Tabella di marcia verso uno spazio unico europeo dei trasporti

Tutti i dati e le cifre

  • I trasporti contano

    Sommità girevole con nave, treno, aereo e automobiliLa qualità e i costi dei servizi di trasporto hanno un impatto molto rilevante sulla capacità delle aziende di essere competitive, sulla crescita economica e sulla qualità della vita. I trasporti sono cruciali per una economia europea più efficiente.

    • Il settore dei trasporti impiega direttamente 10 milioni di persone, che costituiscono il 4,5% dell'occupazione totale; il settore genera il 4,6% del prodotto interno lordo (PIL). La produzione di attrezzature per i trasporti rappresenta un ulteriore 1,7% del PIL e pesa sull'occupazione per 1,5%.

      Fonte: Eurostat

    • Ciascuna famiglia spende, in media, il 13,2% del proprio bilancio per beni e servizi connessi ai trasporti.

      Fonte: Eurostat

    • Le attività logistiche, come i trasporti e lo stoccaggio, influiscono per il 10-15% sul costo del prodotto finito.

      Source: “La logistica delle merci in Europa - la chiave per una mobilità sostenibile” , COM(2006) 336

    • I costi derivanti dal traffico e dagli ingorghi pesano per circa l'1% sul prodotto interno lordo (PIL), ogni anno.

      Fonti: Modelli di simulazione del trasporto TREMOVE e PRIMES-TREMOVE. (Appendice 5 della valutazione di impatto allegata al white paper, SEC(2011) 358) pdf - 2 MB [2 MB] English (en)

    • A Londra, il 20% dei pendolari impiega oltre due ore al giorno per spostarsi tra la propria abitazione e il luogo di lavoro; le ore sommate, costituiscono un giorno lavorativo in più per ogni settimana. In Germania, il 37% dei lavoratori impiega un'ora al giorno per spostarsi da e verso il luogo di lavoro.

      Fonti: Transport for London, 2009 (Trasèporti per Londra) Travel in London ; (Viaggiare a Londra, Relazione 1, 2010); Mobilität in Deutschland 2008 (Mobilità in Germania, 2008)

    • L'Europa (UE/SEE) vanta la flotta di mezzi navali più estesa del mondo; impiega direttamente oltre 300.000 marinai imbarcati su navi mercantili e altri 3 milioni nell'indotto. Ogni anno, nei porti europei attraccano oltre 80.000 navi mercantili.

      Fonti: ECSA, Bimco/ISF, ITMMA

    • Gli aeroporti e le linee aeree dell'UE impiegano attualmente 670.000 lavoratori, mentre altri 3,2 milioni di persone dipendono in modo diretto o indiretto dal settore del trasporto aereo.

      Fonte: Documento di lavoro del personale della Commissione: Impact assessment of the Single Aviation Market on employment and working conditions for the period 1997-2007 (Valutazione di impatto del mercato unico dell'aviazione sull'occupazione e le condizioni di lavoro per il periodo 1997-2007). SEC(2010) 503 definitivo pdf - 181 KB [181 KB] English (en) français (fr)

    • Nel 2009, oltre 750 milioni di persone (un terzo del mercato mondiale) hanno utilizzato gli aeroporti dell'Unione europea.

      Fonte: Eurostat

    • Le soluzioni dell'UE per il trasporto sostenibile dovranno essere esportate in misura sempre maggiore in tutto il mondo: gli automobilisti dell'UE possiedono attualmente un terzo dei 750 milioni di veicoli presenti nel mondo. L'AIE stima che, entro il 2050, il numero delle auto aumenterà fino a oltre 2,2 miliardi a livello mondiale; la crescita più intensa avverrà nelle economie emergenti.

      Fonte: Agenzia internazionale dell'energia, 2010, Energy Technology Persepectives 2010 (Prospettive sulla tecnologia energetica, 2010).

  • La sostenibilità come fattore prioritario per i trasporti

    Uomo elegante in biciclettaI trasporti dipendono in larga misura dal petrolio importato. Mentre molti settori hanno fatto registrare una riduzione delle emissioni di CO2, per quanto riguarda i trasporti la percentuale è aumentata costantemente. Entro il 2050 dovremo aver ridotto notevolmente tali emissioni di CO2 iniziando inoltre a contrastare il traffico e l'inquinamento ambientale. Per raggiungere l'obiettivo europeo che prevede di ridurre le emissioni di CO2 dell'80% entro il 2050 rispetto al 1990, il consumo di petrolio nel settore dei trasporti dovrà ridursi di circa il 70% rispetto a quello attuale: ciò comporterà una vera rivoluzione per quanto riguarda i carburanti e il nostro modo di viaggiare.

    • Nell'UE i trasporti dipendono dal petrolio e dai prodotti derivati per oltre il 96% del fabbisogno energetico.

      Fonte: Energy and Transport in Europe – Statistical Pocketbook 2010. English (en) (Energia e trasporti in Europa - Taccuino statistico del 2010).

    • L'Europa importa dall'estero circa l'84% del greggio di cui ha bisogno. Nel 2010, l'UE ha importato petrolio per circa 210 miliardi di euro.

      Fonte: Eurostat; stime della CE

    • Le emissioni di gas serra provocate dai trasporti, compresi quelli aeronautici internazionali e quelli marittimi, sono aumentate di circa il 34% tra il 1990 e il 2008. Nel corso dello stesso periodo il settore energetico ha ridotto le emissioni di circa il 9%.

      Fonte: Agenzia ambientale europea

    • I trasporti generano circa un quarto delle emissioni di gas serra prodotti nell'Unione europea. Il 12,8% delle emissioni complessive è generato dal traffico aereo, il 13,5% dai trasporti marittimi, lo 0,7% dai trasporti ferroviari, l'1,8% dalla navigazione interna e il 71,3% dal trasporto stradale (2008).

      Fonte: Agenzia ambientale europea

    • A Londra, Colonia, Amsterdam e Bruxelles gli automobilisti trascorrono oltre 50 ore ogni anno negli ingorghi stradali. A Utrecht, Manchester e Parigi, trascorrono più di 70 ore bloccati sulla strada.

      FonteINRIX (Scheda di valutazione del traffico nazionale europeo NRIX, 2010)

    • La proporzione di trasporti stradali sulle lunghe distanze all'interno dell'UE per quanto riguarda le merci è di circa il 33%, mentre il traffico ferroviario e la navigazione interna, insieme, rappresentano meno del 20%. Gli scarsi risultati ottenuti a livello ambientale dal sistema dei trasporti sono dovuti al fatto che, in generale, le varianti più ecologiche del trasporto ferroviario e della navigazione interna non sono riuscite a sfruttare il proprio potenziale sulle medie e sulle lunghe distanze.

      Fonte: Modello di simulazione del trasporto TRANSTOOLS. (Appendice 5 della valutazione di impatto allegata al white paper, SEC(2011) 358) pdf - 2 MB [2 MB] English (en)

    • L'automobile è il mezzo per il trasporto di passeggeri più diffuso in tutta l'UE: circa il 72% della distanza complessiva percorsa dai passeggeri viene affrontata in auto. Le auto private, tuttavia, non sono rappresentano quasi mai la modalità di trasporto più efficiente dal punto di vista energetico. Secondo dati forniti del Regno Unito, il 60% delle automobili viaggia con una sola persona a bordo. La percentuale raggiunge circa l'85% per quanto riguarda gli spostamenti dei pendolari e i viaggi di lavoro.

      Fonte: Energy and Transport in Europe – Statistical Pocketbook 2010 English (en) ;(Energia e trasporti in Europa - Taccuino statistico del 2010).

      Dipartimento dei trasporti del Regno Unito, 2008, Transport Trends: 2008 edition.(Tendenze dei trasporti: edizione 2008).

    • Un autobus è in grado di trasportare tante persone quante ne potrebbero trasportare 30 automobili, occupando sulla strada soltanto lo spazio di tre auto.

      Fonte: International Road Transport Union (Unione internazionale dei trasporti su strada).

    • Viaggiando in treno da Londra a Bruxelles si produce una quantità di emissioni per passeggero, per ogni chilometro percorso, di circa nove volte inferiore rispetto alla quantità emessa affrontando lo stesso viaggio in aereo.

      Fonte: Dati Eurostar citati in EEA, TERM 2007, Climate for a transport change(Clima per il cambiamento nei trasporti).

    • Le tecnologie ecologiche offrono enormi opportunità commerciali alle aziende europee. Ridurre le emissioni significa investire in tecnologia, ma l'Europa sta perdendo terreno rispetto alla concorrenza. I produttori giapponesi, ad esempio, sono leader nel campo delle automobili ibride. Il mercato delle tecnologie orientate all'ambiente è in crescita. Valutato in 1.200 miliardi di euro nel 2007, si stima che raggiunga il valore di 3.100 miliardi di euro entro il 2020. I prodotti e i servizi correlati alla mobilità sostenibile rappresenteranno nel 2010 un mercato globale del valore di 300 miliardi di euro (contro i 200 miliardi attuali).

      Fonti: Tecnologia verde "made in Germany") 2.0

      JRC, 2009, 2009 Technology Map of the European Strategic Energy Technology Plan (Mappa tecnologica del Piano strategico per le tecnologie energetiche europeo)

    • I consumatori affermano di voler modificare le loro abitudini per ridurre le emissioni. Nella maggior parte dei casi (66%) gli automobilisti dicono di essere disposti ad accettare un compromesso per quanto riguarda le dimensioni dell'auto, pur di ridurre le emissioni, mentre il 62% dichiara la stessa cosa per quanto riguarda l'autonomia, ovvero la distanza percorribile prima di dover fare rifornimento di carburante o ricaricare il veicolo. In oltre la metà dei casi (il 60%) dichiarano inoltre di essere disposti a pagare un prezzo superiore per la loro vettura se questo contribuisse a ridurre le emissioni.

      Fonte: Indagine Eurobarometro sui trasporti pdf - 2 MB [2 MB] English (en) .

    • La qualità e i collegamenti garantiti dal trasporto pubblico dovranno essere notevolmente migliorati per modificare il comportamento dei consumatori. Una vasta maggioranza (71%) di automobilisti ritiene che i mezzi pubblici siano meno comodi dell'auto. Una percentuale analoga (72%) afferma di non utilizzare i mezzi pubblici a causa della mancanza di collegamenti (molto importante per il 49% degli automobilisti) Il 64% si lamenta inoltre della scarsità di servizi, mentre il 54% cita la scarsa affidabilità.

      Fonte: Indagine Eurobarometro sui trasporti pdf - 2 MB [2 MB] English (en) .

  • Adozione di soluzioni intelligenti

    Due auto che ricevono segnaliI treni ad alta velocità hanno rivoluzionato il modo di viaggiare, mentre i nuovi motori aeronautici presto ridurranno significativamente le emissioni degli aerei. La ricerca e la tecnologia possono fornirci delle soluzioni più efficienti e più sostenibili per trasporti. I sistemi di trasporto intelligenti, i veicoli di nuova generazione, le energie alternative e i nuovi sistemi di propulsione sono solo alcune delle soluzioni disponibili per rendere i trasporti più ecologici e più efficienti.

    • I motori per jet di nuova generazione, disponibili sul mercato a partire dal 2020, consentiranno di ridurre del 10-15% le emissioni degli aerei. Per il 2025-2030 si prevede che la riduzione delle emissioni raggiungerà il 40%.

      Fonte: Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile, 2010, Relazione sull'ambiente 2010

    • Se si raggiungerà l'obiettivo di immettere sul mercato 5 milioni di veicoli elettrici entro il 2020, le automobili elettriche contribuiranno a risparmiare 5 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno.

      Fonte: Report of the European Expert Group on Future Transport Fuels(Relazione del Gruppo europeo di esperti sui carburanti futuri per i trasporti), 2011.

    • Un motore per automobile medio emette una quantità di monossido di carbonio 28 volte inferiore rispetto a quanto avveniva vent'anni fa. Al giorno d'oggi, un'automobile media consuma il 15% di carburante in meno ogni 100 km, rispetto alle auto di 10 anni fa.

      Fonti: Stime CE basate sulla differenza tra gli standard Euro 1 ed Euro 5 per le auto e i veicoli leggeri; Monitoraggio delle emissioni di CO2 prodotte dalle autovetture nuove nell’UE  COM(2010) 655 definitiva

    • Il progetto della Commissione europea per gli autobus a idrogeno, avviato in nove città dell'UE nell'arco di tre anni, ha dimostrato che l'idrogeno è una valida alternativa a emissioni-zero rispetto al gasolio e alla benzina, purché l'energia utilizzata per produrre l'idrogeno non provenga da combustibili fossili. Gli autobus hanno trasportato 8,5 milioni di passeggeri per oltre 2,6 milioni di chilometri, utilizzando 555 tonnellate di idrogeno anziché 1 milione di litri di gasolio. Il 68% delle persone intervistate ha dichiarato di volere più autobus di questo tipo in circolazione e il 44% di loro è disposto a pagare di più per averli.

      Fonte: Progetto HyFLEET:CUTE 2006-09 

    • I dispositivi per la navigazione possono accorciare i viaggi in auto. In uno studio condotto da TomTom, i ricercatori hanno riscontrato una riduzione dei chilometri percorsi in ciascun viaggio pari al 6-16%, per un corrispondente risparmio di tempo dell'11-18%. Con quasi 40 milioni di utenti di navigatori satellitari in tutta l'Europa, significa risparmiare 10 milioni di ore trascorse nel traffico e oltre 100 milioni di chilometri percorsi.

      Fonte: TNO, 2007, Do navigation systems improve traffic safety?, Berg Insight (2009), stime proprie

    • I treni ad alta velocità hanno consentito di ridurre i tempi di viaggio del 43% tra Bruxelles e Francoforte e di oltre il 60% (da 4 ore e 52 minuti a 1 ora e 51 minuti) tra Bruxelles e Londra. Il record attuale di velocità è di 574,8 km/h, raggiunti da un TGV nel mese di aprile del 2007.

      Fonte: High-speed Europe - a sustainable link between citizens, 2010 pdf - 8 MB [8 MB] Deutsch (de) English (en) français (fr)  (Europa ad alta velocità: collegamento sostenibile tra i cittadini, 2010)

    • I viaggi in treno possono durare meno dei voli sulle brevi e medie distanze. Questo vale soprattutto per le linee ad alta velocità, su distanze fino a 800 km. Un viaggio di 400 km su un treno ad alta velocità può richiedere fino a un'ora in meno rispetto al tempo necessario per percorrere la stessa distanza in aereo.

      Fonte: European High Speed Rail - An Easy Way to Connect pdf - 5 MB [5 MB] (Ferrovie ad alta velocità europee: un modo semplice per realizzare collegamenti)

    • I treni ad alta velocità rappresentano la scelta preferita dai passeggeri. Quando nel 1992 è stata inaugurata la linea ad alta velocità tra Madrid e Siviglia, in Spagna, la quota di mercato del trasporto ferroviario è aumentata dal 19% al 53%. Il collegamento tra Barcellona e Madrid ha visto crescere questa quota dal 13,7% registrato prima dell'inaugurazione della linea, al 45,6% del 2010.

      Fonti: European High Speed Rail - An Easy Way to Connect pdf - 5 MB [5 MB] ,(Ferrovie ad alta velocità europee: un modo semplice per realizzare collegamenti) Ferropedia 

    • Venticinque autocarri moderni possono emettere meno rumore rispetto a un solo veicolo costruito nel 1980. Nel corso degli ultimi trent'anni gli autocarri sono diventati molto più silenziosi, grazie a importanti innovazioni tecnologiche: isolamento speciale, pneumatici con bassa resistenza al rotolamento e altre tecniche per la riduzione del rumore. È possibile ottenere ulteriori riduzioni utilizzando superfici con bassa resistenza al rotolamento nella costruzione delle nuove strade.

      Fonte: International Road Transport Union (Unione internazionale dei trasporti su strada).

    • Dobbiamo compiere sforzi maggiori per incrementare la mobilità elettrica: le auto elettriche attuali richiedono un pacco-batteria del peso di 2.500 kg per fornire la stessa energia di un'automobile a gasolio con un serbatoio da 50 litri.

      Fonte: Report of European Expert Group on Future Transport Fuels pdf - 4 MB [4 MB] (Relazione del Gruppo europeo di esperti sui carburanti futuri per i trasporti)

    • I trasporti sono diventati molto più sicuri: il numero di vittime degli incidenti stradali stimato per il 2010 è del 40% inferiore a quello del 2000. Il trasporto su strada rimane notevolmente più pericoloso rispetto a quello che sfrutta altri mezzi, ma le tecnologie per la sicurezza stradale, come i sistemi di frenata evoluti, i dispositivi di controllo elettronico della stabilità e gli assistenti alla tenuta di strada stanno aiutando a ridurre queste cifre.

      Fonte: Impact Assessment on the type-approval requirements for the general safety of motor vehicles ; (Valutazione di impatto dei requisiti di approvazione per la sicurezza generale dei veicoli a motore) (SEC (2008) 1908); Trends on road safety English (en) (Tendenze della sicurezza stradale)

  • Riduzione delle barriere alla libera circolazione

    Treno nave sul tappeto rossoC'è ancora molto lavoro da fare per rimuovere le numerose barriere tecniche e amministrative che si frappongono agli utenti dei mezzi di trasporto, sia imprese, sia cittadini. La circolazione attraverso l'UE è diventata più semplice, in parte grazie al mercato unico, ma ciò non è ancora sufficiente. Queste barriere rappresentano un costo in termini di tempo, denaro ed energia; è necessario fare di più affinché viaggiare diventi più semplice, sia per le merci, sia per le persone.

    • Ciascun Paese dell'UE ha le proprie certificazioni di sicurezza per quanto riguarda il materiale rotabile ferroviario e questo rappresenta una barriera rilevante per l'espansione dei servizi internazionali per il trasporto di passeggeri e di merci. Il costo stimato di ciascuna nuova certificazione nazionale è compreso tra 1 e 4 milioni di euro e la procedura può richiedere fino a due anni.

      Fonte: Agenzia ferroviaria europea

    • Il treno ad alta velocità Thalys che attraversa la Francia, il Belgio, la Germania e i Paesi Bassi, deve adattarsi a sette sistemi di segnalazione diversi. Attualmente nell'UE si utilizzano sette misure diverse di scartamento e sette tipi diversi di alimentazione elettrica (con tensioni e frequenze differenti, corrente alternata o continua e così via).

      Fonte: ERTMS

      Gauges and currents: Energy and Transport in Europe - Statistical Pocketbook 2010 (Scartamenti e correnti: energia e trasporti in Europa - Taccuino statistico del 2010 English (en)

    • Attualmente gli autotrasportatori devono esporre sui propri veicoli la cosiddetta Eurovignetta, disporre di cinque tagliandi nazionali diversi e 8 tag e contratti di pedaggio per poter viaggiare su tutte le strade a pedaggio europee senza doversi fermare ai caselli.

      Fonte: Commissione europea English (en)

    • Nel 2008, quasi 9 milioni di voli hanno attraversato lo spazio aereo dell'UE, con una media di 25.000 voli al giorno. Nell'Unione europea si contano 27 sistemi di gestione del traffico aereo, che prolungano ciascun viaggio di 49 km, in media.

      Fonte: Comunicazione della Commissione su SES II , COM (2008) 389 definitiva.

    • La rimozione delle barriere interne nell'Unione europea e l'apertura dei mercati alla concorrenza hanno avuto un impatto profondo. La liberalizzazione del trasporto aereo ha determinato un notevole incremento del numero di passeggeri e delle rotte servite dalle linee aeree. Attualmente l'UE conta 20 compagnie low-cost (a basso costo) che rappresentano il 40,2% del mercato interno dell'Unione. Nel 1990 le compagnie di questo tipo erano nove. Le linee per il trasporto di passeggeri registrate sono passate da 135 a 152 e il numero medio di rotte interne all'Unione è cresciuto del 140%, da 1.680 a 4.000.

      Fonte: Base dati Guida ufficiale delle linee aeree

    • Una nave registrata nell'UE che viaggia da Anversa a Rotterdam può dover svolgere la stessa quantità di pratiche burocratiche necessarie a una nave che si sposta da Rotterdam a Panama.

      Fonte: Spazio europeo per il trasporto marittimo senza barriere pdf - 454 KB [454 KB] Deutsch (de) English (en) français (fr)

    • Le leggi dell'UE hanno consentiranno di ridurre da 18 a 2 il numero di fanali di coda e di targhe per i treni merci, semplificando l'attraversamento dei confini nazionali da parte dei treni.

      Fonte: Bozza di decisione della Commissione sulle caratteristiche tecniche per l'interoperabilità in merito al sottosistema di "gestione delle operazioni e del traffico" del sistema ferroviario convenzionale transeuropeo

    • La rete transeuropea di trasporto English (en) (TEN-T), costituita da 25.800 km di corridoi europei strategici, conta nove collegamenti che uniscono il continente lungo l'asse nord-sud, ma solo quattro in direzione est-ovest.

      Fonte: TENtec Information System English (en)

    • In molte città dell'UE sono state introdotte delle politiche di accesso ai centri urbani. Le singole autorità, tuttavia, utilizzano propri criteri e proprie modalità per l'attuazione di tali politiche: su 58 piani di accesso ai centri urbani, il 42,6% applica una tariffa giornaliera, il 25,9% prevede una tariffa per singolo tragitto, mentre gli altri non applicano alcuna tariffa.

      Fonte: ISIS, 2011, Study on Urban Access Restrictions (Studio sulle limitazioni dell'accesso ai centri urbani) English  

  • Investire nella rete

    Treno su binari a forma di euroLa pianificazione del trasporto deve avere un'ottica di lungo periodo. Le decisioni adottate nei prossimi anni definiranno le prospettive per i prossimi decenni. Per migliorare le infrastrutture di trasporto di tutta l'Unione europea sono però necessari investimenti considerevoli. L'Europa sta perdendo terreno rispetto ad altri leader mondiali e le risorse pubbliche non saranno sufficienti. Per garantire un servizio di alta qualità si dovrà ricorrere maggiormente a risorse private e a nuove forme di investimento.

    Perché è necessario investire ...

    • L'UE ha 4,5 milioni di chilometri di strade asfaltate, 212.500 km di linee ferroviarie e 41.000 km di corsi d'acqua interni navigabili.

      Fonte: stime CE basate su dati di Eurostat, UIC e fonti nazionali

    • A partire dall'ultimo allargamento, avvenuto nel 2007, le politiche dell'UE per i trasporti interessano la maggior parte del continente e 500 milioni di cittadini. I nuovi Stati membri contano solo 4.800 km di autostrade e non dispongono di linee ferroviarie specificamente costruite per l'alta velocità; le linee ferroviarie convenzionali spesso sono in condizioni scadenti.

      Fonte: Energy and Transport in Europe – Statistical Pocketbook 2010 English (en) (Energia e trasporti in Europa - Taccuino statistico del 2010).

    • Una rete di trasporto efficiente richiede notevoli risorse. I costi connessi allo sviluppo dell'infrastruttura dell'UE per soddisfare le esigenze di trasporto sono stati stimati in oltre 1.500 miliardi di euro per il periodo 2010-2030. Sarà poi necessario un ulteriore investimento di 1.000 miliardi di euro in veicoli, attrezzature e infrastrutture di carico per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni. Il completamento della rete TEN-T richiede circa 550 miliardi di euro entro il 2020, di cui circa 215 miliardi serviranno a rimuovere i principali "colli di bottiglia".

      Fontestime CE basate basati sul Sistema informativo TENtec pdf - 2 MB [2 MB] English (en) e sulla valutazione di impatto allegati al white paper, , SEC(2011) 358.

    • Si prevede che l'attività di trasporto merci aumenterà dell'80% entro il 2050, rispetto al 2005, mentre si stima che il traffico passeggeri crescerà del 51%.

      Fonte: Modelli di simulazione del trasporto PRIMES-TREMOVE e TRANSTOOLS. (Appendice 5 della valutazione di impatto allegata al white paper, SEC(2011) 358) pdf - 2 MB [2 MB] English (en)

    • I cieli e gli aeroporti europei rischiano la saturazione se non si procederà a degli investimenti sostanziali per sostenere lo sviluppo del sistema di gestione del traffico aereo europeo (Cielo Unico). Si stima che il traffico aereo per il trasporto dei passeggeri aumenterà di oltre il 50% entro il 2020, mentre per il traffico merci si prevede un aumento del 125%.

      Fonte: Modello di simulazione del trasporto TRANSTOOLS. (Appendice 5 della valutazione di impatto allegata al white paper, SEC(2011) 358). pdf - 2 MB [2 MB] English (en)

    Le decisioni di investimento riguardano il lungo periodo ...

    • La vita utile di un aeroplano è in media di circa 30 anni, quella di una nave è di circa 28 mentre il materiale rotabile ferroviario viene sostituito all'incirca ogni 35 anni.

      Fonte: Pridmore et al 2009, An overview of the factors that limit new technology and concepts in the transport sector (Una panoramica dei fattori che limitano le nuove tecnologie e le nuove concezioni nel settore dei trasporti)

    • La costruzione di un'autostrada, dalla progettazione fino alla realizzazione pratica, può richiedere fino a 20 anni. Il costo medio per chilometro dipende dall'ubicazione e dalla complessità del percorso. Può variare da un minimo di 7,1 milioni fino a 26,8 milioni di euro.

      Fonti: Geldidee magazine, 3/2007; PressRelations 

    • Si stima che il valore attuale degli investimenti necessari per lo sviluppo dell'infrastruttura di trasporto elettrico su strada nell'UE sia compreso tra 80 e 140 miliardi.

      Fonte: Modelli di simulazione del trasporto PRIMES-TREMOVE. pdf - 2 MB [2 MB] English (en)  (Appendice 5 della valutazione di impatto allegata al white paper, SEC(2011) 358)

Pagina iniziale
Ultimo aggiornamento: 13/04/2011 | Inizio pagina