Di cosa si tratta?

La distribuzione digitale consiste nella fornitura di prodotti audiovisivi mediante reti digitali, in genere via Internet, invece di ricorrere a supporti fisici, come carta, CD o DVD.

Perché serve?

Negli ultimi anni i progressi della tecnologia digitale hanno rivoluzionato il consumo dei media.

Il consumo digitale di musica (streaming, download, ecc.) si è consolidato e la domanda degli utenti sta determinando sviluppi analoghi nei settori cinematografico, televisivo e dei videogiochi.

Con l'evolversi dei formati e delle attrezzature, risulta sempre più facile creare e accedere ad un'ampia gamma di contenuti digitali. Ciò offre considerevoli vantaggi per le organizzazioni e i singoli individui, ma introduce anche nuovi rischi e sfide.

Qual è il ruolo della Commissione europea?

La Commissione:

  • sostiene e protegge gli utenti e i titolari dei contenuti dei media
  • garantisce che i diritti di proprietà intellettuale siano equi per tutti
  • promuove la crescita della distribuzione digitale.

A tal fine:

  • collabora con gli operatori del settore
  • elabora nuove politiche
  • incoraggia l'adozione di adeguate normative in tutta l'UE
  • offre corsi di formazione e un sostegno al settore creativo mediante il programma Europa creativa.

Quali sono i risultati finora ottenuti?

Prima dell'attuale programma Europa creativa, la Commissione ha gestito dal 2007 al 2013 il programma MEDIA , che ha erogato 755 milioni di euro a favore dell'industria audiovisiva, stanziando anche fondi per promuovere la distribuzione digitale di film.

La Commissione ha anche condotto una consultazione pubblica sulla distribuzione online di opere audiovisive nell'UE e costituito la banca dati film MEDIA, che raccoglie tutte le opere cinematografiche sostenute da MEDIA segnalando i premi che hanno vinto.

Prossime tappe

La Commissione continuerà a sostenere progetti audiovisivi e la distribuzione digitale mediante il programma Europa creativa.

Sosterrà la distribuzione digitale anche attraverso l'elaborazione di politiche fondate su elementi concreti , nonché mediante la riforma dell'attuale normativa .

Want to give your feedback about this page?