Banner Ricerca Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
ITER
Elemento grafico Home
Elemento grafico Generale
Elemento grafico Vantaggi
Elemento grafico ITER
Elemento grafico Cooperazione
Elemento grafico Ubicazione
   
image image
Elemento grafico Altri progetti tematici

 

image

Generale

Energia – garantire un approvvigionamento sicuro per il futuro

Garantire la fornitura di energia per il futuro è la sfida più importante per l’Europa e per il mondo. La società di oggi dipende da una fornitura di energia abbondante ed affidabile. I nostri principali combustibili, come petrolio e gas, stanno diventando sempre più scarsi, più costosi e costituiscono in ogni caso, considerevoli fonti di emissione di gas a effetto serra – la causa principale del riscaldamento globale.

La domanda mondiale di energia potrebbe raddoppiare nei prossimi 50 anni, con l’arricchimento delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo. Dove troveremo l’energia pulita e sicura di cui le generazioni future del mondo avranno bisogno? Una combinazione equilibrata di energie, comprese tecnologie rinnovabili come l’energia eolica, sarà necessaria per soddisfare le esigenze future, ma abbiamo anche bisogno di sviluppare nuove fonti di energia che possano fornire energia continua su larga scala e a lungo termine, senza essere nocive per l’ambiente.

Fusione: verso una soluzione internazionale per l’energia

L’energia da fusione ha il potenziale per fornire una soluzione sostenibile al fabbisogno globale ed europeo di energia. Gli scienziati si stanno incamminando verso la realizzazione di questa possibilità, con una collaborazione internazionale per un impianto di fusione sperimentale, chiamato ITER. ITER, il maggiore progetto scientifico per la ricerca sull’energia nel mondo, sta per essere costruito in Europa.

La fusione è il processo che alimenta il sole – è l’energia derivante dalla fusione che rende possibile ogni forma di vita sulla terra. Al contrario della fissione nucleare, che consiste nella scissione di un atomo pesante con conseguente rilascio di energia, la fusione rilascia grandi quantità di energia grazie all’unione di due atomi leggeri che forma un atomo di elio. All’interno del sole, l’idrogeno si scontra e si fonde a temperature estremamente alte (circa 15 milioni di gradi centigradi) e a pressioni gravitazionali elevatissime: ogni secondo, 600 milioni di tonnellate di idrogeno vengono trasformate in elio tramite la fusione.

Sulla terra, la fusione sarà riprodotta su scala ridotta rispetto al sole! Ma la scala ridotta comporta anche che le temperature necessarie debbano essere ancora più alte (di dieci volte!) per poter essere una fonte di energia di uso comune. Questa è una sfida importante e coinvolgerà scienziati e ingegneri di tutto il mondo.

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5
Elemento grafico