Premio europeo per l'insegnamento innovativo

Il premio illustrerà le migliori pratiche didattiche nell'ambito del programma Erasmus+ e riconoscerà il lavoro svolto dagli insegnanti e dalle scuole nell'ambito di progetti di collaborazione a livello europeo.

Il premio europeo per l'insegnamento innovativo è una nuova iniziativa che verrà lanciata nel 2021 dalla comunicazione della Commissione sulla realizzazione dello spazio europeo dell'istruzione entro il 2025. 

Gli obiettivi del premio sono;

  • celebrare i successi degli insegnanti e delle scuole e ringraziarli per il loro lavoro
  • individuare e promuovere pratiche di eccellenza nell'insegnamento e nell'apprendimento
  • utilizzare il premio come strumento di apprendimento reciproco
  • mettere in evidenza il valore del programma Erasmus+ per la collaborazione tra gli insegnanti in ambito europeo e la creazione dello spazio europeo dell'istruzione

Il premio si concentrerà sull'istruzione scolastica, comprese l'educazione e la cura nella prima infanzia e le scuole di istruzione e formazione professionale

Come le accademie dei docenti Erasmus+, questa nuova iniziativa mira a sostenere gli insegnanti e i formatori nella loro carriera promuovendo l'eccellenza professionale, le reti professionali e le comunità di pratica, nonché la mobilità a fini di apprendimento all'estero.

Saranno previsti quattro premi per ciascun paese partecipante al programma Erasmus+

  • educazione e cura nella prima infanzia
  • istruzione primaria
  • istruzione secondaria 
  • scuole di istruzione e formazione professionale

I premi saranno selezionati e assegnati dalle agenzie nazionali Erasmus+, che sono coinvolte nella definizione di questa iniziativa attraverso un processo di creazione collaborativa. 

Il premio sarà dedicato ogni anno a un tema e ricompenserà gli insegnanti e le scuole che, attraverso i loro progetti, hanno affrontato uno degli argomenti elencati tra le priorità dello spazio europeo dell'istruzione. 

Per il 2021 il tema sarà l'apprendimento a distanza e misto, in stretta connessione con il piano d'azione per l'istruzione digitale e la pandemia di COVID-19.