AVVISO IMPORTANTE - Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright.

  esdeenfrit
European Flag

   EuropaCommissione EuropeaRicercaComunicati stampa

Bruxelles, 1º ottobre 1999

Lo spazio europeo della ricerca si apre ai ricercatori di 11 nuovi paesi

Parole chiave: Politica della ricerca, cooperazione internazionale, associazione

Prima dell'adesione arriva l'associazione: gli 11 paesi che dovrebbero aderire all'Unione all'inizio del prossimo millennio hanno firmato degli accordi che danno loro pieno accesso al Quinto programma quadro di ricerca 1999-2002 della Comunità europea. Ciò significa che gli istituti di ricerca universitari e le imprese dei paesi in questione1 possono partecipare al programma alle stesse identiche condizioni previste per gli organismi degli Stati membri. La ricerca diviene così la prima politica strettamente comunitaria aperta alla partecipazione di tali paesi grazie anche ai rispettivi contributi finanziari. Questa apertura verso est costituisce un ampliamento rilevante dello "spazio europeo di ricerca": sia per i circa 150 000 ricercatori dei paesi in via di adesione, sia per quelli dell'Unione, tali accordi offrono la possibilità di moltiplicare le occasioni di collaborazione e di realizzarle più facilmente, nonché di beneficiare reciprocamente delle rispettive potenzialità a livello scientifico tecnologico.

Che l'ampliamento verso est si sia realizzato più rapidamente nel caso della politica della ricerca rispetto ad altri settori si deve soprattutto alla cultura della cooperazione che appartiene fin dagli albori della scienza moderna alla comunità scientifica europea.

Ai ricercatori e agli ingegneri dei paesi interessati gli accordi consentiranno l'accesso a programmi di ricerca che possono contare su fondi pari a circa 15 miliardi di euro per il periodo 1999-20022.

La Commissione aveva anticipato la firma degli accordi offrendo subito, fin dai primi inviti a presentare proposte nell'ambito del Quinto programma quadro pubblicati nella primavera di quest'anno, agli organismi di ricerca e alle imprese degli 11 paesi candidati la garanzia di essere trattati sullo stesso piano nelle valutazioni rispetto agli organismi degli Stati membri.

Le risposte ai primi inviti fanno rilevare una consistente partecipazione degli organismi di tali paesi rispetto all'insieme delle proposte presentate. Gli sforzi compiuti per fornire informazioni a tali paesi sulle possibilità e le condizioni di partecipazione hanno dato i loro frutti, vista la quota rilevante di risposte ai primi inviti pervenute.

A titolo di reciprocità tutti i paesi interessati hanno deciso di aprire agli scienziati degli Stati membri i rispettivi programmi di ricerca nei settori corrispondenti a quelli del Quinto programma quadro3.

Il processo di associazione, che accelera l'integrazione dei paesi in questione nella comunità scientifica e tecnologica europea, rientra nella strategia di preadesione elaborata dalla Commissione. Essa deve pertanto fornire a tali paesi un sostegno indispensabile all'evoluzione politica e alla ristrutturazione economica nelle quali essi hanno deciso di impegnarsi. Il rinnovamento di tali paesi rappresenta infatti l'aspetto centrale del processo di ampliamento. Essi devono al tempo stesso rinnovare le infrastrutture, modernizzare l'industria, aumentare la competitività dei prodotti e dei servizi sul mercato mondiale e contrastare il degrado ambientale per migliorare il livello di vita dei loro cittadini. Nessuna di queste sfide potrà essere raccolta senza aver prima rafforzato le loro capacità in termini scientifici e tecnologici.

Per informazioni supplementari:

Punti nazionali di contatto per il Quinto programma quadro: http://cordis.europa.eu/fp5/src/ncps.htm

RDT info, numero 22: fascicolo sugli 11 paesi candidati all'adesione: http://ec.europa.eu/research/rtdinf22/etoc.html

Anna Rémond
Unità Europa, DG Ricerca
Fax: +32-2-296.33.08
E-mail: inco@ec.europa.eu

Michel Claessens
Unità Comunicazione, DG Ricerca
Fax: +32-2-295.82.20
E-mail: michel.claessens@ec.europa.eu

1 Bulgaria, Cipro, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Repubblica ceca, Slovacchia e Slovenia. Top
2 Tutti i paesi eccetto la Polonia, Cipro, l'Estonia e la Lituania hanno scelto di associarsi anche al programma nucleare (Euratom). Top
3 L'apertura è già in atto per quanto riguarda Cipro e dovrebbe esserlo entro la fine dell'anno per gli altri dieci paesi. Top

Search Top
COMUNICATI STAMPA | COMUNICATI STAMPA DI 1999 | 09.02.2000