Percorso di navigazione

Salute e sicurezza sul lavoro

Attenzione: alcune pubblicazioni potrebbero essere disponibili solo in inglese, francese e tedesco.

Pubblicazioni recenti

23/01/2017

Study on the implementation of the autonomous agreement on workers’ health protection through the good handling and use of crystalline silica and products containing it  (23/01/2017)

Catalog N. :KE0217044

Crystalline silica is a mineral naturally abundant and a component of materials used in a wide variety of industries. However, prolonged inhalation of respirable crystalline silica may cause a specific type of lung damage. A multi-sectoral agreement bringing together social partners from 14 sectors was signed in 2006 to protect workers exposed to respirable crystalline silica, minimise the exposure through good practices and increasing the knowledge about potential health effects. This study provides an assessment of the implementation and impact of the agreement.    

06/10/2014

Social Agenda 38 - Health and safety 2014-2020  (06/10/2014)

Catalog N. :KE-AF-13-038-EN-C

The 2007-2012 strategy contributed to reducing the number of work-related accidents. The new one focuses on work-related diseases, adapting the work place to longer working lives, health and safety in micro and small enterprises and making prevention a reflex for all.  The magazine also features an extensive interview with outgoing European Commissioner László Andor and a presentation of the Fund for European Aid to the Most Deprived. Social Agenda is available in English, French and German, also in print.

19/08/2013

Le etichette dei prodotti chimici stanno cambiando: in che modo questo influirà sulla protezione dei lavoratori?  (19/08/2013)

Catalog N. :KE-30-13-227-IT-C

Nei prossimi anni, il regolamento UE sulla classificazione, etichettatura e imballaggio (CLP) determinerà una variazione nella classificazione dei prodotti chimici per identificarne i rischi. Ciò comporterà dei cambiamenti nelle informazioni destinate ai consumatori di prodotti chimici e presenti sulle etichette e nelle schede dei dati di sicurezza (SDS). Le persone che lavorano con i prodotti chimici dovranno adattarsi a tali cambiamenti e questo documento funge da guida pratica. Più specificamente, spiega come i cambiamenti influiscono sulle responsabilità ai sensi di diverse direttive UE sulla protezione dei lavoratori (direttiva sugli agenti chimici, direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni, direttiva sui segnali di sicurezza, direttiva sulle lavoratrici in gravidanza e direttiva sui giovani lavoratori).

09/08/2013

Chemicals at work – a new labelling system - Guidance to help employers and workers to manage the transition to the new classification, labelling and packaging system.  (09/08/2013)

Catalog N. :KE-30-13-226-EN-C

Over the next few years, new legislation known as the CLP regulation is changing how chemical products are classified to identify hazards, and how this information is communicated on labels and safety data sheets (SDSs). This document is intended to provide practical guidance to employers and workers on how the directly acting CLP regulation (Regulation (EC) No 1272/2008 on the Classification, Labelling and Packaging of Substances and Mixtures) will affect the following worker protection directives: • chemical agents directive (98/24/EC); • carcinogens and mutagens directive (2004/37/EC); • safety signs directive (92/58/EEC); • pregnant workers directive (92/85/EEC); • young people at work directive (94/33/EC). These directives have been implemented in the national legislation of each Member State. Information on this legislation and general guidance on how to comply will normally be available from the authorities responsible for occupational health and safety in each Member State. This publication is available in printed format in English, French and German.

19/12/2012

Minimising chemical risk to workers' health and safety through substitution  (19/12/2012)

Catalog N. :KE-30-12-758-EN-N

This report presents the results of a study on the practical implementation of substitution of hazardous chemicals, as an occupational health and safety risk management measure, in workplaces across the EU. Funded by DG Employment, Social Affairs and Inclusion, the publication examines if there is a need for an EU-wide common guidance on substitution, with results indicating that such a document would be welcome. It recognises that various approaches to substitution – as well as challenges to these approaches – exist, and there-fore the bulk of the report focuses on developing a common approach to substitution and presenting it as a guidance document. This publication is available in electronic format in English.

11/06/2012

Proteggerela salute e lasicurezza dei lavoratorinei settori dell’agricoltura,dell’allevamento, dell’orticolturae della silvicoltura  (11/06/2012)

Catalog N. :KE-31-11-450-IT-C

La presente pubblicazione è finanziata dal programma dell’Unione europea per l’occupazione e la solidarietàsociale Progress (2007-2013).Tale programma è attuato dalla Commissione europea ed è stato istituito per sostenere finanziariamente larealizzazione degli obiettivi dell’Unione europea in materia di occupazione, affari sociali e pari opportunità, al finedi contribuire al conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020 nei settori citati.Il programma ha durata settennale e si rivolge a tutte le parti interessate che possono contribuire all’elaborazionedi normative e politiche sociali e occupazionali che siano adeguate ed efficaci nei 27 Stati membri dell’Unioneeuropea e nei paesi dell’Associazione

14/10/2011

Rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro nel settore sanitario  (14/10/2011)

Catalog N. :KE-31-11-047-IT-N

Lo scopo principale di questa guida è offrire conoscenze tecniche e scientifiche aggiornate sulla prevenzione dei rischi più significativi nel settore sanitario, in particolare dei rischi biologici, muscoloscheletrici, psicosociali e chimici, e favorire l’attuazione delle direttive comunitarie in vigore. Sono infine presentati e chiariti strumenti pratici per assistere i datori di lavoro nell’identificazione dei rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori e nell’attuazione delle misure preventive nelle strutture sanitarie. Questa pubblicazione è disponibile in formato cartaceo in francese, inglese e tedesco e in formato elettronico in tutte le altre lingue ufficiali dell’Unione europea. I link in questa pubblicazione erano corretti alla data di completamento della redazione.

29/04/2011

Guida non vincolante alla buona prassi nell’attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali»  (29/04/2011)

Catalog N. :KE-30-10-384-IT-N

La maggior parte delle postazioni di lavoro possiede fonti di radiazioni ottiche artificiali e la direttiva 2006/25/CE stabilisce i requisiti minimi di salute e sicurezza relativi all'esposizione dei dipendenti a tali fonti. La guida di buone prassi a carattere non vincolante per l'attuazione della direttiva 2006/25/CE della Commissione europea individua le applicazioni che comportano un rischio minimo e fornisce una guida per le altre. Essa presenta, inoltre, una metodologia di valutazione e delinea i provvedimenti per ridurre i pericoli e monitorare gli effetti nocivi sulla salute. Questa pubblicazione è disponibile in formato cartaceo in inglese, francese e tedesco e in formato elettronico in tutte le altre lingue ufficiali dell'UE. È disponibile anche un CD che contiene le versioni in 22 lingue (numero catalogazione: KE-32-11-704-1X-Z, ISBN 978-92-79-19829-8).