AVVISO IMPORTANTE - Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright.
Research
CastellanoDanskDeutschEllinikaEnglishFrançaisItalianoNederlandsPortuguêsSuomiSvenska
 
Europa  > Commissione Europea >  Ricerca > Comunicato stampa 
 
    

European Research Area

    

Research Programmes

Sixth Framework Programme
(2002-2006)
  
Fifth Framework Programme
(1998-2002)
  
Frequently Asked Questions
  
Fourth Framework Programme
(1994-1998)
    

Why European  Research?

    
What's new?
    

Publications

    

Useful Links

    

 

Comunicato stampa

L'UE sostiene la creazione di uno spazio europeo di ricerca sul cancro

Conferenza presso il Parlamento Europeo- 19 settembre 2002

 

Bruxelles, 23 aprile 2002

Parole chiave : salute, medicina, cancro, diagnosi, cura.

 


Come realizzare una maggiore coerenza nella ricerca europea sul cancro? Questo è il tema principale della conferenza odierna che riunisce circa 250 rappresentanti del mondo scientifico, della professione medica, organizzazioni di tutela dei pazienti, fondazioni, industria ed istituzioni europee. Scopo di tale conferenza, organizzata congiuntamente con la Commissione europea ed il Parlamento Europeo, è di avviare la definizione di una strategia comune europea per la ricerca sul cancro, che mobiliti tutti gli attori interessati al fine di migliorare la coerenza e l'efficienza delle attività di ricerca. Tale evento coincide con il lancio nel novembre del 2002, del sesto programma quadro per la ricerca (2002-2006), specificatamente concepito per strutturare ed integrare al meglio "l'eccellenza" scientifica che contraddistingue l'Europa.

Il Commissario Philippe Busquin, aprendo la conferenza congiuntamente con il Presidente del Parlamento, l'on Pat Cox, e l'on Viw Van Velzen, membro del Parlamento, ha detto: "Il cancro uccide ogni anno più di 750.000 persone. L'Unione europea è pronta ad investire fino a € 400 milioni nella ricerca sul cancro nei prossimi quattro anni. I nostri investimenti daranno frutti solamente se i ricercatori e le agenzie di finanziamento di tutta Europa lavoreranno insieme verso obiettivi comuni. È necessario innovare l'organizzazione della ricerca a livello europeo. Solo in tal caso saremo in grado di tradurre rapidamente gli straordinari progressi scientifici in diagnosi precoci e terapie per i pazienti, che abbiano una validità pratica."

L'on Wim Van Velzen ha aggiunto: "Sono convinto che con uno sforzo comune e il coordinamento delle iniziative, possiamo fare di più e meglio in Europa. L'Europa ha il potenziale per combattere il cancro in maniera più efficace; usiamolo."

Il cancro è un fardello pesante che grava sui cittadini europei. Sebbene sia difficile fornire dati precisi per l'Europa (*), è noto che ogni anno, in Francia, 240.000 nuovi casi vengono diagnosticati, e che al cancro si deve addebitare il 24% di tutti i decessi in Gran Bretagna.Sebbene in tutta Europa sono stanziate risorse considerevoli per la lotta contro il cancro, e le scienze di base stanno attualmente progredendo a ritmo veloce verso la comprensione degli aspetti fondamentali della vita, non si sono prodotti i risultati tanto attesi da professionisti della salute e cittadini. Ciò è dovuto in parte alla frammentazione e alla duplicazione degli sforzi di ricerca a livello europeo.

Il sesto programma quadro dell'UE fornisce i mezzi per affrettare la realizzazione di uno spazio europeo di ricerca sul cancro. La ricerca in tale settore costituisce una delle priorità nell'ambito della ricerca sanitaria e, grazie al sostegno attivo del Parlamento, è stato possibile realizzare uno stanziamento di ben 400 milioni di Euro. Sebbene ciò rappresenti una porzione relativamente modesta dei fondi complessivamente destinati alla ricerca sul cancro a livello europeo, tali risorse nonché i nuovi strumenti di ricerca del programma quadro, offrono opportunità per realizzare il coordinamento degli sforzi di ricerca, già intrapresi da istituzioni di ricerca pubbliche e private, al fine di ampliare le reti di ricerca ed affrontare i problemi comuni.

L'UE aiuterà i ricercatori a creare vaste reti d'eccellenza che possano riunire le migliori equipe scientifiche e di professionisti della salute,e che mirino a sviluppare e convalidare nuovi interventi e terapie. Grazie alla creazione di tali progetti integrati sarà possibile usufruire dell'esperienza e delle risorse attuali al fine di sviluppare test preclinici importanti per la valutazione di nuove terapie o per l'omologazione di target molecolari per la diagnosi e la cura del cancro. Gli istituti di ricerca saranno inoltre in grado di reclutare i maggiori esperti mondiali nei vari settori di specializzazione grazie alla rinnovazione del programma europeo per la mobilità dei ricercatori. La Commissione sosterrà inoltre la coordinazione dei programmi di ricerca regionali e nazionali.

Una strategia europea di ricerca sul cancro dovrebbe anche esaminare come migliorare le condizioni quadro previste per tale settore in Europa. Uno dei temi attualmente oggetto d'analisi è l'organizzazione di test clinici che coinvolgano varie nazioni. Il Commissario Busquin ha così spiegato: "La differenza a livello europeo in popolazioni, stili di vita e tipologie cliniche, ci conferisce una posizione privilegiata per l'accrescimento della comprensione e della cura del cancro. È però necessaria la collaborazione tra ricercatori, ospedali ed autorità regionali e nazionali al fine di risolvere le differenze normative, etiche nonché procedurali.

La conferenza offrirà l'opportunità ad un gran numero di attori interessati alla ricerca sul cancro di presentare i rispettivi ruoli e le proprie aspettative e di proporre vie per sostenere la cooperazione e la coordinazione della ricerca in tale settore in Europa. La Commissione intende utilizzare i risultati che scaturiranno da tale incontro per proporre una strategia per uno spazio europeo di ricerca sul cancro.

Programma per la stampa:

  • 10:00 - 10:00 - apertura della conferenza con un discorso di P. Cox
  • 12:00 - 12:00 - briefing rivolto alla stampa: nuovi sviluppi della ricerca sul cancro finanziata dalla CE
  • 13:00 - conferenza stampa alla presenza di Philippe Busquin, Commissario per la Ricerca, Wim Van Velzen, Membro del Parlamento Europeo e Paul Kleihues, direttore dell'Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro
  • 13:30-14:30 - pranzo con tutti i partecipanti
  • 16:30 - termine della conferenza e conclusioni.

Il programma completo della conferenza è disponibile in linea all'indirizzo: http://ec.europa.eu/research/info/conferences/cancer/cancer_en.html
Informazioni di riferimento sulle attività di ricerca della Ce sono inoltre disponibili all'indirizzo: http://ec.europa.eu/research/rtdinfo/en/33/index.html

Per ulteriori informazioni concernenti l'evento::

Stéphane Hogan, Press Officer, DG Ricerca, Commissione Europea
Tel.: +32.2.296.2965 - Fax: +32.2.295.8220
E-mail : Research Contact

Per ulteriori Informazioni concernenti la ricerca sul cancro:
Maria Vidal, Responsabile scientifico, DG Ricerca, Commissione europea
Tel: +32.2.299.9743 - Fax: +32.2.295.53.65
E-mail: maria-jose.vidal-ragout@ec.europa.eu


* Nonostante l'instaurazione di registri del cancro in tutti gli Stati membri, l'analisi dell'incidenza del cancro, della prevalenza e delle speranze di vita delle popolazioni europee, è ostacolata dalle differenze esistenti nelle procedure di registrazione e nella disponibilità di informazioni standardizzate.

              

Press releases I What's new on the Research pages? I TOP Top