Percorso di navigazione

Cure programmate

Desiderate ricevere assistenza sanitaria in un altro paese europeo a spese dell'assicurazione malattia. Per scoprire se ne avete diritto, rispondete alle 5 domande seguenti:

In quale paese siete assicurati? 

Le regole qui spiegate valgono se si è iscritti ad un regime obbligatorio di sicurezza sociale di uno Stato membro dello Spazio economico europeo (SEE) o della Svizzera (esclusi i trattamenti senza previa autorizzazione nelle relazioni con la Svizzera).

Dove pensate di richiedere l'assistenza sanitaria? 

Le regole qui spiegate riguardano le cure ricevute in uno Stato membro dello Spazio economico europeo (SEE) o in Svizzera (esclusi i trattamenti senza previa autorizzazione nelle relazioni con la Svizzera).

Si tratta di cure impreviste? Se sì, sono coperte dalla tessera europea di assicurazione malattia. 

Se viaggiando in uno Stato membro del SEE o in Svizzera si ha inaspettatamente bisogno di cure (nel senso che queste ultime non erano lo scopo del viaggio), la tessera europea di assicurazione malattia garantisce la copertura dei relativi costi. Per ulteriori informazioni, vedere il sito sulla tessera europea di assicurazione malattia.

La vostra assicurazione malattia copre i costi di cure analoghe nel vostro paese di origine? 

In linea di massima, i costi delle cure sanitarie vengono coperti soltanto se la legislazione del paese in cui si è assicurati riconosce il trattamento. Le cure termali, ad esempio, vengono rimborsate in alcuni paesi, ma non in altri. Prima di recarsi all'estero, è bene informarsi presso il proprio ente assicurativo.

Si tratta di cure ospedaliere? 

Attualmente non esiste una definizione europea di "cure ospedaliere" o di "cure non ospedaliere". In caso di dubbio, informarsi presso il proprio ente assicurativo.

Se si tratta di cure previste e programmate, che costituiscono cioè il motivo del viaggio all'estero, occorre distinguere tra cure ospedaliere e cure non ospedaliere.

In caso di cure ospedaliere, sarà quasi sempre richiesta un'autorizzazione preventiva.
I costi saranno quindi coperti secondo le norme del paese in cui le cure vengono prestate (paese di cura). Se tali condizioni sono meno favorevoli di quelle offerte dalla propria assicurazione malattia, la differenza sarà rimborsata. In mancanza di un'autorizzazione preventiva, i costi non saranno coperti automaticamente. Resta comunque possibile richiedere il rimborso al rientro, ma non vi sono garanzie che la richiesta venga accettata.

Anche in caso di cure non ospedaliere, yè possibile richiedere un'autorizzazione prima della partenza, in modo da poter beneficiare delle stesse garanzie. È anche possibile recarsi direttamente nel paese in cui si desiderano ricevere le cure (paese di cura), senza munirsi di un'autorizzazione preventiva, e poi chiedere il rimborso al ritorno. I costi delle cure saranno quindi rimborsati secondo la normativa del paese del proprio ente assicurativo. Si noti che questa possibilità non è riconosciuta nelle relazioni con la Svizzera.

Se rispondete a queste condizioni e intendete richiedere il modello S2, oppure se desiderate ottenere maggiori informazioni, vi invitiamo a contattare il vostro ente assicurativo. 

Serve ancora aiuto?

Non hai trovato le informazioni che cercavi? Hai un problema da risolvere?

Rivolgiti a Europe Direct (00800 6 7 8 9 10 11)
Risolvi i problemi incontrati con un'amministrazione nazionale (SOLVIT)
Richiedi una consulenza legale al Servizio di orientamento per i cittadini (CSS)

    Condividi

  • Invia come Tweet Condividi su Facebook Condividi su Google+