AVVISO IMPORTANTE - Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilitÓ e ad un avviso relativo al Copyright.
 
European Flag    Europa Graphic elementLa Commissione EuropeaGraphic element Ricerca Graphic elementWhat is Europe doing?
Cosa fa l'Europa?

Obiettivo sicurezza

Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina precedente Sommario Pagina
seguente

Graphic elementI fatti

Obiettivo sicurezzaL'automobile è di gran lunga il mezzo di trasporto più pericoloso: mentre ogni anno meno di 1000 persone muoiono in incidenti
ferroviari, sulle strade europee si contano (cifre del 1996) 42.000 morti e 1,7 milioni di feriti. È una vera e propria strage: come se ogni anno un'intera cittadina fosse cancellata dalla carta geografica …
Sono cifre che fanno venire i brividi, ma qualche segnale positivo c'è: malgrado il continuo aumento del traffico, si osserva una diminuzione - certo ancora insufficiente - del numero di vittime della strada nell'Unione europea: tra il 1991 e il 1997 il numero dei morti in Europa è diminuito del 22% e quello dei feriti del 9%.
Naturalmente, le statistiche variano fortemente da paese a paese: per ogni milione di abitante, gli incidenti mortali sono quattro volte maggiori in Portogallo che nel Regno Unito,
a riprova del fatto che a diverse politiche corrisponde un grado diverso di sicurezza stradale e che la fatalità non c'entra affatto.
Risultati ancora migliori potrebbero essere inoltre ottenuti: si pensa ad esempio che riducendo del 5% la velocità media sulla rete stradale europea si risparmierebbero 11.000 morti all'anno. Analogamente, l'uso sistematico delle cinture di sicurezza, anteriori e posteriori, permetterebbe di salvare oltre 8000 vite umane all'anno.

 

Graphic elementLe azioni

Obiettivo sicurezzaMolto intense nel settore della sicurezza stradale, le ricerche condotte a livello europeo si imperniano su tre grandi obiettivi. Il primo, quello della sicurezza attiva, mira ad impedire che gli incidenti si verifichino; si tratta innanzitutto di incoraggiare una guida ragionevole e adatta alle circostanze. Alcuni progetti hanno per esempio permesso di sviluppare sistemi tecnici per limitare la velocità al volante o per rilevare efficacemente l'assunzione di farmaci o alcool; altri si prefiggono di dotare la polizia di equipaggiamenti di punta, che consentono una migliore individuazione delle infrazioni.
Un secondo gruppo di ricerche europee cerca di ridurre la gravità degli incidenti mediante il potenziamento degli equipaggiamenti di sicurezza nelle automobili, il miglioramento della qualità delle infrastrutture stradali e la progettazione di sistemi di gestione integrata della sicurezza in ambiente urbano.
Ma per poter mettere a punto le politiche opportune, è anche necessario che i responsabili del processo decisionale siano in grado di basarsi su dati precisi e realmente confrontabili da paese a paese.
La compilazione di tali statistiche costituisce una terza sfida per la ricerca europea.

Obiettivo sicurezza

Il pericolo dei farmaci
Un numero sempre maggiore di automobilisti si mette al volante sotto l'effetto di farmaci o stupefacenti, causando sempre più incidenti. Come può la polizia individuare in modo affidabile queste infrazioni? L'esame delle urine è il modo più preciso, ma non certo il più facile da applicare. Il progetto ROSITA, coordinato dall'Università di Gand (Belgio), riunisce partner di otto paesi europei nell'intento di sviluppare un sistema di rilevamento più pratico .

Manichini biofedeli
Le collisioni frontali sono di gran lunga le più pericolose. Per arginarne i danni, i costruttori cercano di potenziare la sicurezza dei veicoli in diversi punti, ad esempio installando gli airbag. Per individuare con precisione dove si debba intervenire, si fa ricorso a prove d'urto con a bordo dei manichini. Il progetto europeo di ricerca ADRIA, coordinato dall'istituto olandese TNO, si prefigge di mettere a punto una nuova generazione di manichini biofedeli, che consentano di ottenere risultati migliori.

Cantieri poco sicuri
I cantieri stradali e coloro che vi
lavorano sono talvolta mal segnalati o mal protetti. Provocano spesso bruschi rallentamenti, a loro volta possibile causa di incidenti. Il progetto ARROWS, con base ad Atene, mira a stabilire a livello europeo una tipologia di misure da prendere per rendere più sicuri questi cantieri, in modo da proteggere sia la vita degli automobilisti che quella degli addetti.

Obiettivo sicurezza

 
Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina precedente Sommario Pagina
seguente
  Graphic element Sistema di ricerca Top