chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Se sei un adulto controlla, se sei un bambino impara

03/10/2017
by Fabrizio Pivari
Lingua: IT

Il coding oggi è di moda, tutti ne parlano e tutti sono coinvolti comprese le aziende.

E' di questi giorni un annuncio importante dove vengono organizzati da aziende corsi di coding gratuiti con una validissima motivazione: il “coding”, cioè la programmazione informatica, è diventato la chiave per comprendere il mondo tecnologico che abitiamo, per passare da semplici consumatori di tecnologia a creatori, assumendo una maggiore consapevolezza nei confronti dell’economia digitale. 

Ed in questo contesto qual è il ruolo degli adulti?

Alla formazione dei più giovani si affianca un Workshop dedicato ai genitori dei partecipanti in cui esperti di tecnologie digitali insegneranno come configurare sistemi di controllo parentale e come evitare che i figli accedano a contenuti inappropriati.

Questa è l'idea generale che si sta creando nella testa di formatori e delle persone:

  • se sei un bambino devi imparare il coding per comprendere il mondo tecnologico (ma loro non erano i famosi nativi digitali?)
  • se sei un adulto (genitore ma anche nonno) devi controllare che tuo figlio o tuo nipote utilizzi correttamente la tecnologia

Come si fa a pensare che un ignorante digitale possa comprendere e quindi controllare l'attività di un nativo digitale per quanto supportato da validi strumenti?

Se vogliamo veramente fare in modo che le persone possano comprendere il mondo tecnologico e fornire loro la chiave allora dobbiamo partire dagli adulti ed insegnare loro il coding, insegnare cosa c'è dietro, insegnare la storia dell'informatica e la storia di internet.

Fabrizio Pivari


CodeScuola.it

Tag:
Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on LinkedIn
This article doesn't have any comments yet.