chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Electronic Platform for Adult Learning in Europe

 
 

Newsroom

Concorso "Storie di resilienza". Cambiamenti di vita e di riscatto sociale

27/11/2017
Language: IT

Alzati una volta in più di quante sei caduto.

Laurence Peter

 

Le difficoltà possono essere anche delle sfide che mobilitano le nostre risorse interne e il loro superamento rappresenta non solo una vittoria, ma un insegnamento, una storia da condividere con gli altri. Ognuno di noi può imparare dalle storie altrui come reagire di fronte ad una situazione di sofferenza!

I contesti educativi spesso possono promuovere e stimolare la capacità di uscire da situazioni difficili per trasformarle in occasioni di cambiamento e di miglioramento. Per questo l’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire cerca storie di resilienza frutto di percorsi educativi e culturali, storie di speranza in cui le avversità sono un motore di cambiamento.

Condividi la tua storia!

 

Upside down shadow of two person on pattered sidewalk, in black and white

L’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire aderisce all’iniziativa della Commissione europea di istituire una rete di figure di riferimento positive che possano, attraverso il racconto delle loro storie, ispirare chi vive in contesti difficili attivando processi di fiducia nella possibilità di trarre effetti positivi da situazioni negative. L’iniziativa rientra nelle misure attuate dalla Commissione per sostenere gli Stati membri nella lotta alla radicalizzazione e la discriminazione sociale attraverso una combinazione di interventi che coinvolgano le autorità competenti, la società e la collettività sia a livello nazionale, che europeo.

Per affrontare questa sfida l’Unione Europea, nella Comunicazione del 14 giugno 2016 “Sostenere la prevenzione della radicalizzazione che porta all’estremismo violento”, che segue la Dichiarazione di Parigi del 17 marzo 2015 per rafforzare il ruolo del dialogo interculturale nell'istruzione e negli ambienti di apprendimento, indica sette ambiti specifici tra i quali la promozione di un’istruzione inclusiva e il potenziamento dei progetti europei  di mobilità e cooperazione transnazionale finanziati dal Programma Erasmus+.  Per questo motivo a partire dal 2016 il Programma dà priorità ad azioni e progetti volti a promuovere l’inclusione sociale e i valori fondamentali corrispondenti agli obiettivi della Dichiarazione di Parigi.

In questo contesto rientra la decisione di istituire una rete di “role models”: figure di riferimento positive, testimonianze di chi, anche grazie al Programma Erasmus+ e alle politiche europee di inclusione e di contrasto alla radicalizzazione, è riuscito a trasformare le difficoltà in opportunità, dando avvio ad un processo di crescita e successo personale.

L’Agenzia Nazionale promuove, con il supporto dell'Unità Epale Italia che collabora con stakeholders ed organizzazioni nel settore dell'educazione degli adulti, la creazione di una rete nazionale di role models da invitare nelle scuole, nelle organizzazioni, nei centri di orientamento e di accoglienza e in ogni luogo in cui il racconto della loro esperienza possa essere di stimolo per gli studenti e i discenti a fronteggiare situazioni di svantaggio, in favore di un ambiente di apprendimento e di una società più inclusiva e accogliente.

Portrait of young woman with tattoo at ruban scene

Come candidarsi per questo ruolo?

Possono candidarsi al ruolo tutti coloro che desiderano contribuire alla lotta all’esclusione sociale attraverso il racconto della loro esperienza personale, in cui istruzione e formazione abbiano avuto un ruolo fondamentale nella storia raccontata. Le esperienze possono provenire dai diversi ambiti, con particolare priorità alle seguenti tematiche:

  • Abbandono scolastico precoce
  • NEETs e in generale storie di giovani svantaggiati
  • Migranti e Rifugiati
  • Educazione in carcere

L’istruzione e la formazione devono avere un ruolo fondamentale nella storia testimoniata.

Le persone che verranno scelte, residenti in Italia, dovranno avere spiccate capacità comunicative ed essere disponibili a partecipare a incontri e conferenze per raccontare la propria storia, nell’ottica del “role model”, essere d’esempio a ispirare comportamenti in altri.

Per partecipare è necessario compilare la scheda online, condividendo un testo (formato doc) e/o un video (valgono anche prodotti realizzati per altri concorsi, purché rispettino i requisiti di attinenza ai temi dell'istruzione e formazione come riscatto sociale).

 

In premio

Le migliori storie saranno premiate con un buono spesa da utilizzare per acquistare prodotti culturali. Sarà previsto anche un evento europeo nel 2018.

 

Compila la scheda online e condividi la tua storia!

Scadenza 30 dicembre 2017

 

Link utili:

 

Martina Blasi e Alessandra Ceccherelli

Unità Epale Italia

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on LinkedIn
This article doesn't have any comments yet.