Navigation path

Additional tools



    Profile of registrant

GENITORI SEPARATI E FIGLI onlus

Identification number in the register: 93326299329-13
Registration date: 14/08/2012 12:22:15

The information on this entity was last modified on: 12/04/2015 13:39:45
The date of the last annual update was: 12/04/2015 13:39:45
Next update due latest on: 12/04/2016

    Registrant : Organisation or self-employed individual

GENITORI SEPARATI E FIGLI onlus

GE.SE.FI

onlus

    Section of registration

III - Non-governmental organisations

Non-governmental organisations, platforms and networks and similar

    Contact details

sede legale : Via San Domenico, 5/e
attività recapito posta: Via Giolitti 21
TORINO 10122
ITALY

(+393) 9604785

    Person with legal responsibility

Mr  DANIELE LOMBARDO

presidente

    Person in charge of EU relations

Mr  gian carlo  LAFACE

segretario

    Goals / remit

L’ Associazione GE.SE.FI. s'impegna:
Come "portatore sociale" d'interesse specifico a concentrare ogni attenzione/riferimento sul valore della persona nel suo sistema famigliare, per far emergere tutte le potenzialità di crescita-rafforzamento, per impedire che si frappongano elementi oppositivi e per individuare, nei casi estremi, soluzioni che inducano alla mediazione pacifica.

GE.SE.FI. onlus offre :
Sostegno ed ascolto a madri e padri separati, o in fase di separazione, che spesso si trovano in una condizione psicologica segnata dal dolore, dallo sconcerto, dall' incapacità a reagire, ma offre ascolto anche a nonni o parenti, amici, a tutti coloro che si sentono emotivamente coinvolti sul caso.
Nei casi più articolati mette a disposizione consulenze di esperti per i servizi di consulenza mediativa, psicologica, legale e di gruppo (ascolto, solidarietà, auto-mutuo-aiuto).
Le iniziative promosse dall’associazione secondo gli scopi sociali si possono così riassumere:
- Promuovere il benessere individuale e sociale facendo leva su meccanismi comunicativi-informativi.
- Attivare campagne di sensibilizzazione e prevenzione del disagio minorile in ogni contesto, compreso quello istituzionale scolastico.
- Diffondere attraverso convegni, conferenze e contatti tra gli associati ed il pubblico una cultura sociale che valorizzi le diversità per spegnere i motivi di conflittualità che tormentano sempre più la famiglia ponendo orientamenti educativi rivolti alla solidarietà, all’accoglienza ed al dialogo.
- Promuovere, orientare, realizzare interventi in materia di parità tra i diversi sistemi sociali a livello educativo-formativo ed attraverso forme di lotta alle discriminazioni di genere oltre gli stereotipi famigliari che interagiscono soprattutto nelle fasi difficili della separazione coniugale.
- Creare contesti favorevoli alla conciliazione ed alla mediazione famigliare in cui vengono individuate e rafforzate buone prassi per la definizione di sperimentazioni replicabili.
- Organizzare momenti di confronto interattivo tra le diverse figure professionali, in particolare Assistenti Sociali, Educatori, Psicologi, figure forensi.
- Adottare nella fase di accoglienza un sistema informatizzato di raccolta dati statistici per monitorare i fenomeni di crisi famigliare tale da assumere funzioni di osservatorio ed interfaccia comunicativa con le istituzioni e gli stakeholder.
- Valutare ed evidenziare ogni difformità locale in rapporto al territorio nazionale.
- Accordi territoriali per le politiche di sviluppo delle agevolazioni casa per i più disagiati: housing ed assegnazioni temporanee di aree accoglienza attrezzate per le nuove povertà post-separative.
- Coinvolgimento di partners come sostenitori nazionali di azioni condivisibili e replicabili ovunque.

Criteri fondamentali di GE.SE.FI. :
- Informazione e formazione offrono soluzioni di scelta ma soprattutto prospettive utili al miglioramento della propria condizione, nell’ottica di una naturale autonomizzazione esente da meccanismi simbiotici o atteggiamenti patologici.
- La prevenzione del disagio incentrata sui minori e sulla famiglia risulta il cardine essenziale per la valorizzazione umana nel contesto di base.
- Lotta alle difformità e disuguaglianze in ambito famigliare per rafforzare i valori di giustizia.
- Sostegno della bigenitorialità: ogni figlio ha il diritto ad avere entrambi i genitori, ugualmente presenti sia sul piano pratico (accudimento, cura, tempo condiviso), sia sul piano affettivo, relazionale ed educativo.
- Impegno nella conciliazione e mediazione familiare fornita come sostegno disponibile a tutte le coppie in fase separativa per la tutela dei figli ma anche per assetto orientativo corretto nell' applicazione della legge 54/2006 sull'affido condiviso.
- Partecipazione alla formulazione di proposte necessarie all'aggiornamento/approvazione di nuovi disegni di legge .

  • European
  • regional/local

    Specific activities covered by the Register

Corte Europea

EUROPEAN CHILDREN AND THE DIVORCE OF THEIR PARENT con FIGLIPERSEMPRE COLIBRI' - Strasburgo 2013


 

No

No

No

No

No

Lavoro di rete sociale internazionale per la lotta alla denigrazione - alienazione parentale e l'affermazione del valore di bigenitorialità ( all'interno delle famiglie effettive ed in quelle colpite dalla crisi separativa ): -partners europei interessati- Bulgaria, Francia, Germania, Belgio, Spagna, Portogallo, Grecia, Slovacchia, Romania, Polonia, Turchia, Croazia, Lussemburgo.
-partners internazionali- Svizzera,Brasile,Argentina,Perù,Uruguay,
Indagine sulla mancata applicazione della attuale Legge italiana 54/2006 in merito all'affidamento dei minori, ricadute sui soggetti coinvolti e studio per la richiesta di revisione della Legge attualmente in vigore.
- Ricerca scientifica sullo stato di salute dei fanciulli in EU a seguito eterogeneità d'applicazione affidamento post-separativo

    Number of persons involved in the activities described in the box above

25%: 3

3

0.8

Un' Associazione perchè:
E' essenziale unire le forze per mettere al centro il ruolo della persona nel suo contesto naturale, ossia rendere prioritario lo sviluppo umano in relazione ai sistemi in cui vive, primo fra tutti il sistema famiglia, da difendere, valorizzare e sostenere soprattutto nei periodi di crisi culturale e/o congiunturale. Soltanto uno spirito di solidarietà aperta ad ampio raggio può accomunare e condividere al meglio i singoli progetti di vita.

    Persons accredited for access to European Parliament premises

No accredited persons

    Fields of interest

  • Audiovisual and Media
  • Communication
  • Culture
  • Employment and Social Affairs
  • External Relations
  • General and Institutional Affairs
  • Humanitarian Aid
  • Information Society
  • Justice and Fundamental Rights
  • Public Health
  • Trans-European Networks
  • Youth

    Membership and affiliation

200

Sportello del Malato - Torino,
Asociación Tradiciones Peruanas ,
Protectionformen - Oregon,
ONG FEF-LIVIG - Costa d'Avorio
COLIBRI' - Roma
P.E.F. EUROPE.

  • BELGIUM
  • CROATIA
  • FRANCE
  • GERMANY
  • GREECE
  • ITALY
  • LUXEMBOURG
  • NETHERLANDS
  • PORTUGAL
  • ROMANIA
  • SLOVAKIA
  • SLOVENIA
  • SPAIN
  • BRAZIL
  • PERU
  • SWITZERLAND
  • UNITED STATES

reti interassociative su piattaforma base telematica ( socialnetwork - comunication ):
- PEF Platform European Fathers: http://www.europeanfathers.eu/

- FKCE Fathers Knowledge Center Europe:
http://www.fkce.eu/

- Conseil International de la Résidence Alternée (CIRA)- Twohomes:
http://www.twohomes.org
Bonn, Allemagne Tél. : +49-170-800 46 15
mail: angela.hoffmeyer@twohomes.org

    Financial data

01/2014  -  01/2015

< 9,999  

1,740 €

 €

No funding received from the EU institutions during the last closed financial year.

1,740 €

1,500 €

240 €

A causa del tipo d' attività sociale rivolta a persone in stato di particolare fragilità sociale, non tutti i tesserati possono versare la quota sociale prestabilita.

    Code of conduct

By its registration the organisation has signed the Transparency Register Code of Conduct.

The organisation has also declared to be bound to the following other Code:
STATUTO SOCIALE : promuovere attività per il contenimento del disagio famigliare, la mediazione dei conflitti sociali e lo sviluppo della bigenitorialità.