Banner Ricerca Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
Scienze marine
Elemento grafico Home
Elemento grafico Introduzione
Elemento grafico Evoluzione
Elemento grafico Esplorazione
Elemento grafico Azioni future
Elemento grafico Maggiori informazioni
   
image image
Elemento grafico Altri progetti tematici

 

image

Azioni future

Verso un’Area di Ricerca Marina Europea

A livello mondiale si sta diffondendo sempre più rapidamente la consapevolezza che il futuro benessere economico e fisico dell’Europa, e dell’intero pianeta, è legato inestricabilmente al benessere dei mari e degli oceani. Di conseguenza le scienze marine devono svolgere un ruolo cruciale per migliorare la nostra comprensione di questo ambiente subacqueo e guidare le applicazioni pratiche dei risultati di ricerca a favore di una gestione sostenibile dei mari.

È necessaria una ricerca di base multidisciplinare e l’entità degli investimenti richiesti in termini di risorse umane e di infrastrutture è tale da imporre una cooperazione congiunta a livello transnazionale, indispensabile per ottenere progressi soddisfacenti. 

Fortunatamente sono già presenti strutture cooperative a livello europeo impegnate nelle scienze marine. Gli organismi esistenti dovranno essere ulteriormente sviluppati per il raggiungimento di obiettivi comuni a livello europeo e confermare la posizione di leader mondiale in questo settore detenuta attualmente dall’Europa.

Nel maggio 2004, circa 500 scienziati marini, politici e rappresentanti di industrie marine si sono incontrati a Galway, Irlanda, per discutere sul futuro della ricerca marina europea. Dall’evento – EUROCEAN 2004 – è scaturita la “Dichiarazione di Galway? che delinea le principali sfide future individuate dalla comunità scientifica marina. Il documento sottolinea inoltre il ruolo chiave che dovrebbe svolgere il Settimo Programma Quadro di Ricerca (FP7) per gli anni 2007-2013, unitamente alla creazione dell’Area di Ricerca Europea, così come proposto dalla Commissione, per sostenere l’eccellenza della scienza e tecnologia marina a livello internazionale.

In questo contesto, il 7° Programma Quadro proposto dalla Commissione fa un chiaro riferimento alle scienze marine come area di priorità scientifica. Data la propria natura interdisciplinare, le questioni marine saranno affrontate in svariate aree, fra cui: “Scienze e biotecnologia della vita?, “Gestione sostenibile delle risorse?, “Tecnologie ambientali? e “Osservazione e valutazione terrestre?.

Il Forum di Strategia Europea per le Infrastrutture di Ricerca (ESFRI) ha inoltre espresso alcuni suggerimenti volti a integrare le scienze marine in Europa e a promuovere uno sfruttamento migliore dei meccanismi di ricerca esistenti e la coordinazione delle infrastrutture di ricerca. Più in particolare, ha manifestato la necessità di investimenti in alcune infrastrutture di ricerca comuni su larga scala, come l’European Deep Sea Neutrino Telescope, il Rompighiaccio di Ricerca (Aurora Borealis), una nuova imbarcazione impiegata per ricerche costiere nel Mar Baltico, e l’Osservatorio Europeo Multidisciplinare del Fondo Marino (EMSO).

Capire gli ecosistemi delle profondità marine

Il Progetto Integrato HERMES (IP) studia gli ecosistemi presenti nelle profondità oceaniche. Si tratta di uno dei principali progetti di ricerca di questo tipo, che riunisce i maggiori esperti di biodiversità, geologia, sedimentologia, oceanografia fisica, microbiologia e biochimica, oltre ad esperti di socio-economia. Si tratta del primo importante tentativo di indagare e comprendere, in maniera integrata, gli ecosistemi delle profondità marine dei mari d’Europa e il loro ambiente.

Per una preziosa integrazione scientifica

L’ERA-NET MarinERA è stata istituita per migliorare la collaborazione e il coordinamento tra i programmi di ricerca marina nazionali e regionali. Potendo vantare la partecipazione di partners provenienti dalla maggior parte delle nazioni marittime del continente, MarinERA sta lavorando anche ad iniziative transnazionali esistenti per spianare la strada verso una maggiore integrazione delle attività di ricerca marina a livello europeo e una più proficua condivisione delle infrastrutture e delle risorse.

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5