Garanzia della qualità

La creazione di validi sistemi di garanzia della qualità a livello regionale e nazionale è fondamentale per una maggiore trasparenza e fiducia tra i paesi. Si tratta di un fattore essenziale per agevolare la mobilità degli studenti in tutta Europa grazie al riconoscimento reciproco dei diplomi di istruzione secondaria e dei periodi di apprendimento all'estero.

Di cosa si tratta?

Recentemente è emersa una forte tendenza verso il decentramento e una maggiore autonomia delle scuole. Concedere più autonomia alle scuole per le questioni pratiche e organizzative, o riguardo all'uso delle risorse finanziarie, offre loro maggiori opportunità di adattare le strategie alle proprie esigenze specifiche e al contesto locale. Tuttavia, l'autonomia porta benefici solo a condizione che le scuole sappiano efficacemente pianificare e gestire il proprio sviluppo e che si assumano le dovute responsabilità nei confronti dei genitori, delle comunità locali e delle autorità preposte all'istruzione. I risultati del programma dell'OCSE per la valutazione internazionale degli studenti (PISA) dimostrano infatti che l'autonomia della scuola favorisce una migliore trasmissione delle competenze di base, se accompagnata dall'assunzione di responsabilità. L'interazione tra autonomia e responsabilità richiede, tuttavia, sistemi di garanzia della qualità robusti e flessibili allo stesso tempo.

I sistemi di garanzia della qualità variano notevolmente da un paese dell'UE all'altro, ma alcune problematiche restano comuni, tra cui:

  • stabilire come fissare gli obiettivi e misurare i progressi nei sistemi d'istruzione e nell'apprendimento da parte degli studenti
  • progettare la garanzia della qualità per sistemi d'istruzione sempre più decentrati e strutturati su molteplici livelli
  • incoraggiare il dialogo e una cultura basata sulla fiducia tra tutti i protagonisti del mondo della scuola
  • definire l'ordine delle priorità per le risorse umane e finanziarie.

La creazione di validi sistemi di garanzia della qualità a livello regionale e nazionale è fondamentale per una maggiore trasparenza e fiducia tra i paesi. Si tratta di un fattore essenziale per agevolare la mobilità degli studenti in tutta Europa grazie al riconoscimento reciproco dei diplomi di istruzione secondaria e dei periodi di apprendimento all'estero.

La Commissione europea aiuta i paesi dell'UE a sviluppare ulteriormente i loro sistemi di garanzia della qualità favorendo l'apprendimento reciproco. Un gruppo di lavoro composto da esperti europei dei governi nazionali e da rappresentanti delle organizzazioni del settore si riunisce periodicamente per esaminare aspetti specifici delle politiche volte a garantire la qualità, discutere problematiche comuni e scambiarsi buone pratiche.

Cosa è stato fatto finora?

Il gruppo di lavoro dell'UE hanno prodotto una serie di orientamenti sulla garanzia della qualità per lo sviluppo scolastico, destinati ai responsabili politici. Nella comunicazione sullo sviluppo scolastico e l'eccellenza nell'insegnamento (2017) la Commissione europea individua settori d'intervento per migliorate l'istruzione scolastica, inclusa la garanzia della qualità. Un documento di lavoro allegato illustra i risultati di ricerche e attività condotte a livello dell'UE sulle politiche di istruzione scolastica.