Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT)

L'Istituto europeo di innovazione e tecnologia punta a rafforzare la capacità di innovazione degli Stati membri dell'UE, a promuovere una crescita economica sostenibile e la competitività e ad affrontare le principali sfide sociali cui deve far fronte l'Unione.

Cos'è l'Istituto europeo di innovazione e tecnologia? 

La missione dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT), con sede a Budapest, in Ungheria, consiste in:

  • promuovere e integrare l'istruzione superiore, la ricerca e l'innovazione della massima qualità
  • promuovere le sinergie e la cooperazione tra l'istruzione superiore, la ricerca e l'innovazione
  • contribuire a una crescita economica sostenibile, alla competitività e all'imprenditorialità rafforzando la capacità di innovazione degli Stati membri dell'UE 
  • affrontare le principali sfide sociali cui deve far fronte l'Unione.

L'EIT fa parte di Orizzonte 2020, il programma quadro dell'UE per la ricerca e l'innovazione, che ne garantisce l'interazione con altre iniziative e programmi dell'UE.

Quali sono i risultati finora ottenuti?

L'EIT ha istituito 8 comunità della conoscenza e dell'innovazione (CCI) e prevede di crearne altre due. Queste comunità sostengono l'innovazione e lo spirito imprenditoriale ed esplorano nuove forme di collaborazione tra istruzione superiore, ricerca e imprese. 

Le CCI esistenti sono:

  • cambiamenti climatici (EIT Climate)
  • energia sostenibile (EIT InnoEnergy)
  • tecnologie digitali (EIT Digital)
  • vita sana e invecchiamento attivo (EIT Health)
  • materie prime (EIT Raw Materials)
  • alimenti per il futuro (EIT Food)
  • trasporti urbani intelligenti, verdi e integrati (EIT Urban Mobility)
  • industria manifatturiera europea (EIT Manufacturing)

Da quando è stato istituito, l'EIT ha provveduto, anche grazie alle CCI, a riunire più di 1 000 partner provenienti da tutta Europa e non solo, sostenere oltre 300 start-up innovative, incubare più di 1 200 idee imprenditoriali e lanciare oltre 400 nuovi prodotti e servizi. 

Oltre 1 200 studenti si sono finora laureati con programmi di studio dell'EIT a livello di laurea magistrale e di dottorato, mentre altri 5 000 dovrebbero laurearsi entro il 2020. Per maggiori informazioni sull'EIT, consulta questa scheda.

Prossime tappe

La proposta della Commissione che istituisce il programma Orizzonte Europa per il periodo 2021-2027 presenta il futuro bilancio proposto per l'EIT, nonché la sua motivazione (compreso il suo valore aggiunto previsto a livello di UE), i settori di intervento, le linee generali di attività e gli indicatori di prestazione. 

Tuttavia, la proposta in sé non fornisce la base giuridica per proseguire le attività dell'EIT dopo il 2020. L'11 luglio 2019 la Commissione ha proposto un aggiornamento del regolamento EIT e una nuova agenda strategica per l'innovazione per l'EIT per il periodo 2021-2027. 

Il regolamento EIT, incentrato sui principi fondamentali del funzionamento dell'EIT e delle CCI, garantirà una maggiore chiarezza giuridica nei confronti del programma quadro dell'UE per la ricerca e l'innovazione e integrerà il principio della sostenibilità finanziaria delle CCI.

Inoltre, l'agenda strategica per l'innovazione (ASI) proposta per il periodo 2021-2027 è in linea con gli obiettivi di Orizzonte Europa e introduce le seguenti novità principali:

  • aumentare l'impatto regionale delle CCI grazie a una maggiore apertura nei confronti dei potenziali partner e delle parti interessate e a migliori strategie regionali delle CCI, compresi collegamenti alle pertinenti strategie di specializzazione intelligente
  • rafforzare la capacità d'innovazione dell'istruzione superiore al fine di integrare un maggior numero di istituti di istruzione superiore negli ecosistemi e nelle catene del valore dell'innovazione
  • avviare nuove CCI in settori prioritari da selezionare in funzione della loro pertinenza rispetto alle priorità politiche di Orizzonte Europa. La prima nuova CCI dovrebbe riguardare il settore delle industrie culturali e creative (ICC) e dovrebbe essere avviata nel 2022.