Azione per il clima

Progressi compiuti nella riduzione delle emissioni

Politica

L’UE è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2020 e sta mettendo a punto la legislazione per raggiungere il suo obiettivo del 2030.

Nel 2015 l’Unione europea ha prodotto il 10% delle emissioni mondiali di gas a effetto serra. L’UE è una delle più importanti economie con le emissioni pro capite più basse.

Obiettivo 2020

L’UE è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo del 20% per il 2020.

Dati più recenti:

  • Le emissioni dell’UE sono ridotte del 23% tra il 1990 e il 2016, mentre l’economia è cresciuta del 53% nello stesso periodo.
  • Le emissioni dell’UE sono diminuite dello 0,7% nel 2016, mentre il PIL è aumentato dell'1,9%.
  • L’UE continua a partecipare attivamente alla politica internazionale in materia di clima e ha aumentato i propri contributi ai finanziamenti per il clima che hanno raggiunto i 20,2 miliardi di euro nel 2016.

L’obiettivo per il 2020 esclude le emissioni generate dal settore agricolo, ma tiene conto di quelle prodotte dal trasporto aereo internazionale.

Decise politiche adottate a livello dell’UE e a livello nazionale, e l’adozione di tecnologie a basse emissioni di carbonio, hanno contribuito al conseguimento delle riduzioni ottenute. Le analisi confermano che l’innovazione, compresi i progressi compiuti sul fronte delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica, è stata il fattore trainante della riduzione delle emissioni negli ultimi anni, mentre i trasferimenti tra settori economici hanno avuto solo un effetto marginale.

Per maggiori informazioni:

Obiettivo 2030

L’UE sta attuando la legislazione volta a ridurre le emissioni almeno del 40% entro il 2030, che fa parte del quadro 2030 per il clima e l’energia e dell’accordo di Parigi.

Ciò comprende:

Obiettivi di Kyoto

L’UE e i suoi Stati membri hanno rispettato i loro impegni previsti dal protocollo di Kyoto per il primo periodo di impegno. Inoltre, l’UE è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi nell’ambito del secondo periodo di impegno del protocollo di Kyoto.

Per maggiori informazioni:

Gli obiettivi di Kyoto sono diversi dagli obiettivi dell’UE per il 2020:

  • riguardano settori diversi, ad esempio l’uso e il cambiamento d’uso dei suoli e la silvicoltura (LULUCF), ma non il trasporto aereo internazionale
  • prendono a riferimento anni diversi (anni base), non sempre il 1990
  • prevedono che l’UE mantenga le sue emissioni in media del 20% al di sotto dei livelli dell’anno base per tutto il secondo periodo (2013-2020), non solo entro il 2020.

Comunicazione e monitoraggio

Ogni anno la Commissione pubblica la sua relazione sui progressi ottenuti rispetto all’azione per il clima. Inoltre, riferisce regolarmente anche alle Nazioni Unite.

Documentazione

 Relazioni annuali sui progressi compiuti verso il conseguimento degli obiettivi di Kyoto

Studi