AVVISO IMPORTANTE - Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilitÓ e ad un avviso relativo al Copyright.
 
Drapeau européen    Europa Graphic elementLa Commissione EuropeaGraphic element Ricerca Graphic elementWhat is Europe doing?
Que fait l'Europe

Il know-how europeo, un punto di forza a livello mondiale

Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina precedente Sommario Pagina
seguente

Graphic elementI fatti

Dal 1990 al 1995 le spese a livello mondiale per le attrezzature e i servizi nel settore dell'acqua sono passate da 12 a 20 miliardi di ECU. Questa cifra dovrebbe aumentare più del 100% nei prossimi quindici anni.
L'Europa possiede, nel settore dell'acqua, una competenza tecnologica e industriale di primo piano. Varie grosse società private operano in tutti i continenti, affermando la propria leadership in numerosi mercati, in particolare nella costruzione e la gestione di impianti di trattamento per le grandi agglomerazioni. Paradossalmente, pur rappresentando il nostro mercato una sfida economica di notevole portata, la gestione europea dell'acqua non è tra le più avanzate. Il tasso di riciclaggio nell'industria è, ad esempio, da due a quattro volte più importante negli Stati Uniti e in Giappone.


Graphic elementLe azioni

La Commissione europea ha adottato una strategia integrata in questo settore per coordinare e orientare meglio le azioni comunitarie di ricerca, i programmi regionali, nazionali e internazionali, nonché la ricerca privata. Questa strategia tiene conto dell'articolazione dei vari progetti con le altre azioni che incidono sulla politica dell'acqua a livello economico, sociale, ambientale e industriale. I settori disciplinati da questi lavori comprendono:

  • lo sviluppo di innovazioni tecnologiche;
  • il miglioramento degli strumenti di gestione delle risorse e delle reti;
  • la gestione delle situazioni di crisi;
  • la cooperazione internazionale.

Il know-how europeo, un punto di forza a livello mondiale

Provvedimenti efficaci e poco costosi
Nel 2005, gli agglomerati europei con oltre 2000 abitanti dovranno dotarsi di impianti di trattamento delle acque reflue. Numerose piccole stazioni di ritrattamento dovranno, pertanto, essere dotate di strumenti atti a misurare la qualità delle acque in entrata e in uscita. A tal fine, nel quadro del progetto europeo WATER QUALITY MONITOR, è stato messo a punto uno spettometro, compatto e poco costoso, che consente di controllare in modo affidabile la qualità del trattamento delle acque reflue.

Controllare e prevenire
Diretto da un'impresa francese, il progetto WATERNET ha concepito un supporto telematico che consente, grazie ad una rete di sensori, di valutare costantemente la qualità dell'acqua raccolta, di studiarne l'evoluzione e individuare le fonti di inquinamento.

 
Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina precedente Sommario Pagina
seguente
  Graphic element Sistema di ricerca Top