chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Fondi Strutturali Europei - Percorsi per Adulti e giovani adulti Educazione e Mestieri, Moduli PON: “C’era una volta un pezzo di stoffa” e "Di che stoffa sei?"

19/06/2019
by Piera De Gironimo
Lingua: IT

Nell'ambito del rafforzamento delle competenze di base anche legate a interventi di formazione professionale, il CPIA 10 di Formia (LT) ha attivato due moduli PON di taglio e cucito aperti sia agli iscritti dell'Istituto sia agli adulti disoccupati del territorio presso il punto di erogazione dell'Istituto Comprensivo Minturno 1.

I moduli sono stati progettati pensando alla promozione dell'individuo e all’integrazione sociale dei cittadini nella comunità attraverso lo svolgimento di attività finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, inoccupate e disoccupate, attivando risorse, strumenti e procedure rivolti a garantire lo sviluppo di competenze tecniche e pratiche nel campo della sartoria allo scopo di promuovere e di realizzare sul territorio laboratori creativi. Il metodo d'insegnamento utilizzato è stato di tipo laboratoriale con una particolare attenzione all'ambiente, proponendo come attività principale la produzione di capi in stoffa artigianali con metodo su misura (gonne) e di cucito creativo con materiale di riciclo (borse da mare).

Inoltre l’appartenenza a nazionalità diverse (albanese, nigeriana, indiana, italiana, etc.) ha favorito la “contaminazione” culturale e la creazione di un luogo di accoglienza e valorizzazione delle diversità. Le conoscenze tecniche e pratiche nel campo della sartoria unite alle competenze relazionali ed educative hanno portato a promuovere e realizzare sul territorio di Minturno (LT) un laboratorio creativo stimolando anche la riflessione sui temi dell’aiuto reciproco tramite il cooperative learning


Attività manuali, dunque, che ci hanno permesso  di lavorare anche sulle soft skills (valori come la tolleranza, la solidarietà, il rispetto reciproco, la valorizzazione delle differenze individuali e culturali) , creando uno spazio formativo dinamico volto all’integrazione sociale e culturale di adulti  italiani e stranieri in situazione di svantaggio al fine di prevenire forme di discriminazione razziale e culturale. 

                         

/epale/it/file/poncucitopngpon_cucito.png

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn