Percorso di navigazione

Altri strumenti

  • Versione stampabile 
  • Riduci carattere 
  • Ingrandisci carattere 

Lesioni gravi

Gli incidenti stradali provocano molte lesioni gravi, con sofferenze enormi per le vittime e le loro famiglie, e hanno anche un impatto notevole sulla società nel suo insieme.

Molte di queste lesioni, che spesso sono ferite alla testa e traumi cerebrali, causano disabilità permanenti o incidono profondamente sulla vita delle vittime. Anche i costi economici sono elevati: ogni anno ammonterebbero al 2% del PIL dell'UE.

Obiettivo dell’UE per ridurre le lesioni

Nel Libro bianco sui trasporti del 2011 l'UE ha proposto di fissare un obiettivo per ridurre il numero di lesioni gravi dovute a incidenti stradali, che si accompagna a quello di dimezzare le morti sulle strade entro il 2020. Tuttavia, per fissare un obiettivo realistico, occorre conoscere il numero totale di lesioni gravi. Prima del 2013 nell'UE non esisteva una definizione standard di lesione grave causata da un incidente stradale, quindi mancavano dati affidabili e comparabili a livello europeo.

Il primo passo verso la definizione di un obiettivo è stato compiuto nel 2013, quando i paesi dell’UE hanno concordato una definizione uniforme di "lesioni gravi", da usare a fini statistici. La definizione si basa su una scala di riferimento comunemente utilizzata dagli operatori sanitari.

Raccolta dei dati

Per elaborare statistiche comparabili, i governi dell’UE sono stati invitati ad applicare uno dei metodi seguenti:

  • raccogliere le informazioni pertinenti dai registri della polizia e degli ospedali
  • usare solo i registri degli ospedali
  • usare i registri della polizia, con le dovute correzioni per tenere conto delle eventuali mancate segnalazioni.

Nel 2014 i paesi dell’UE hanno iniziato a raccogliere dati applicando la definizione standard. Le prime serie di dati saranno disponibili nel 2015.