chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

L'educatore come un sismografo

13/10/2017
by Fabrizio Pivari
Lingua: IT

Ho recentemente ascoltato, in una sala gremita, una conferenza in cui don Luigi Ciotti ha ricordato don Lorenzo Milani.

/epale/it/file/donciottiedonmilanijpgdon_ciotti_e_don_milani.jpg

don Ciotti e don Milani

Un flusso innarrestabile di parole, considerazioni e riflessioni.
Non dimenticherò la metafora: l'educatore è come un sismografo.
Sensibile ad ogni minimo cambiamento della società che lo circonda. Se insegna ai giovani, prima degli altri, si accorgerà delle nuove problematiche, delle tendenze negative: droghe, alcool, anoressia e bulimia, dipendenza da consumismo sfrenato, dipendenze da internet (hikikomori), …
Se insegna ai meno giovani, prima degli altri, si accorgerà delle stesse problematiche con l'aggiunta di quelle derivanti dalla instabilità economica e della instabilità lavorativa.

La scuola degli ultimi di don Milani molto ha fatto e molto può fare.

Fabrizio Pivari

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on LinkedIn
Refresh comments

Displaying 1 - 4 of 4
  • Ritratto di Fabrizio Pivari

    La tendenza in tutto il mondo è sempre più "la scuola dei primi" esasperata spesso dagli stessi genitori. Se l'iscrivo a quella primaria poi potrà andare a quella elementare ...

    Spero invece che per gli adulti ci sia più spazio per la "scuola degli ultimi".

  • Ritratto di Marco Brancucci

    Salve, 

     

    tra le innumerevoli e interessanti iniziative organizzate in occasione del cinquantenario della morte di don Lorenzo Milani e della pubblicazione della “Lettera a una professoressa”, segnalo la seguente.

     

    L’Unità Educazione del Dipartimento DUSIC dell’Università di Parma e il Teatro delle Briciole organizzano una giornata di studi dal titolo Don Lorenzo Milani: tracce, sguardi, interpretazioni, che si terrà giovedì 23 novembre 2017.

    La giornata – articolata in due momenti: un seminario al mattino ed uno spettacolo al pomeriggio – vuole correre lungo un preciso filo rosso: la figura di don Milani così come è stata raccolta e presentata nelle diverse espressioni linguistiche e culturali, dalla letteratura al cinema e al teatro, dalla pedagogia accademica alle frasi spontanee degli ammiratori in pellegrinaggio a Barbiana.

    Per chi fosse interessato e/o in zona, ulteriori informazioni sono reperibili al seguente link

    http://dusic.unipr.it/it/notizie/23-novembre-2017-don-lorenzo-milani-una-giornata-di-studi

     

    Marco

  • Ritratto di Alessandra Ceccherelli

    Grazie di questa condivisione.

    Don Luigi Ciotti è tra i testimoni intervistati nel documentario "Barbiana 65. La lezione di Don Milani" di Alessandro D'Alessandro, presentato all'ultima edizione della Biennale del cinema a Venezia (un articolo su Replubblica in occasione della proiezione).

    Ne consiglio la visione.

    Attualmente è programmato solo in poche regioni, Toscana e Campania, ma ci auguriamo che presto sia disponibile nelle sale di tutta Italia.

     

    realizzato in collaborazione con Fondazione Don Milani.

     

  • Ritratto di Filomena Montella

    Concordo pienamente con quanto sopra detto.

    L'educatore deve avere le antenne sempre all'erta, su tutto.

    Non a caso l'etimologia della parola "educare", dal latino *e - ducere", indica proprio l'atto di far venire fuori. L'educatore deve far venir fuori tutte le problematiche, con sensibilità e serenità.

    Ad maiora