Percorso di navigazione

Prestazioni familiari

Disoccupata ungherese ottiene le prestazioni familiari in Belgio

Dopo aver dato alla luce due figli in Belgio nel periodo in cui percepiva il sussidio di disoccupazione (che le spettava per avervi lavorato), una donna ungherese aveva scoperto di non avere più diritto alle prestazioni familiari.

Il suo permesso di lavoro era scaduto (prima del 1° maggio 2011 i cittadini ungheresi avevano bisogno di un permesso per lavorare in Belgio). Non poteva quindi dimostrare di essere attivamente alla ricerca di un impiego, condizione per aver diritto alle prestazioni.

SOLVIT ha contattato le autorità belghe e alla donna è stato riconosciuto lo status di disoccupata alla ricerca attiva di un lavoro.

Caso risolto in 9 settimane.

Per saperne di più: normativa UE sulle prestazioni familiari


Famiglia slovacca ottiene gli assegni familiari in Islanda

Un cittadino slovacco che viveva e lavorava in Islanda aveva chiesto alle autorità locali le prestazioni familiari, ma non aveva ricevuto risposta. Nel frattempo, aveva lasciato l'Islanda ed era tornato in Slovacchia, dove aveva ripresentato la domanda.

Le autorità slovacche si sono tuttavia rifiutate di pagargli gli assegni per il periodo in cui aveva lavorato in Islanda.

SOLVIT ha scoperto che le autorità islandesi non avevano risposto perché mancavano alcuni documenti.

Dopo aver ricevuto i documenti necessari dall'interessato, le autorità islandesi gli hanno versato le prestazioni richieste.

Caso risolto in 12 settimane.

Per saperne di più: prestazioni familiari