Azione per il clima
The road to Paris

Verso Parigi

Politica

L'accordo di Parigi corona anni di sforzi della comunità internazionale per concludere un accordo universale multilaterale sui cambiamenti climatici.

Copenaghen – 2009

  • L’accordo di Copenaghen è un documento non vincolante negoziato dai leader di 30 paesi durante le ore conclusive della conferenza.
  • L’accordo non è stato adottato come decisione delle Nazioni Unite ma è stato approvato da oltre 140 parti dell’UNFCCC. Tutti i principali elementi sono stati successivamente formalizzati a Cancún.

Cancún – 2010

  • Per la prima volta una decisione dell'ONU ha riconosciuto formalmente che il riscaldamento globale deve essere contenuto al di sotto di 2°C rispetto alle temperature preindustriali.
  • Sono state concordate norme più severe per il monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni e dei finanziamenti per il clima.
  • L'accordo di Cancún ha formalizzato l'impegno dei paesi sviluppati a erogare ai paesi in via di sviluppo quasi 30 miliardi di dollari a titolo di "finanziamento rapido" nel periodo 2010-2012.
  • Ha inoltre istituito il Fondo verde per il clima e nuove strutture e istituzioni per rafforzare il sostegno ai paesi in via di sviluppo – ad es. per il trasferimento di tecnologia, l'adattamento e la deforestazione tropicale (REDD+).

Durban – 2011

  • Ha istituito la piattaforma di Durban per un'azione rafforzata con l'obiettivo di negoziare un nuovo quadro giuridico globale applicabile a tutti i paesi entro il 2015.
  • Ha reso operativi e sviluppato ulteriormente gli accordi di Cancún, ad es. con un nuovo meccanismo basato sul mercato per rafforzare tagli alle emissioni efficaci sotto il profilo dei costi e un processo di valutazione delle questioni climatiche legate all’agricoltura.

COP 17/CMP 7 (Durban)

Doha – 2012

  • Ha finalizzato i dettagli del secondo periodo del protocollo di Kyoto.
  • Ha concordato un piano di lavoro per i negoziati riguardanti un nuovo accordo globale.
  • Ha reso operativo il meccanismo tecnologico istituito a Cancún e ha avviato un programma di lavoro sul meccanismo di mercato istituito a Durban.

COP 18/CMP 8 (Doha)

Varsavia – 2013

  • Ha stabilito un calendario secondo cui i paesi dovranno presentare i contributi previsti per il nuovo accordo globale sul clima e ha definito le modalità con cui accelerare gli sforzi entro il 2020.
  • Ha istituito un meccanismo per trattare le perdite e i danni causati dai cambiamenti climatici nei paesi vulnerabili in via di sviluppo.
  • Ha rafforzato l’attuazione dei provvedimenti già adottati, ad es. su finanziamenti per il clima, REDD+ e trasparenza nelle relazioni sulle emissioni.

COP 19/CMP 9 (Varsavia), 2013

Lima – 2014

  • Ha imposto a tutti i paesi di descrivere in modo chiaro, trasparente e comprensibile i contributi previsti per l'accordo del 2015.
  • Ha concordato un progetto di testo per l'accordo e di accelerare l'azione pre-2020.

COP 20/CMP 10 (Lima), 2014

 

Documentazione
Le informazioni che cercate sono disponibili nelle lingue seguenti:English (en)