Affari marittimi e pesca
Rivista online

Innovazione nell'Economia Blu

Innovazione nell'Economia Blu

In periodi di crisi economica non ci si dovrebbe lasciare sfuggire nessuna opportunità di crescita e creazione di posti di lavoro. I mari e gli oceani europei non solo ne forniscono in abbondanza, ma a fronte di una scarsità di risorse e di una popolazione mondiale in crescita, ricorreremo sempre di più ad essi per soddisfare le nostre esigenze alimentari, farmaceutiche ed energetiche. Dalla produzione di energia pulita allo sviluppo di industrie nuove e sostenibili in settori completamente diversi come le biotecnologie e l'acquacoltura, l'innovazione nell'economia marittima europea sarà dunque cruciale per la ripresa e il futuro dell'Europa.

Non sorprende, quindi, che l'«Innovazione Blu» sia stata il tema della conferenza di quest'anno in occasione della Giornata europea dei mari (EMD), tenutasi a maggio a Brema. Politici, funzionari pubblici e rappresentanti dell'industria di tutta Europa si sono riuniti per discutere di come trasformare questo potenziale in realtà, dando allo stesso tempo la priorità alla sostenibilità ambientale.

Innovazione nell'Economia Blu - © Zacarias Pereira Da Mata | Dreamstime.com
Innovation in the Blue Economy - © Zacarias Pereira Da Mata | Dreamstime.com

Gran parte della discussione si è incentrata sul modo migliore per superare gli ostacoli all'innovazione, che vanno dagli investimenti insufficienti nel campo delle conoscenze, a uno scarso accesso ai finanziamenti, alla carenza di competenze, nonché alla duplicazione e alla mancanza di coordinamento delle attività di ricerca.

La carenza di competenze è particolarmente acuta nel campo dell'ingegneria e di altri settori tecnici. Nel solo settore dell'energia eolica si registra attualmente un deficit di 7 000 ingegneri e altri lavoratori altamente qualificati. Senza una formazione professionale e un'istruzione adeguate ed efficaci a livello dell'UE, questa cifra rischia di raddoppiare entro il 2030.

Ecco perché il recente piano d'azione della Commissione in materia di innovazione blu promuove lo sviluppo di un'alleanza delle competenze settoriali nel settore marino tra gli organismi che offrono programmi educativi e gli attori industriali, allo scopo di contribuire a stimolare la cooperazione e di fornire all'industria le competenze di cui ha bisogno per crescere.

E si tratta di un potenziale di crescita reale. Nel solo settore dell'energia eolica offshore sono attualmente impiegate 58 000 persone, che producono il 1% della nostra energia elettrica. Entro il 2020, queste cifre saliranno a quasi 200 000 dipendenti e a oltre il 30% del nostro fabbisogno energetico. Tale aumento di produzione energetica in mare consentirà anche di raccogliere nuove informazioni scientifiche dalle oltre 5 000 turbine offshore e offrirà nuove opportunità alle imprese miste attive ad esempio nei settori della ricerca, delle aree marine protette o dell'acquacoltura.

Tale crescita continua porta con sé prodotti nuovi e sorprendenti, dalle cure antitumorali a base di alghe, ai nuovi biocarburanti che alimenteranno i trasporti del futuro. Gran parte dell'innovazione in questi settori proviene direttamente dai finanziamenti erogati dall'Unione europea e in seguito può essere pienamente sfruttata dal settore privato. 

/dgs/maritimeaffairs_fisheries/magazine/fr/file/wind-farmjpgwind farm.jpg

Innovation in the Blue Economy - © Marcel De Grijs | Dreamstime.com
Innovation in the Blue Economy - © Marcel De Grijs | Dreamstime.com

Esplorando nuove opportunità di ricerca e sviluppo con il sostegno europeo, ad esempio tramite il fondo Orizzonte 2020, queste industrie saranno in grado di trasferire le loro brillanti idee dai laboratori al mercato. Le biotecnologie, l'energia rinnovabile, l'acquacoltura e le risorse minerarie sono quattro dei nuovi settori con il maggiori potenziale in questo contesto.

Una ricerca, un'innovazione e una cooperazione migliori offriranno nuove potenzialità economiche: entro il 2020 l'occupazione nel settore dell'economia blu potrebbe aumentare di 1,6 milioni di posti di lavoro e avrà un valore aggiunto di circa 600 miliardi di euro. Lavorando insieme, l'Europa può sfruttare questo potenziale in modo economicamente e ambientalmente sostenibile nel lungo termine e creare un brillante avvenire blu per le generazioni future.

 

http://ec.europa.eu/maritimeaffairs/maritimeday/en

http://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/en/what-horizon-2020

http://www.ewea.org/

http://ec.europa.eu/education/policy/vocational-policy/sector-skills_en.htm

 

 

Edizioni passate
Giugno 2017  - edizione 75
Marzo 2017  - edizione 74
November 2016  - edizione 73
Agosto 2016  - edizione 72