Banner Ricerca Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
Cooperazione nella ricerca internazionale
Elemento grafico Home
Elemento grafico Generale
Elemento grafico Salute
Elemento grafico Sicurezza alimentare
Elemento grafico Ambiente
Elemento grafico Azioni future
   
image image
Elemento grafico Altri progetti tematici

 

image

Sicurezza alimentare

Piantare i semi di una vita migliore

Come dimostrano le periodiche carestie in paesi come la Nigeria e l’Etiopia, la garanzia di un’adeguata, sana e costante fornitura di cibo e acqua potabile è vitale per la sopravvivenza e per il benessere generale.

La dieta umana deriva da molte fonti principali, quali piantagioni, animali d’allevamento e risorse ittiche. La sicurezza alimentare dipende dalla nostra capacità di accedere costantemente a forniture di cibi sani e in quantità sufficiente. Tuttavia, le crisi economiche e politiche compromettono tale sicurezza, in particolare quando le normali catene di distribuzione alimentare sono messe a dura prova dalla crescita della popolazione umana, il cambiamento degli stili di vita, i cambiamenti climatici, (che possono essere sia positivi che negativi), il diffondersi della deforestazione e desertificazione e la rapida urbanizzazione. Questo significa che ogni disordine o anomalia può avere conseguenze potenzialmente disastrose.

Tempi difficili per il tempo

Le ricerche sulla siccità, sulla resistenza dei parassiti e sulla tolleranza allo stress abiotico possono aiutare a sostenere la sicurezza alimentare nelle popolazioni più vulnerabili del mondo in zone marginali. Grazie alla cooperazione internazionale, gli scienziati possono sviluppare colture più resistenti in grado di sopportare condizioni atmosferiche locali estreme e di gestire la presenza di parassiti in modo più sostenibile, senza provocare danni all’ambiente, al contrario dei pesticidi chimici attualmente disponibili.

Inoltre, INCO può aiutare a trovare soluzioni alle emergenti minacce sanitarie per gli animali d’allevamento, come l’impegno internazionale per comprendere la diffusione dell’influenza aviaria in Asia. Opera inoltre nel settore dell’ allevamento del pesce cercando alternative agli antibiotici utilizzati nell’alimentazione.

Le due facce di El Niño

El Niño è un fenomeno che sovverte gli schemi dei fenomeni atmosferici e marini nelle regioni tropicali dell’Oceano Pacifico. Tra le sue conseguenze si possono annoverare: scarsità di risorse ittiche al largo di Perù e Cile, aumento delle piogge in alcune parti delle Americhe, che hanno provocato inondazioni distruttive, e siccità nel Pacifico Occidentale, che tra le altre cose, ha provocato in Australia incendi devastanti della macchia. Il progetto ELNIÑO finanziato dall’UE ha rivelato che gli anni piovosi di El Niño possono avere effetti estremamente positivi sulla produttività delle piantagioni e degli animali in ecosistemi semiaridi. Ha studiato l’influenza dell’aumento delle piogge sulla rigenerazione delle piante native in aree degradate del Cile e del Perù. I ricercatori hanno scoperto che gli episodi di El Niño possono effettivamente portare alla rigenerazione delle foreste ma che esistono notevoli differenze regionali.

Grano per tutte le condizioni

Il granturco rappresenta uno degli alimenti base più importanti in America Latina e in alcune parti dell’Africa. In termini di peso, ogni anno, a livello mondiale, la produzione di granturco è superiore a quella di ogni altro tipo di cereale. Con l’aumento dell’acidità del terreno e la coltivazione di terreni più marginali, è necessario scoprire nuovi modi per permettere al granturco, che ha radici poco profonde e necessità di piogge regolari, di crescere in tali condizioni. GRANTURCO PER TERRENI ACIDI è un progetto finanziato dall’UE che ha sviluppato strategie avanzate per la coltivazione sostenibile del granturco su terreni ad alta acidità in paesi tropicali in via di sviluppo, ha migliorato le pratiche di coltivazione e formato un gran numero di giovani scienziati per affrontare gradualmente l’impatto.

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5
Elemento grafico