di 1
  • Ritratto di Filomena Montella
    Grazie per questo contributo, che trovo utile e stimolante per l'orientamento nella didattica dell'italiano.
    Lavoro in percorsi di II livello dove, però, l'insegnamento della lingua italiana è fatto attraverso i testi letterari della nostro patrimonio letterario.
    Dunque, una volta che i nostri alunni immigrati hanno superato più o meno bene lo scoglio della comunicazione quotidiana in lingua italiana, come affacciarli al testo letterario? Come potrà un mio alunno del Niger capire l'Orlando furioso di Ariosto?
    Io attuo una metodologia basata sulla narrazione e sul confronto comparato dei generi letterari nelle diverse letterature nazionali. L'idea è sempre quella di far venir fuori la competenza letteraria, nel senso umanistico delle humanae litterae. Che ne pensate?