Sistemi di istruzione superiore efficaci ed efficienti

L'efficacia e l'efficienza dell'insegnamento superiore sono correlate alla governance e ai finanziamenti, nonché alla promozione di una cultura della qualità nei sistemi e negli istituti di istruzione superiore.

Di cosa si tratta?

L'efficacia e l'efficienza dell'insegnamento superiore sono correlate alla governance e ai finanziamenti, nonché alla promozione di una cultura della qualità nei sistemi e negli istituti di istruzione superiore. Il modo in cui tali sistemi sono organizzati e finanziati determina la loro efficacia complessiva.

La strategia Europa 2020 mette in evidenza che:

  • i sistemi dell'insegnamento universitario necessitano di adeguati finanziamenti. Inoltre, poiché la spesa pubblica nell'istruzione superiore costituisce un fattore di crescita, andrebbe protetta
  • le sfide che l'istruzione superiore ha di fronte richiedono sistemi più flessibili di governance e finanziamento, che diano una maggiore autonomia agli istituti universitari garantendo nel contempo la trasparenza nei confronti di tutti i soggetti interessati.

Inoltre, nell'ambito del processo di Bologna, gli Stati membri collaborano strettamente per sviluppare una cultura della qualità. Garantire la qualità aumenta la fiducia nell'istruzione superiore. Ogni istituto dovrebbe disporre di un sistema rigoroso di certificazione della qualità, valutato da agenzie di controllo esterne.

Perché servono?

Se i livelli di spesa per l'istruzione superiore variano notevolmente da un paese dell'UE all'altro, gli investimenti complessivi in Europa restano troppo bassi, determinando una pressione sugli investimenti pubblici. È importante diversificare le fonti di finanziamento per l'istruzione superiore e massimizzare il valore ricavato dalle risorse investite.

La riforma e la modernizzazione dell'istruzione superiore in Europa dipendono dalle competenze e dalla motivazione degli insegnanti e dei ricercatori. Tuttavia, spesso il numero di docenti non ha tenuto il passo con l'aumento del numero di studenti, mettendo ulteriormente sotto pressione capacità già limitate.

Condizioni di lavoro migliori, tra cui procedure di assunzione trasparenti ed eque, uno sviluppo professionale iniziale e continuo adeguato e una maggiore valorizzazione delle eccellenze nel campo dell'insegnamento e della ricerca sono indispensabili per far sì che l'Europa riesca a produrre, attrarre e trattenere il personale accademico altamente qualificato di cui ha bisogno.

Queste sfide richiedono una maggiore flessibilità. Infatti, istituti autonomi possono specializzarsi più facilmente, offrendo prestazioni migliori in termini didattici e di ricerca e favorendo l'eccellenza all'interno dei sistemi di istruzione superiore. Tuttavia, vincoli giuridici, finanziari e amministrativi spesso limitano la libertà degli istituti di definire strategie e strutture e di differenziarsi rispetto alla concorrenza.

Cosa è stato fatto finora?

Sostenendo la ricerca e la collaborazione politica, la Commissione europea aiuta i paesi dell'UE a mettere a punto modelli efficaci di governance e finanziamento dell'insegnamento superiore. Insieme all'OCSE la Commissione europea sta lavorando ad una revisione delle strutture di finanziamento, incentivazione e valorizzazione dei sistemi di istruzione superiore.

La Commissione europea incoraggia inoltre gli Stati membri ad avvalersi dello strumento della consulenza tra pari per l'apprendimento reciproco delle buone pratiche di governance e finanziamento.

Nel periodo di programmazione 2014-2020, 17 Stati membri dell'UE hanno investito fondi strutturali e d'investimento europei nell'istruzione superiore. Complessivamente, 5,2 miliardi di euro del Fondo sociale europeo sono stati destinati alla formazione, a programmi di riforma e ad allineare l'istruzione al mercato del lavoro.

Ulteriori 1,5 miliardi di euro provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale sono stati spesi per ammodernare e costruire infrastrutture (case dello studente, laboratori, ecc.). Gli istituti di istruzione superiore possono anche avvalersi di alcuni prestiti messi a disposizione dal gruppo BEI per riqualificare le loro strutture o sviluppare possibilità di finanziamento innovative.

Per quanto riguarda la cultura della qualità in Europa, le norme e linee guida per la garanzia della qualità nello spazio europeo dell'istruzione superiore (riviste e adottate nel 2015 dagli Stati membri e altri paesi del processo di Bologna) fissano un quadro comune cui i sistemi di certificazione della qualità a livello europeo, nazionale e istituzionale sono tenuti ad attenersi.

Il registro europeo per la certificazione della qualità (EQAR) dell'istruzione superiore contribuisce a sviluppare una dimensione europea in materia di garanzia della qualità. Per poter essere iscritte nel registro, le agenzie preposte sono chiamate a rispettare i principi delle norme e linee guida europee per la certificazione della qualità (ESG). La Commissione europea pubblica relazioni periodiche sullo sviluppo della certificazione della qualità a livello europeo.