Abbandono scolastico

Una delle priorità della Commissione europea nel campo dell'istruzione è ridurre l'abbandono scolastico a meno del 10% entro il 2020 in tutti i paesi dell'UE. La Commissione europea collabora con gli Stati membri per promuovere l'attuazione di strategie globali volte a prevenire l'abbandono scolastico, nonché per garantire interventi compensativi per ricondurre i giovani verso un percorso scolastico o formativo.

Qual è il problema?

Il fenomeno dell'abbandono scolastico è legato alla disoccupazione, all'emarginazione sociale, alla povertà e a scarse condizioni di salute. Le ragioni per cui alcuni giovani decidono prematuramente di rinunciare alla scuola e ad una formazione sono molte: problemi personali e familiari, difficoltà di apprendimento o una situazione socioeconomica fragile. Fattori altrettanto importanti sono l'impostazione del sistema educativo, l'ambiente nei singoli istituti e il rapporto tra insegnanti e alunni.

Perché i motivi per cui i ragazzi non competano gli studi secondari sono spesso complessi e interconnessi, le politiche volte ad arginare il fenomeno devono affrontare diverse questioni e combinare aspetti educativi e sociali, l'intervento di operatori giovanili e tematiche connesse alla salute. Alcune di queste problematiche sono illustrate in un'infografica fornita dalla Commissione.

Cosa è stato fatto finora?

Il pacchetto europeo di strumenti per le scuole

Il pacchetto europeo di strumenti per le scuole offre ai responsabili politici e agli operatori del settore un insieme di risorse ed esempi pratici di metodi efficaci per promuovere il successo scolastico e prevenire l'abbandono prematuro degli studi. Il pacchetto si suddivide in cinque aree tematiche che sono condizioni essenziali per un approccio globale al fenomeno dell'abbandono scolastico. Ciascuna area tematica viene ulteriormente sviluppata e completata da esempi e interventi pratici. Maggiori informazioni figurano nella scheda informativa.