Raccomandazione del Consiglio su un approccio globale all'insegnamento e all'apprendimento delle lingue
Con l'aumento della mobilità verso l'UE e tra i suoi Stati membri, i sistemi di istruzione e di formazione devono adattarsi alle sfide e alle opportunità determinate dalla ricchezza linguistica dell'Europa.

Le competenze linguistiche sono al cuore dell’ambiziosa visione di creare uno spazio europeo dell'istruzione. Saper parlare lingue straniere è una competenza necessaria non solo per studiare all'estero, ma anche per avere accesso a mercati del lavoro sempre più internazionali. Imparare le lingue consente alle persone di scoprire culture straniere e di ampliare i propri orizzonti.

Tuttavia, gli studi dimostrano che gli Stati membri dell'UE non avanzano abbastanza rapidamente verso l'obiettivo secondo cui ogni cittadino europeo dovrebbe essere in grado di parlare due lingue straniere sin dall'infanzia, stabilito come parte della visione per la creazione di uno spazio europeo dell'istruzione.

I livelli di competenza linguistica degli studenti al termine della scuola dell'obbligo sono mediamente bassi in tutta l'UE, con notevoli differenze tra gli Stati membri. 

La crescente mobilità in Europa e i molti giovani che arrivano da paesi terzi a studiare nell'UE rendono essenziale garantire che il multilinguismo sia al centro del progetto europeo.

La Commissione ha presentato una proposta per un approccio globale all'insegnamento e all'apprendimento delle lingue. I suoi obiettivi sono:

  • rafforzare l'apprendimento delle lingue entro la fine della scuola dell'obbligo concentrandosi sul raggiungimento di livelli di competenze specifici, sulla base del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER) del Consiglio d'Europa
  • introdurre nell'istruzione e nella formazione il concetto di consapevolezza linguistica, che offre un quadro inclusivo per l'apprendimento delle lingue tenendo conto delle competenze linguistiche dei singoli individui
  • garantire la possibilità di imparare e studiare all'estero a un maggior numero di insegnanti di lingue
  • individuare e promuovere metodi didattici innovativi, inclusivi e multilingui usando strumenti e piattaforme europee come School Education Gateway e eTwinning.

In seguito a negoziati tra la Commissione e gli Stati membri dell'UE, la raccomandazione del Consiglio su un approccio globale all'insegnamento e all'apprendimento delle lingue è stata adottata dai ministri dell'Istruzione nel corso della riunione del Consiglio tenutasi a Bruxelles il 22 maggio 2019.