AVVISO IMPORTANTE - Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilitÓ e ad un avviso relativo al Copyright.
 
European Flag    Europa Graphic elementLa Commissione EuropeaGraphic element Ricerca Graphic elementWhat is Europe doing?
Cosa fa l'Europa?

Meno ingorghi

Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina precedente Sommario Pagina
seguente

Graphic elementI fatti

Meno ingorghiSe non cambieremo radicalmente la nostra maniera di spostarci, nel corso del prossimo decennio le automobili finiranno per soffocarci. A noi giudicare.
Nell'Unione europea, tra il 1980 e il 1997, il parco delle autovetture è passato da 100 a 170 milioni di veicoli, con un aumento del traffico (calcolato in passeggeri-chilometro) del 62%, mentre la quota riservata agli altri modi di trasporto diventava sempre più esigua: 6% per la ferrovia, 8% per gli autobus.
Nello stesso periodo gli automezzi pesanti e gli altri veicoli commerciali presentavano una tendenza analoga, passando da 10 a 19 milioni.
Causa l'aumento del traffico (2% in più ogni anno), i congestionamenti sono all'ordine del giorno e rappresentano una sorta di lungo nastro che si tende ogni giorno per non meno di 4 000 chilometri di autostrade. Nelle città (dove vive l'80% della popolazione europea), la situazione è divenuta insostenibile: circolazione al collasso, stato di allerta ambientale, minacce per la salute…
Se consideriamo i costi diretti e indiretti (incidenti, inquinamento ecc.) di questi congestionamenti, il conto è astronomico: 250 miliardi di euro, cioè il 4% della produzione totale dell'economia dell'Unione europea.

 

Graphic elementLe azioni

Dinanzi a questo problema l'Unione europea ritiene prioritario favorire l'intermodalità, cioè la messa a punto di complementarità tra i diversi modi di trasporto dei viaggiatori e delle merci.
Il 14 febbraio 2000 il Consiglio ha adottato un'importante risoluzione a favore dell'intermodalità, insistendo soprattutto sul ruolo fondamentale che la ricerca europea deve svolgere nel proporre soluzioni innovative.
I progetti attualmente in corso seguono diverse piste. Innanzitutto contribuiscono a utilizzare le nuove tecnologie di comunicazione per la gestione elettronica della viabilità, che va a beneficio di conducenti, operatori e responsabili delle decisioni. In secondo luogo mirano a favorire altri sistemo di trasporto, come i trasporti pubblici, la bicicletta o la marcia a piedi. Infine alcuni progetti europei di ricerca in materia di trasporto di merci si prefiggono di potenziare l'uso del treno, per alleviare il nolo stradale, partendo da un'analisi dei punti deboli e delle strozzature che affliggono le ferrovie, tra cui ad esempio i terminali.

Città fluide
Come rendere più fluida la circolazione in città? Come convincere gli abitanti a rinunciare a servirsi del proprio veicolo a favore dei trasporti pubblici? Le strategie dipendono in larga misura dalle realtà locali e dai gruppi di utenti interessati. Il progetto PRIVILEGE, coordinato da
"The MVA Consultancy" (del Regno Unito), ha definito un insieme di possibili interventi, la cui originalità sta nel fatto che si fondano sui bisogni specifici di ciascuna categoria di utenti.

Meno ingorghi

Lungo i corsi d'acqua
In alcuni casi il trasporto urbano può rivelarsi più rapido lungo i corsi d'acqua: è ciò che ha dimostrato il progetto europeo di ricerca CATRIV, sviluppato in tre grandi città europee, Venezia, Amsterdam e Lisbona. Dall'analisi effettuata emerge che con imbarcazioni e imbarcaderi moderni disposti lungo fiumi e canali è possibile offrire un'alternativa efficace ai tradizionali tragitti "terrestri".

Informazioni in diretta
Il Traffic Message Channel (TMC) consente a qualunque conducente, ovunque sia, di ottenere in tempo reale e nella sua lingua informazioni precise sulla viabilità: rallentamenti, cantieri, incidenti… Per avvalersi del nuovo sistema tecnico sarà sufficiente sintonizzare la propria autoradio sulla frequenza FM.

Meno ingorghi

 
Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina precedente Sommario Pagina
seguente
  Graphic element Sistema di ricerca Top