Percorso di navigazione

Un'agenda per nuove competenze e per l'occupazione

Con questa iniziativa la Commissione si propone di aiutare l'UE a raggiungere entro il 2020 l'obiettivo che si è posta nel campo dell'occupazione: far sì che il 75% della popolazione in età lavorativa (fascia di età compresa tra i 20-64 anni) abbia un impiego.

Lanciata nel 2010, l'iniziativa rientra nella strategia globale dell'UE Europa 2020, che mira a promuovere una crescita intelligente, sostenibile e solidale nel prossimo decennio e oltre.

L'agenda contribuisce a raggiungere anche altri obiettivi che l'UE si è fissata per il 2020: ridurre al di sotto del 10% il tasso di abbandono scolastico, portare ad almeno il 40% il numero dei giovani con un'istruzione universitaria o equivalente, ridurre di almeno 20 milioni il numero delle persone a rischio o in stato di povertà o emarginazione sociale.

Come

L'agenda presenta una serie di azioni concrete intese a:

  • accelerare le riforme per migliorare la flessibilità e sicurezza del mercato del lavoro ("flessicurezza")
  • dotare le persone delle qualifiche necessarie per le professioni di oggi e domani
  • migliorare la qualità degli impieghi garantendo migliori condizioni di lavoro
  • migliorare i presupposti per la creazione di posti di lavoro.

Perché

  • Nell'UE si registrano attualmente 23 milioni di disoccupati, il 10% della popolazione attiva
  • Perché la nostra economia possa crescere e restare competitiva, occorre creare un maggior numero di posti di lavoro
  • Dal 2012 in poi la nostra popolazione in età lavorativa inizierà a ridursi. Per garantire la sostenibilità dei nostri sistemi previdenziali, occorre dare lavoro ad un maggior numero di persone.

Nuove competenze per nuovi lavori

L'iniziativa Nuove competenze per nuovi lavori, lanciata dalla Commissione nel 2008 e tuttora in corso, intende migliorare il livello delle competenze e la definizione del relativo fabbisogno.

L'iniziativa prioritaria della strategia Europa 2020 ("Un'agenda per nuove competenze e nuovi lavori") ne riprende in parte la denominazione, ma è molto più ampia, in quanto comprende tematiche come "flessicurezza", qualità del lavoro, condizioni di lavoro e creazione di nuovi posti. Lo sviluppo delle competenze ne costituisce uno dei principali obiettivi.

    Condividi

  • Invia come Tweet Condividi su Facebook Condividi su Google+