chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Le potenzialità andragogiche del FabLab: riflessioni a margine del seminario EPALE dell’8 luglio 2015

31/07/2015
by ANNAMARIA CACCHIONE
Lingua: IT

A seguito della giornata EPALE su innovazione e alfabetizzazione digitale, dell’8 luglio scorso, e delle belle discussioni che ha generato,  ho cercato di individuare quali sono gli aspetti più interessanti per chi lavora nel campo dell’educazione degli adulti (o EDA), in modo da proporli come spunti per nuove attività, soprattutto nel campo dell’apprendimento non formale.

Sintetizzando al massimo, questi aspetti sono essenzialmente 3, e tutti e tre strettamente intrecciati tra loro:

  1. La praticità
  2. La collaboratività
  3. Il divertimento

Possiamo dire qualcosa a proposito di ciascuno di questi punti, soprattutto per quanto riguarda le possibili applicazioni. In generale, però, possiamo partire da un assunto: gli adulti hanno delle resistenze specifiche all’apprendimento, diverse dunque da quelle dei giovani. Queste resistenze sono fatte anche di paure e pregiudizi: di non essere più capaci di imparare, di non essere più in grado di concentrarsi, di stancarsi facilmente.

La paura di non essere più capaci di imparare va smontata scientificamente: l’insegnante – che con gli adulti deve giocare il ruolo dell’amico/collega/supervisore/tecnico – deve trovare il modo per spiegare, dati alla mano, che ormai i neuroscienziati hanno dimostrato che il cervello non-giovane funziona come quello giovane, e se uno non impara è solo perché non vuole. Stop. La paura di non essere (più) capaci di seguire lezioni tradizionali rimanendo adeguatamente concentrati si elimina alla radice, e cioè eliminando le lezioni tradizionali.

Ecco dunque dove il FabLab diventa il luogo ideale per fare EDA. In un FabLab non c’è una cattedra e non ci sono banchi. Ci sono macchine e ci si muove intorno alle macchine. Lo spazio, come insegnano i nostri lontani amici finlandesi, non è un elemento neutro della didattica, ma, insieme agli arredi, modifica radicalmente il modo di insegnare e imparare.

Così come ci si muove intorno alle macchine, e si sta spesso in piedi e non seduti – e il muoversi favorisce l’attenzione e anche lo scambio di idee e battute (e qui arriviamo direttamente al terzo punto, cioè al divertirsi) – nel FabLab ci si muove intorno a problemi pratici, esigenze ed urgenze. Da “Come si pulisce il piatto della stampante?” a “Come modifico il file di programmazione?”, il punto di partenza e quello di arrivo sono oggetti, risultati, soluzioni che vengono raggiunte tutti insieme, ognuno aggiungendo un pezzo di idea, di lavoro e, perché no, di pane e qualcosa da mangiare. Incastrati nelle azioni, quasi inosservati, ci sono i momenti di spiegazione e le definizioni. La teoria è generata dalla pratica, diventa essenziale per andare avanti e, nella sua necessità, cattura l’attenzione e fa dimenticare il tuo essere astratta.

Ultimo, ma non ultimo, il divertimento.

Non c’è apprendimento senza divertimento – quello puro e intellettuale della conquista della comprensione di un concetto che si pensava arduo, quello misto della esibizione della propria bravura, quello dell’allegria di un momento di lavoro vissuto insieme come compagni di avventura.

In questo, finalmente, gli apprendenti di ogni età hanno il diritto di sentirsi giovani e audaci, affamati visionari alla ricerca di un Sacro Graal di polimero rosso. Nel FabLab ognuno può sentirsi Steve Jobs per (almeno) 15 minuti di gloria.

 

Link utili:

- La condivisione delle tecnologie digitali nell’educazione degli adulti (presentazione prezi), A. Cacchione

- The Adult Learning Theory: Andragogy, C. Pappas

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on LinkedIn
Refresh comments

Displaying 1 - 2 of 2
  • Ritratto di ANNAMARIA CACCHIONE

    Cara Grazia,

    grazie davvero per il tuo commento (e perdonami per il ritardo con cui ti rispondo).

    Il divario digitale intergenerazionale è ancora un problema molto forte che riguarda la società di tutti - o quasi - i paesi europei. Ho letto in questi giorni di diverse iniziative che si stanno infatti svolgendo a livello centrale su questo tema.

    Sarò lieta di fornirti tutto l'aiuto che posso e per questo ti scrivo al più presto in privato. Sentiti libera di postare altre idee e considerazioni su questo tema su questa piattaforma - il dibattito è appena agli inizi!

    Annamaria

  • Ritratto di Grazia Lucantoni

    Condivido pienamente tutto ciò che hai scritto, hai riassunto in poche righe quello che penso oggi dopo aver avuto molteplici esperienze di docenza con giovani e adulti. Sono insegnante di Informatica da 40 anni! In pensione da oggi!

    Ho un progetto da attuare che riguarda appunto il superamento del divario digitale tra generazioni attraverso l'apprendimento non formale. Mi dispiace molto non aver potuto partecipare alla giornata Epale dell'8 luglio perché ho veramente bisogno di aiuto per realizzare il mio progetto nel modo migliore. Ringrazio chiunque voglia mettersi in contatto con me (grazialucantoni@gmail.com) per consigli su come muoversi. Ho inviato molte email al team di supporto di Epale e ad altri membri ma non ho ricevuto riscontri.