COMMISSIONE EUROPEA

Homepage

Diritti dei passeggeri che viaggiano per vie navigabili

Il regolamento sui diritti dei passeggeri che viaggiano via mare e per vie navigabili interne è stato pubblicato il 17 dicembre 2010 come regolamento (UE) n. 1177/2010. Esso entrerà in vigore il 18 dicembre 2012. Tali diritti non si applicano prima di tale data.

Il suddetto regolamento si applica ai passeggeri che viaggiano:

  • con servizi passeggeri il cui porto d’imbarco è situato nel territorio di uno Stato membro;
  • con servizi passeggeri il cui porto d’imbarco è situato fuori dal territorio di uno Stato membro e il porto di sbarco è situato nel territorio di uno Stato membro, a condizione che il servizio sia effettuato da un vettore dell’Unione;
  • in una crociera il cui porto d’imbarco è situato nel territorio di uno Stato membro.

Tuttavia, il regolamento non si applica ai passeggeri che viaggiano su navi autorizzate a trasportare fino a dodici passeggeri, su navi del cui funzionamento è responsabile un equipaggio composto da non più di tre persone, se la distanza complessiva del servizio è inferiore a 500 metri, solo andata, per escursioni e visite turistiche o su navi prive di propulsione meccanica.

I nuovi diritti comprendono in particolare:

In caso di cancellazione o ritardo alla partenza superiore a 90 minuti:

  • garanzia di rimborso o riprotezione;
  • adeguata assistenza (che prevede spuntini, pasti, bevande, o laddove necessario, sistemazione fino a tre pernottamenti, con copertura finanziaria fino a 80 EUR a notte).

In situazioni di ritardo all’arrivo o cancellazione del viaggio:

  • risarcimento, tra il 25% e il 50% del prezzo del biglietto.

Tutela di persone con disabilità o a mobilità ridotta:

  • trattamento non discriminatorio e assistenza specifica gratuita per le persone disabili o a mobilità ridotta sia ai terminal portuali che a bordo delle navi, nonché risarcimento in caso di perdita o danneggiamento dei dispositivi che ne agevolano la mobilità.

Diritto di informazione:

  • norme minime in materia di informazione ai passeggeri prima e durante il viaggio, nonché informazioni a carattere generale sui loro diritti nei terminal e a bordo delle navi.

Gestione dei reclami:

  • l’istituzione, da parte dei vettori e degli operatori dei terminal, di un sistema per la gestione dei reclami accessibile ai passeggeri;
  • l’istituzione di organismi nazionali indipendenti responsabili dell’applicazione del regolamento, laddove opportuno, anche mediante l’imposizione di sanzioni.

Per maggiori informazioni