Azione per il clima

Garantire l’integrità del mercato europeo del carbonio

Politica

Il mercato europeo del carbonio ha conosciuto una notevole espansione da quando è stato creato nel 2005. Data la sua crescente complessità, è importante che le norme che disciplinano la vigilanza del mercato tengano il passo con il suo sviluppo e affrontino in modo adeguato i rischi che possono presentarsi.

Al fine di promuovere la fiducia e garantire un ambiente commerciale sicuro ed efficiente, il mercato europeo del carbonio è soggetto a un solido regime di sorveglianza concepito sulla falsariga del regime applicabile ai mercati finanziari europei.

I principali operatori del mercato europeo del carbonio sono le imprese energetiche e le imprese industriali che hanno obblighi nell'ambito del sistema di scambio delle quote di emissione dell'UE (ETS). Anche intermediari finanziari come le banche, effettuano operazioni in questo campo, solitamente per conto di imprese ed emettitori di piccole dimensioni.

Impedire gli abusi di mercato e altri comportamenti scorretti

A partire dal gennaio 2018, le quote di emissione sono classificate come strumenti finanziari dalla direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID2) riveduta. In precedenza, solo i contratti derivati di quote di emissione rientravano nell'ambito di applicazione delle regole del mercato finanziario.

Tale classificazione costituisce un elemento importante per la tutela del mercato del carbonio dagli abusi di mercato e ad altri tipi di comportamenti scorretti disciplinati dal regolamento sugli abusi di mercato (MAR).

L'applicazione delle norme del mercato finanziario al mercato del carbonio significa che:

  • elevati livelli di integrità si applicano a tutti gli operatori, cui è vietato effettuare manipolazioni attraverso pratiche quali la diffusione di notizie o voci false;
  • le imprese con grandi impianti regolamentati dal sistema ETS dell'UE sono soggette a norme più rigorose in materia di informazioni privilegiate al fine di evitare vantaggi sleali tra i partecipanti al mercato;
  • tutti gli operatori godono di una maggiore trasparenza e di un più facile accesso alle informazioni (ad esempio sulla quantità e i prezzi degli scambi di emissioni di CO2);
  • le norme antiriciclaggio (ad es. gli accertamenti sui clienti) sono estese a tutti i segmenti del mercato del carbonio.

Legislazione pertinente del mercato finanziario

La legislazione pertinente per la sorveglianza del mercato europeo del carbonio comprende in particolare i seguenti elementi:

Allo stesso tempo, il commercio di quote di emissione non rientra nell'ambito delle seguenti misure del mercato finanziario dell'UE:

Documentazione

Le informazioni ricercate sono disponibili nelle seguenti lingue: inglese (en)

Domande frequenti

Le informazioni ricercate sono disponibili nelle seguenti lingue: inglese (en)