chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Calendario

L'Università del carcere. L'esperienza dei Poli universitari penitenziari

Inviato da Martina Blasi 1 anno 3 settimane fa

da Venerdì 1 Dicembre 2017 a Sabato 2 Dicembre 2017
Firenze
,

Il Convegno, in programma a Firenze venerdi 1 e sabato 2 dicembre presso l'Auditorium di Santa Apollonia in via San Gallo, costituisce un primo fondamentale appuntamento nazionale per confrontarsi sulla formazione universitaria in carcere.

Istituzioni politiche, rappresentanti del mondo penitenziario e del mondo accademico, organizzazioni di volontariato, provenienti da tutta Italia, daranno vita a due giorni - il 1 e il 2 dicembre- di dibattiti, testimonianze e presentazione delle esperienze del composito mondo dei Poli penitenziari universitari. Si tratta di un progetto in forte espansione nel nostro Paese che dà la possibilità ad un numero crescente di persone in detenzione di proseguire gli studi e di fare della cultura uno strumento di risocializzazione e di cambiamento.

Nell’ambito del Convegno sarà presentato il nuovo accordo interistituzionale per il Polo universitario penitenziario della Toscana e promossa l’attivazione di un Coordinamento nazionale delle esperienze universitarie in carcere.

 

/epale/it/file/programmaconvegnodefpdfProgramma_della_giornata.pdf


 
Quota di partecipazione: 
No
Termine per la registrazione: 
17/11/2017
Evento online: 
No
Tipo di organizzatore: 
Altro evento
Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on LinkedIn
  • Ritratto di Marco Brancucci
    Complimenti per l'iniziativa molto interessante!
    Sarebbe possibile pubblicare e/o ricevere il programma dettagliato dell'evento?
    Il link suindicato rimanda ad un evento non coincidente con quello pubblicizzato, purtroppo.
    Grazie.
    Marco