Percorsi per il successo scolastico

Lotta ai risultati insufficienti e all'abbandono prematuro dell'istruzione e della formazione in tutta l'Unione europea.

Perché il successo scolastico è importante

L'istruzione scolastica svolge un ruolo cruciale nella promozione di società inclusive, più eque e più prospere, aiutando tutti i bambini e i giovani a realizzare appieno il loro potenziale.

Contribuisce inoltre a sviluppare le conoscenze, le competenze e gli atteggiamenti necessari per prosperare nella vita e diventare individui attivi, responsabili, resilienti e impegnati che continuano a imparare per tutta la vita. 

Garantire a tutti l'accesso a un'istruzione inclusiva e di qualità e dotare i bambini e i giovani delle competenze di cui hanno bisogno nella vita contribuisce a rendere le società uguali e le economie più fiorenti. 

La padronanza delle competenze di base (lettura, matematica e scienze) è di fondamentale importanza per il progresso accademico e le prospettive future degli alunni. 

Le capacità e le competenze acquisite nell'istruzione secondaria superiore sono sempre più percepite come le credenziali minime per il buon ingresso nel mercato del lavoro e le basi per una vita soddisfacente e sana.

Quadro della situazione

Nonostante l'importanza delle competenze di base, nell'Unione europea (UE) un quindicenne su cinque non possiede ancora competenze sufficienti in lettura, matematica o scienze (indagine PISA dell'OCSE, 2018). 

I giovani che abbandonano prematuramente l'istruzione e la formazione rappresentano circa il 10% dei giovani nell'UE e solo l'84,3% dei giovani tra i 20 e i 24 anni ha completato l'istruzione secondaria superiore (Eurostat, 2020). 

Il contesto socioeconomico e culturale è il principale fattore determinante dei risultati scolastici degli alunni. 

I bambini che provengono dalle zone e dalle famiglie più povere ottengono in media risultati peggiori nella scuola rispetto ai loro compagni scolastici più privilegiati.

Analogamente, la percentuale di studenti con risultati insufficienti nelle competenze di base tra gli alunni provenienti da un contesto migratorio è molto più elevata che tra i loro colleghi autoctoni. 

Coloro che provengono da un contesto migratorio hanno maggiori probabilità di abbandonare prematuramente la scuola senza acquisire le competenze di base.

Inoltre, vi sono segnali preoccupanti (indagine PISA dell'OCSE, 2018) che il benessere e il senso di appartenenza alla scuola degli alunni sono in calo e che il bullismo è diffuso, con effetti negativi sullo sviluppo e sul rendimento scolastico degli alunni.

Cosa fa l'Unione europea per affrontare questo problema

Per promuovere la cooperazione politica tra gli Stati membri dell'UE llo scopo di affrontare queste sfide, la Commissione europea ha lanciato una nuova iniziativa, "Percorsi per il successo scolastico",

che combina diversi strumenti, dagli orientamenti politici all'apprendimento tra pari e allo scambio di informazioni e migliori pratiche, fino agli incentivi finanziari, per stimolare la riforma delle politiche. 

In particolare, nel 2022 la Commissione presenterà una proposta di raccomandazione del Consiglio sui percorsi per il successo scolastico. La raccomandazione inviterà ad adottare strategie e azioni basate su elementi concreti, coerenti e collaborative contro i risultati insufficienti e l'abbandono precoce dell'istruzione e della formazione. 

Gli Stati membri saranno incoraggiati a rafforzare lo sviluppo di politiche globali che affrontino tutti i livelli dell'istruzione scolastica - educazione e cura della prima infanzia (ECEC), istruzione primaria e secondaria (inferiore e superiore) e istruzione e formazione professionale (IFP). 

Saranno invitati a porre un forte accento sul monitoraggio, la prevenzione (compresa la motivazione degli alunni) e l'intervento, da combinare con misure a sostegno di coloro che hanno abbandonato l'istruzione senza un titolo di istruzione secondaria superiore, come i programmi di istruzione della seconda opportunità.

Le politiche dovrebbero basarsi su una forte collaborazione intersettoriale e coinvolgere le parti interessate di diversi settori, quali i giovani, la cultura, lo sport, la politica sociale, l'occupazione e la salute. 

Raccomandazione del Consiglio

La raccomandazione, un'iniziativa dello spazio europeo dell'istruzione, affronterà le seguenti dimensioni:

  • governance e leadership scolastica, compresa la garanzia della qualità
  • ambienti di apprendimento; curricula, valutazione, sostegno e strumenti mirati, transizioni tra livelli di istruzione
  • discenti e clima di apprendimento, con particolare attenzione al benessere degli alunni e a un'interazione positiva che contempli la diversità e il benessere degli alunni a scuola
  • un maggior ruolo degli insegnanti nell'affrontare lo svantaggio educativo
  • il coinvolgimento dei genitori e delle famiglie nel processo decisionale e nelle attività scolastiche
  • collaborazione all'interno e intorno alle scuole con le parti interessate e la comunità in generale

Calendario 

La proposta di raccomandazione del Consiglio è in fase di elaborazione. 

A giugno 2021 verrà indetta una consultazione pubblica per raccogliere i contributi e sentire i pareri delle persone e organizzazioni interessate. 

Inoltre, è in via di organizzazione una serie di iniziative di consultazione con organizzazioni attive nel settore dell'istruzione e dell'ambiente. 

La proposta di raccomandazione del Consiglio sarà adottata dalla Commissione nel 2022 e presentata ai ministri dell'Istruzione dell'UE in seno al Consiglio dell'Unione europea, che la discuterà e adotterà. 

Programma Erasmus+

L'istruzione inclusiva e la riduzione dell'abbandono precoce dall'istruzione e dalla formazione occupano un posto centrale anche per il nuovo programma Erasmus+

La raccomandazione sarà accompagnata dal "pacchetto europeo di strumenti per le scuole: promuovere un'istruzione inclusiva e combattere l'abbandono scolastico".

Contenuti correlati

Spazio europeo dell'istruzione

Politiche inm ateria di abbandono scolastico

Pacchetto europeo di strumenti per le scuole: promuovere un'istruzione inclusiva e combattere l'abbandono scolastico.

Programma Erasmus+