Policy areas

La strategia per il mercato unico digitale si compone di tre ambiti d’azione o "pilastri"

Background

I cittadini europei incontrano spesso difficoltà nell'utilizzo di strumenti e servizi online anche se negli ultimi decenni l'UE si è impegnata a ridurre questi ostacoli "offline".


L'UE è bloccata da una frammentazione e da barriere che nel mercato unico geografico non esistono. In un mercato unico digitale ci sono meno ostacoli e maggiori opportunità: è uno spazio senza barriere in cui i cittadini e le imprese possono operare, innovare e interagire in maniera legale, sicura, protetta e a costi accessibili, semplificandosi la vita.


Ma attualmente i mercati dei servizi online sono per lo più nazionali. Solo il 7% delle piccole e medie imprese dell'UE vende oltre frontiera. Questo deve cambiare: occorre trasferire online il mercato unico.


L’obiettivo della Commissione Juncker è creare un mercato unico digitale, in cui la libera circolazione di merci, persone, servizi e capitali sia garantita e in cui i cittadini e le imprese possano accedere agevolmente e in modo equo a beni e servizi online: a prescindere dalla loro nazionalità e ovunque essi vivano.


Il mercato unico digitale potrebbe apportare all'economia europea 415 miliardi di euro, rilanciando l'occupazione, la crescita, gli investimenti e l'innovazione. Può espandere i mercati, promuovere servizi migliori a prezzi migliori, offrire più scelta e creare nuove fonti di occupazione. Può creare opportunità per nuove start-up e permettere alle imprese esistenti di crescere e di trarre profitto da un mercato di oltre 500 milioni di persone.


Il completamento del mercato unico digitale consentirà inoltre di garantire che l'Europa conservi la sua posizione di leader mondiale dell'economia digitale, oltre a sostenere la crescita delle imprese europee su scala mondiale e trasformare i servizi pubblici.

Objectives

Gli obiettivi includono:


Maggiori informazioni sul sito web dedicato alla politica digitale

Documenti